Formazione 20 ottobre 2015

Il successo di “e-bola” alla Festa del Cinema

Il primo film formazione fa il tutto esaurito alla kermesse di Roma. Arriva il plauso del mondo del cinema e delle istituzioni: «Un tributo per la classe medica e uno strumento a disposizione dei camici bianchi di tutto il mondo»

Immagine articolo

Gli “ebola fighters” protagonisti della Festa del Cinema di Roma. Ha riscosso grande successo la prima di “e-bola”, il primo film formativo ed informativo per la classe medica prodotto da Falcon Production per Consulcesi e diretto da Cristian Marazziti. La pellicola, fortemente voluta dal Direttore Artistico Antonio Monda nella sezione “Risonanze”, ha già raccolto il plauso unanime della critica e di chi ha a che fare ogni giorno con emergenze sanitarie come quella, appunto, che ha messo in ginocchio l’Africa Occidentale.


Uno degli spettatori illustri della premiére è stato Ranieri Guerra, Direttore Generale Prevenzione Sanitaria del Ministero della Salute, che ai microfoni di Sanità informazione ha espresso l’apprezzamento per questo progetto: «C’era un assoluto bisogno di un film come “e-bola”, perché penso che avere la possibilità di raggiungere il grande pubblico mostrandogli quel che accade davvero sul campo sia un bene per tutti. Così come è estremamente utile il rigore scientifico usato perché contribuisce a far maturare una cultura corretta sotto il punto di vista scientifico. Vediamo proprio in questi giorni – continua Guerra – in cosa consista la cultura scientificamente non corretta con le incredibili e inutili polemiche sulle vaccinazioni. Il metodo utilizzato nella realizzazione di “e-bola” è invece fondamentale per avvicinare il grande pubblico a questo tipo di tematiche e dare un minimo di informazioni corrette a chi non è del mestiere».

“e-bola” è infatti molto più di un semplice film: annunciato lo scorso 15 luglio di fronte ad una platea internazionale di istituzioni del mondo sanitario, la pellicola fa parte di un più ampio progetto formativo nato per coniugare la formazione per il personale sanitario di tutto il mondo e l’informazione per il grande pubblico. Il rigore scientifico del film è garantito dalla consulenza scientifica dei medici e delle strutture che hanno fronteggiato il virus: l’Istituto per le Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani” e l’Università “Sapienza” di Roma. Il progetto si completa con le pillole formative accreditate Agenas, l’ente pubblico di supporto al Ministero della Salute che si occupa di ECM (Educazione Continua in Medicina), obbligatoria per i medici.

«L’idea di fare un film formativo sul tema Ebola – ha spiegato invece il regista Christian Marazziti – è venuta a Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi Group e Falcon Production, che mi ha parlato più volte della sua intenzione di creare qualcosa di nuovo per formare ed informare sia gli operatori sanitari che la gente comune su un tema così importante. Il tutto cercando di trovare chiavi narrative interessanti per mantenere la tensione drammatica del film, senza cadere mai nel didascalico. Credo che ci siamo riusciti».

«Il nostro – ha spiegato infine il produttore di “e-bola”, Massimo Tortorella – è un progetto sperimentale che vuole senza dubbio essere cinematografico, ma che si è prefisso anche l’intenzione di raggiungere altri obiettivi. La prima caratteristica di “e-bola” – continua Tortorella – è che di solito questo genere di film arriva “postumo”, ovvero molto tempo dopo che un determinato evento si è verificato: pensiamo, ad esempio, all’11 settembre. Questo, invece, è un film attuale, che parla di un problema che continua ad esistere nonostante i riflettori della stampa internazionale si siano un po’ abbassati. Vengo dall’Inghilterra e lì la settimana scorsa un’infermiera che aveva contratto il virus Ebola, ed era guarita, è ricaduta nella malattia; l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha inoltre stabilito che, purtroppo, esiste una recrudescenza dell’Ebola. Insomma, non se ne parla più tanto ma noi vogliamo continuare a parlarne. E vogliamo farlo in maniera intelligente, attraverso un film che, spero, piacerà a tutti».

Articoli correlati
“Ho amici in Paradiso”: la disabilità raccontata dai disabili. ‘Er Cipolla’ Enzo Salvi: «Un grande messaggio sociale»
Disabili? No, attori che mettono in scena la loro realtà. Questa sera su Rai 1 il film di Fabrizio Maria Cortese con i pazienti del Centro di riabilitazione psichica Don Guanella a fare da interpreti con Valentina Cervi e il comico Enzo Salvi che racconta ai microfoni di Sanità Informazione: «Una pellicola che diventerà portabandiera per la disabilità»
e-bola e i medici eroi alla Festa del Cinema di Roma
Il primo film formazione per cittadini e operatori sanitari ospite della rassegna internazionaleIl direttore artistico Antonio Monda: «Film nobile per le finalità e per la tematica trattata»
Quando il cinema mette in scena la medicina…
La corsia diventa un set cinematografico con il film formazione 'e-bola' di indiscussa utilità sociale. I protagonisti sei ricercatori eroi che combattono la lotta contro la diffusione del virus ebola in Sierra Leone, cercandone una cura. Haber: «Una storia avvincente e istruttiva». Moccia: «Un progetto unico». Poggi: «La nostra dedica ai medici coinvolti»
«Continuare ad investire nella formazione per essere preparati alle emergenze»
Il prof. Ippolito (“Spallanzani”) sottolinea l’importanza della «capacità di risposta» dopo il monito del Premier Renzi
Film e-bola, Traorè: «L’innovazione di web e cinema per formare i nostri medici e quelli di tutto il mondo»
Le parole del consigliere dell’Ambasciata della Guinea in Italia, mentre in Africa la situazione torna a peggiorare: «Necessario coordinamento internazionale per la formazione del personale sanitario»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Salute

Fabrizio Frizzi: «Sulla salute non si scherza, ecco perché voglio medici aggiornati e voglio sapere tutto…»

Il popolare conduttore ai microfoni di Sanità Informazione parla del suo rapporto con la salute ed i camici bianchi: «Non sono ipocondriaco, ma sto attento ai segnali». Il racconto di quando donò ...
Lavoro

Cumulo contributivo, la carica dei 130mila. Oliveti: «Siamo pronti ma non è giusto che sia l’Inps a pagare i medici…»

«Il cumulo è diritto di civiltà, ma l’Enpam già prevedeva totalizzazione interna gratuita». A Sanità Informazione, il commento del Presidente della Cassa previdenziale dei medici Alberto Olive...