Politica 5 maggio 2014

Responsabilità professionale: la Commissione Affari Sociali prepara un testo unico

Importanti innovazioni arrivano dal regolamento del Ministero della Salute

Immagine articolo

Il prossimo 14 agosto tutti gli operatori della sanità dovranno obbligatoriamente sottoscrivere un’assicurazione, in modo da tutelarsi economicamente contro eventuali ricorsi da parte di pazienti convinti di esser stati i protagonisti di un episodio di malpractice. La Commissione Affari Sociali della Camera ha deciso di affrontare di petto i problemi legati all’avvicinarsi di questa scadenza e sta preparando un testo unico sulla materia.

Nel frattempo il Ministero della Salute ha stilato il regolamento sulla reponsabilità professionale introducendo alcune importanti innovazioni. Tra queste: creazione di un fondo rischi sanitari a cui poter accedere nel caso in cui il premio chiesto non rientri nei paletti imposti da un Comitato ad hoc; durata minima delle polizze di tre anni e possibilità di stipulare convenzioni collettive; possibilità per le compagnie di recedere solo nel caso in cui il medico si macchi di una reiterata condotta colposa passata in giudicato.

L’imperativo è quello di far presto per evitare un preoccupante collasso del Sistema Sanitario Nazionale. La data del 14 agosto viene infatti vista con timore, in quanto si teme che non tutti i medici riusciranno a stipulare una polizza assicurativa (già oggi alcune tipologie di medico non riescono a trovare una compagnia disposta ad assicurarli) e a farlo a costi contenuti.

Ciò avverrebbe perché negli ultimi anni si è assistito ad una vera e propria impennata non soltanto del numero di contenziosi aperti nei confronti dei medici, ma anche – e conseguentemente – del costo medio delle polizze assicurative. Da ciò è derivato un innalzamento altrettanto corposo delle spese legate alle pratiche di medicina difensiva, considerata dai camici bianchi fondamentale per avere le spalle coperte in caso di controversia legale.  Spese che, ad oggi, ammontano a circa il 10 per cento della spesa per la Sanità italiana.

Per cercare di dare un ordine alla vera e propria selva di proposte di legge depositate alla Camera (al momento ne sono sette) e per tentare di imprimere una svolta quanto più condivisa possibile alla questione, la XII Commissione di Montecitorio ha dunque deciso di dar vita ad un comitato che avrà il compito di redigere un testo unico che regolamenterà definitivamente la materia. I componenti di questo team verranno designati dal Presidente dopo aver ascoltato le indicazioni provenienti dai gruppi. Il documento redatto dovrebbe trovare un ampio consenso, in quanto farà propri gli spunti provenienti dai testi già presentati dai vari deputati.

Le proposte presenterebbero infatti non pochi punti in comune. Tra questi spiccano la necessità di rendere più omogeneo a livello nazionale il sistema di prevenzione degli episodi di malasanità e l’istituzione di un osservatorio che tenga sotto controllo sia gli errori commessi dai medici sia i comportamenti delle compagnie assicurative.

Articoli correlati
La nuova responsabilità sanitaria e la sua assicurazione, la parola a Federico Gelli
Il 19 ottobre a Roma, il Responsabile Sanità del Pd Federico Gelli, gli avvocati Maurizio Hazan e Daniela Zorzit, i tre autori del libro “Nuova responsabilità e la sua assicurazione”, illustreranno l’impatto della Legge Gelli sulla responsabilità medico-sanitaria in campo penale e civile. A moderare l'incontro la giornalista RAI Vira Carbone
Chirurgia, l’assurda crisi italiana. Marini (ACOI): «Siamo i più bravi, ma dovremo assumere stranieri. Benvenuta Legge Gelli»
«Formazione, calo delle vocazioni e chirurgia omissiva i nodi da sciogliere. Importante la Legge Gelli, ma aspettiamo decreti e tabelle assicurative». Parla il Presidente dell’Associazione dei Chirurghi Ospedalieri Italiani
Legge Gelli, arriva circolare dei magistrati
Federico Gelli, relatore della riforma della Responsabilità Professionale in sanità, rivela ai nostri microfoni che a breve «il CSM invierà ai Tribunali di tutta Italia indicazioni su come organizzare i collegi peritali per pronunciarsi sulle richieste di risarcimento»
Federico Gelli: «Gestione del rischio e assicurazioni, arriva una guida per orientarsi nel nuovo corso della responsabilità sanitaria»
Pubblicato un importante volume dell’Editore Giuffrè: «La nuova responsabilità sanitaria e la sua assicurazione. Commento sistematico alla Legge Gelli»
Legge Gelli, pronto il decreto che istituisce l’Osservatorio nazionale delle buone pratiche sulla sicurezza nella sanità
Istituito all’interno dell’AGENAS e composto da direttori generali del Ministero della Salute e da cinque esperti, si occuperà di monitorare le buone pratiche, di fornire indicazioni sulla gestione del rischio clinico e di individuare misure idonee per la formazione e l’aggiornamento del personale sanitario
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi: 62 milioni di euro di rimborsi. Ma arriva la prescrizione…

Lavra (OMCeO Roma): «Felice per i colleghi rimborsati, Consulcesi patriottica». Andrea Tortorella (Ad Consulcesi): «Cifra emblematica, consigliamo a tutti i camici bianchi di muoversi prima della p...
Lavoro

Medici di famiglia, Lorenzin: «Sono le nostre braccia sul territorio. Più risorse da Def e fondi regionali»

«Investiamo sul capitale umano, i nostri medici di famiglia sono l’anello forte della catena» così il Ministro Lorenzin intervistata al 74° Congresso Nazionale Fimmg. Ecco le ultime novità su D...
Lavoro

«Ritardi e penalizzazioni, no a Italia senza medici» parla Noemi Lopes (FIMMG Giovani), in piazza il 28 settembre

«Un ricambio generazionale sempre più ingessato, una fuga di cervelli sempre più massiccia, crollo della medicina generale: ecco il futuro del comparto medico italiano». Bando per l’accesso alle...