Formazione 28 novembre 2017

Borse di studio ai farmacisti, la “crociata” del Senatore D’Ambrosio Lettieri (FOFI): «Ingiustizia che va sanata»

Il Vicepresidente della Federazione Ordini dei Farmacisti Italiani conferma ai nostri microfoni la volontà di equiparare il trattamento economico dei farmacisti ospedalieri a quello dei medici: «O si approva legge o ci rivolgeremo ai ricorsi alla magistratura»

Fare in modo che agli specializzandi in Farmacia Ospedaliera venga corrisposta una borsa di studio paragonabile a quella dei medici. È questa la crociata lanciata già da alcuni anni – ma ribadita nel corso del 38esimo convegno SIFO (Società Italiana di Farmacia Ospedaliera) che ha avuto luogo lo scorso 23 novembre a Roma – dal Senatore GAL e Vicepresidente FOFI Luigi D’Ambrosio Lettieri. «È un’ingiustizia che va sanata», ha spiegato dal palco nel corso del suo intervento. Concetto ribadito ai nostri microfoni: «È arrivato il momento di risarcire tutti quei giovani farmacisti che svolgono il loro percorso formativo durante gli anni di specializzazione con un’adeguata borsa di studio».

Il Senatore ricorda ai nostri microfoni la battaglia fatta dai medici proprio per ottenere la borsa di studio garantita da specifiche direttive europee ma non elargita dallo Stato italiano tra gli anni 1978 e 2006: «Dopo 20 anni i camici bianchi italiani hanno vinto finalmente la loro battaglia», e mentre ora i medici specializzandi ricevono correttamente la borsa di studio che spetta loro, chi non l’ha ricevuta in passato «lotta ancora oggi per vedersi riconosciuto un vecchio diritto».

LEGGI ANCHE: SPECIALIZZAZIONI E BORSE DI STUDIO DEI FARMACISTI: «VOGLIAMO EQUIPARAZIONE CON MEDICI»

«Sto portando avanti questa crociata – continua D’Ambrosio Lettieri – insieme ad altri colleghi in Parlamento già dalla scorsa legislatura. Lo scopo è quello di dare ai farmacisti quel che è semplicemente un diritto: essere riconosciuti come operatori specializzandi dell’area sanitaria non medica. Attraverso la borsa di studio i nostri giovani potranno avere legittimazione in un percorso che li porterà a diventare figure rilevanti e importanti del nostro Sistema sanitario nazionale». Tutto sta, però, nell’approvare la proposta di legge che equipara i due trattamenti: «Nel caso in cui questa legge non dovesse passare – avverte il Senatore – evidentemente non avremo alternativa se non quella di rivolgerci a chi in questi anni ha battagliato nelle sedi nazionali ed europee, presso i Tribunali e la Corte di Giustizia, per fare in modo che siano i giudici a fare quel che non fanno i legislatori».

Articoli correlati
Sempre più anziani, sempre meno geriatri. Il paradosso spiegato dal Presidente della Società Italiana di Gerontologia e Geriatria
Ogni anno sono solo 164 le borse di studio per geriatria. Raffaele Antonelli Incalzi: «Dovrebbero essere almeno 300 e vanno formati anche medici di famiglia ed altri specialisti». E aggiunge: «A livello politico manca consapevolezza del problema»
Bergamo, parte il master per formare i futuri manager del settore sanitario
L’Università degli Studi di Bergamo e il Gruppo ospedaliero San Donato hanno inaugurato il Master di I livello in Management delle Aziende Ospedaliere. La nuova offerta formativa post lauream è pensata per i futuri manager del settore sanitario. L’inaugurazione è stata aperta dall’intervento del professor Remo Morzenti Pellegrini, Rettore dell’Università degli Studi di Bergamo, seguito […]
Ge Healthcare Italia: riparte il Learning Center per formare i professionisti sanitari
GE Healthcare riapre le porte del suo Learning Center, un’accademia specializzata nell’utilizzo di tecnologie medicali d’avanguardia, con lezioni in aula e da remoto, per formare i professionisti sanitari di tutto il Paese. Dopo il grande successo del 2017 – durante il quale oltre 1.000 medici hanno preso parte alle attività formative – ripartono i corsi gratuiti di formazione […]
Retribuzione, Irpef, contributi e assicurazione: ecco quanto perdono gli MMG in formazione. E scattano i ricorsi
La mappa delle disparità di trattamento che gli MMG subiscono da 25 anni nella specializzazione. Scattata un'azione legale collettiva per ottenere rimborsi fino a 150mila euro
Sanità, Pediatri firmano Accordo collettivo. Biasci (Fimp): «In media 800-900 euro in più»
Il testo prevede un ruolo più attivo dei professionisti nell'assistenza dei pazienti cronici e facilitazioni per l'ingresso di giovani pediatri nella professione. Ora tocca alle regioni sviluppare gli obiettivi prioritari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Nuovi LEA, assistenza psicologica diventa diritto. Lazzari (CNOP): «Svolta per professione e cittadini»

«Grazie ai nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, il supporto psicologico sarà garantito». Con Davide Lazzari, coordinatore della Task Force sui LEA, istituita dall’Ordine degli Psicologi, riper...
di Isabella Faggiano
Salute

Carenza medici, Anaao: «35mila specialisti via nei prossimi cinque anni». Biasci (FIMP): «Pediatri a rischio, servono risorse e strutture»

Studio rivela: dai cardiologi ai ginecologi, dieci specializzazioni a rischio estinzione. Palermo: «Aumentare le borse di studio o far accedere i giovani medici al Ssn dopo la laurea». Il Presidente...
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Lavoro

Medici in pensione, liquidato il primo cumulo e gli aumenti per inflazione. Ecco quanto crescono gli assegni

L’Enpam comunica che appena le autorità vigilanti daranno il via libera arriveranno gli adeguamenti scattati dal primo gennaio con tutti gli arretrati. Intanto arriva la liquidazione della prima pe...