Politica 21 luglio 2014

Patto per la Salute tra accordi e disaccordi, al via il confronto delle idee

Sul testo varato da Ministero e Regioni la parola ai Giovani Medici e agli Infermieri

Immagine articolo

Con il Patto per la Salute approvato in via definitiva la sanità italiana è chiamata a fare i conti con le novità previste nel testo per potersi, se necessario, riorganizzare.

Moltissime le reazioni al documento da parte degli addetti ai lavori. Da ultime quelle di SIGM e Nursind, profondamente diverse l’una dall’altra.

I Giovani Medici appaiono infatti abbastanza soddisfatti per il risultato ottenuto da Ministero e Regioni: “Riteniamo che il Patto per la Salute – spiega in una nota il Segretariato Italiano Giovani Medici – contenga le premesse per un possibile cambio di rotta in tema di valorizzazione del capitale umano della sanità, a cominciare dalle giovani generazioni di professionisti”. In particolare, è l’articolo 22 del testo, denominato “Gestione e sviluppo delle risorse umane”, a riscuotere consensi per l’applicazione del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri cosiddetto “salvaprecari” e per le modifiche nei meccanismi di assunzione del personale sanitario anche per le regioni che si trovano alle prese con il piano di rientro dal debito.

Ma se ottimisti e tutto sommato contenti appaiono i Giovani Medici, un po’ meno lo sono gli infermieri. Il timore, per il Sindacato delle Professioni Infermieristiche, è che ci si debba accontentare di “una pacca sulla spalla” e di un Patto che non prevede oneri per le casse pubbliche, per cui tutto rischia di ricadere sulle spalle dei lavoratori. In aggiunta, altre perplessità vengono espresse nei confronti della natura non definitiva del testo approvato, in quanto lo stesso contiene, in molte parti, rimandi ad accordi da definirsi entro la fine di questo anno. Si tratterebbe, dunque, della “cornice di un quadro di cui non conosciamo ancora il disegno”.

Articoli correlati
Caldo, allerta del Ministero della Salute: da domani ondata di calore estesa in tutta Italia
I bollettini del sistema di previsione e allarme delle ondate di calore (HHWWS), coordinato dal ministero della Salute, evidenziano condizioni di rischio per la salute nella maggior parte delle città del Nord e del Centro con temperature in ulteriore aumento per domani e dopodomani con livelli 2-3 nella maggior parte delle città italiane e si prolungheranno […]
Virus West Nile e Usutu, Ministero della Salute attiva Piano di sorveglianza e risposta 2018
Sono circa una decina i casi accertati di infezione da West Nile Virus in Veneto. Il Ministero della Salute ha emesso di recente una circolare con il ‘Piano di sorveglianza e risposta ai virus West Nile e Usutu – 2018‘. «Complessivamente in Italia, dal 2008 al 2017 sono stati notificati oltre 247 casi umani autoctoni […]
Fondazione Ime, la protesta dei lavoratori: «Chiusura ingiustificabile. A rischio anche il diritto alle cure di molti pazienti da tutto il mondo»
“Ricollocazione”: è questa la richiesta unanime dei professionisti dell’Istituto Mediterraneo di Ematologia che, dopo 15 anni di prestigiosa attività di cooperazione sanitaria internazionale, rischia la chiusura. Lavoratori chiedono un incontro con le Istituzioni
di Isabella Faggiano
Specializzandi, Lorefice (M5S): «Basta fughe di cervelli, ora priorità è cambiare il sistema di formazione post-laurea»
La Presidente della Commissione Affari Sociali della Camera plaude all’annuncio del Ministro Giulia Grillo della creazione di un gruppo di lavoro sul tema: «L’Italia che abbiamo in mente non può fare a meno delle sue migliori menti, nell’interesse di tutti»
Morbillo, nessun allarme di casi dall’Italia al Regno Unito
Il ministero della Salute – come da impegni presi dal ministro Giulia Grillo nel corso della recente conferenza stampa sul tema dei vaccini – attraverso la Direzione generale della prevenzione sanitaria, rende note le informazioni scambiate sui casi di morbillo nell’ultimo semestre tra il nostro Paese ed il Regno Unito (UK), per mezzo del sistema […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»

È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E ...
Salute

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», ...
Lavoro

Tasse e contributi, come non sbagliare la dichiarazione. La guida completa alla compilazione del Modello D

Entro il 31 luglio i camici bianchi che hanno svolto attività libero professionale nel 2017 devono compilare nell’area riservata Enpam il Modello D. Ecco come scegliere le aliquote, come calcolare ...