Salute 12 gennaio 2018

Aborti, prosegue il calo: meno di 85mila nel 2016. Aumentano i medici obiettori

Aborti in calo in Italia, anche se il trend è in diminuzione. Campania e Provincia di Bolzano maglie nere dei punti Igv. Cresce, seppur di poco, il numero degli obiettori. Sono alcuni dei dati contenuti nella Relazione annuale del Ministero della Salute al Parlamento sull’applicazione della Legge 194 del 1978, che si riferisce al 2016 […]

di Giovanni Cedrone

Aborti in calo in Italia, anche se il trend è in diminuzione. Campania e Provincia di Bolzano maglie nere dei punti Igv. Cresce, seppur di poco, il numero degli obiettori. Sono alcuni dei dati contenuti nella Relazione annuale del Ministero della Salute al Parlamento sull’applicazione della Legge 194 del 1978, che si riferisce al 2016 anche se la rilevazione è proseguita fino ad ottobre 2017.

In primo piano il dato generale sulle interruzioni di gravidanza, per la prima volta sotto i 60mila per le cittadine italiane. Il calo non è una novità, segue una tendenza che va avanti da tre anni, anche se quest’anno è di entità minore rispetto al 2014 e al 2015. Una diminuzione che potrebbe essere almeno in parte collegata alla determina Aifa che ha eliminato, per le maggiorenni, l’obbligo di prescrizione medica dell’Ulipristal acetato (ellaOne), contraccettivo d’emergenza noto come “pillola dei 5 giorni dopo”.

Il numero di aborti totali eseguiti riferito dalle Regioni è stato di 84.926, in calo del 3.1% rispetto al 2015, anno in cui fu registrato un -9.3%. Dato più che dimezzato rispetto ai 234.801 del 1982, anno in cui fu riscontrato il valore più alto in Italia. Il rapporto di abortività, ossia il rapporto tra il numero di aborti volontari su 1000 nati vivi, è di 182.4, con un decremento pari a 1.4% rispetto al 2015. Non bisogna dimenticare, però, il calo demografico: in questi due anni i nati sono diminuiti di 7.910 unità. Per quanto riguarda l’aborto farmacologico con la pillola RU486, rappresenta il 15,7% del totale contro il 15,2% dell’anno scorso. I consultori sono solo 0,6 ogni 20mila abitanti.

Dalla relazione emergono disomogeneità sui tempi di attesa tra le Regioni, che in linea generale sono in calo. Le interruzioni volontarie di gravidanza vengono effettuate nel 60,4% delle strutture nazionali disponibili con una copertura adeguata, tranne che in Campania e nella Provincia di Bolzano dove risulta un numero di punti Ivg inferiore al 30% delle strutture censite. Raggiunge quasi il 70,9% la percentuale di medici ginecologi obiettori nel nostro Paese (dato del 2016), un dato che sembra stabilizzarsi (era il 70,5% nel 2015). Aumento anche tra gli anestesisti obiettori: più 1,3%, passando dal 47,5 al 48,8%. Forti differenze tra Regioni: in Molise si raggiunge il 96,6% tra i ginecologi, in Basilicata l’88,1%, in Puglia l’86,1%, in Abruzzo l’85,2. Il numero degli obiettori non sembra, però, influire sui tempi di attesa: ad incidere è il modo in cui le strutture sanitarie si organizzano nell’applicazione della Legge 194/78.

Per le donne italiane il tasso di abortività per il 2016 è stato pari a 3.1 per 1000. Valore identico a quello del 2015, ma in diminuzione rispetto agli anni precedenti, con livelli più elevati nell’Italia centrale. Tuttavia il dato resta sempre più basso rispetto agli altri Paesi dell’Europa Occidentale. Dalle informazioni fornite dalle Regioni emerge che le giovanissime, tra i 15 e i 20 anni, delle generazioni più recenti mostrano un andamento diverso rispetto a quello di altre fasce d’età: negli ultimi anni è stato registrato un aumento, seguito da una stabilizzazione e poi da una diminuzione. Al tempo stesso in questa fascia di età risulta una minore diffusione dell’uso della pillola. La bassa percentuale tra le giovani italiane sia di gravidanze che di interruzioni volontarie rispetto ai Paesi Nord Europei, viene spiegata con il fatto che restano più a lungo in famiglia e gestiscono quindi anni di attività sessuale, non solo in età adolescenziale, continuando a vivere con i genitori. Questo fa sì che la frequenza dei rapporti sessuali e il numero dei partner siano inferiori rispetto ai coetanei di altri Paesi europei.

Gli aborti sono in diminuzione anche per le donne straniere residenti nel nostro Paese. Un terzo delle interruzioni di gravidanza volontarie viene praticato da loro e, secondo i dati, le donne straniere in età fertile hanno un maggior rischio di abortire rispetto alle italiane. Sia per le donne italiane che per le straniere, nelle ultime generazioni, sono le ventenni a mostrare un ricorso più elevato all’aborto volontario. Molto interessante il dato relativo al livello di istruzione: donne con titolo di studio più basso presentano valori di abortività più elevati in tutte le generazioni.

 

Articoli correlati
Obesità materna, un serio problema sia per le donne in gravidanza che per i neonati
L’obesità è ormai ufficialmente identificata come un’epidemia globale ed è considerata come uno dei più grandi problemi di salute del XXI secolo. I recenti dati dell’OMS sono allarmanti: dal 1975 la prevalenza a livello mondiale dell’obesità è quasi triplicata e si è attestata al 13%, con un valore assoluto di 650 milioni di individui obesi al […]
Diagnosi genetica preimpianto, il primo centro pubblico a Cortona
Importanti novità in tema di Procreazione Medica Assistita. Oggi a Cortona (Arezzo), presso l’Ospedale Santa Margherita Di Cortona Loc. La Fratta, avverrà la presentazione di PMA Italia e del nuovo servizio volto a prevenire la trasmissione di alterazioni genetiche. L’occasione sarà propizia per la dimostrazione del nuovo servizio di diagnosi genetica preimpianto (PGD secondo l’acronimo) che viene effettuato […]
Obiettori visti dagli Usa
Con grande attenzione ho seguito la vicenda del bando e assunzione di due ginecologi non obiettori da parte dell’Ospedale San Camillo. Premetto che l’intera vicenda è di difficile interpretazione da parte di osservatori esterni o da parte di chi, come me, da anni esercita la professione all’estero e ha una conoscenza limitata di leggi o […]
di Claudio Loffreda-Mancinelli
San Camillo, Zingaretti (Lazio): «Garantire tutti i diritti». Senatori Pd: «Serve Ddl per concorsi ad hoc»
Due ginecologi assunti al San Camillo di Roma tramite un concorso della Regione Lazio destinato soltanto a chi non vuole fare obiezione di coscienza. Il Presidente della Regione: «Il bando non esclude gli obiettori». Senatori Cirinnà, Lo Giudice e Lumia: «Zingaretti ha aperto una strada giusta»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...