OMCeO, Enti e Territori 19 aprile 2017

Zingaretti presenta il nuovo piano per abbattere le liste d’attesa nel Lazio

Il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ha presentato il piano 2016-2018 volto a raggiungere l’obiettivo di erogare entro i tempi stabiliti il 90% delle prestazioni, nelle strutture più vicine ai cittadini. Il piano prevede innanzi tutto la differenziazione delle prestazioni tra il primo accesso e le successive visite di controllo. I primi accessi verranno […]

Il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ha presentato il piano 2016-2018 volto a raggiungere l’obiettivo di erogare entro i tempi stabiliti il 90% delle prestazioni, nelle strutture più vicine ai cittadini. Il piano prevede innanzi tutto la differenziazione delle prestazioni tra il primo accesso e le successive visite di controllo. I primi accessi verranno prioritarizzati dai medici generali con dei codici: U per le urgenze (da eseguire entro le 72 ore); B (breve) da eseguire entro 10 giorni; D (differibile) per le quali si può attendere 30 giorni per le visite e 60 giorni per le prestazioni strumentali, e P (programmata), entro 180 giorni. Le visite di controllo verranno poi programmate direttamente dal medico o dalla struttura che prende in carico il paziente. Inoltre le strutture sanitarie dovranno condividere le loro agende e rendere quindi trasparenti appuntamenti e tempi di attesa. Per smaltire le code che si erano accumulate, da maggio per 12 settimane si anticiperanno gli appuntamenti già prenotati per eseguire le ecografie e le visite specialistiche più richieste (diagnostica ecografica capo e collo; ecografia mammella bilaterale e monolaterale; ecografia addome superiore, inferiore e completo; ecografia ostetrica; ecografia ginecologica; visita cardiologica + ecg; visita dermatologica; visita oculistica), mentre da settembre le aziende dovranno garantire l’apertura dei servizi e l’impiego dei macchinari fino alle 22 e nei weekend. Cambiano le regole anche per quanto riguarda l’intramoenia, ovvero l’attività libero professionale ambulatoriale, che dovrà essere ridotta o sospesa dalle aziende sanitarie nel caso in cui le attese superassero i limiti stabiliti. Quest’ultima disposizione è stata particolarmente criticata da diverse organizzazioni di rappresentanza dei medici, sottolineando come la causa delle lunghe liste di attesa non sia ai continui tagli al personale e non all’intramoenia, che al contrario rappresenterebbe una risorsa per il sistema sanitario.

Articoli correlati
Caldo, Regione Lazio: «In campo 5mila medici di famiglia e una nuova app»
Per contrastare il grande caldo che sta interessando l’intero territorio regionale nelle ultime ore, è stato attivato il Piano della Regione Lazio per le Ondate di Calore. Il Piano è rivolto in particolare agli anziani dai 65 anni con l’obiettivo di garantire l’assistenza nelle giornate con le temperature più alte. La copertura assistenziale è assicurata da oltre 5.000 medici di medicina generale che […]
Regione Lazio, istituito Osservatorio sulle aggressioni al personale medico
Approvata la Delibera per istituire l’Osservatorio sulla sicurezza degli operatori sanitari, una struttura fortemente richiesta per comprendere meglio il fenomeno delle aggressioni al personale sanitario che negli ultimi mesi ha visto aumentare a livello nazionale il numero dei casi denunciati. Come specificato sul sito della Regione Lazio, l’Osservatorio avrà il compito di quantificare il fenomeno delle […]
Leoni (FNOMCeO): «La più grande sfida del 2018 per gli ospedali? Pianificare le ferie dei medici»
Il Vicepresidente FNOMCeO e Presidente dell’OMCeO di Venezia avverte: «Se non si aumentano le borse di studio per specializzazioni e corsi MMG assisteremo ad un peggioramento del SSN, e anche con una certa velocità»
Rosy Bindi, madre dell’intramoenia, ricorda: «È nata per abbattere le liste d’attesa, ma è stata gestita da apprendisti stregoni»
L’ex Ministro della Sanità consiglia a Giulia Grillo di ripartire dagli investimenti: «Gli ultimi per la sanità risalgono ai governi dell’Ulivo, ma un settore come questo non si governa senza investimenti in tecnologia, edilizia o formazione». E sui fondi integrativi aggiunge: «Sono il vero cavallo di Troia che sta mettendo a rischio l’universalismo del SSN»   
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Ambulatori aperti week-end e festivi, Magi: «A breve l’accordo regionale per la specialistica ambulatoriale»
Il Dottor Antonio Magi, Presidente dell’Ordine dei Medici di Roma, è intervenuto questa mattina nel corso del programma Genetica Oggi, condotto da Andrea Lupoli, su Radio Cusano Campus. Il Presidente è intervenuto sulla questione dell’apertura degli ambulatori nel periodo festivo e nei weekend. «Una buona iniziativa per molti cittadini che hanno bisogno di un punto […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»

È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina ...
Diritto

Consenso informato, l’avvocato Pittella: «Per medico meno responsabilità civile o penale»

«I giudici in caso di contenzioso chiedono al paziente se è stato correttamente informato. Ma come si fa a saperlo? Un video, un audio, un consenso scritto in presenza dei testimoni? Questo è quell...
Formazione

Numero chiuso, 800 posti in più a Medicina. Gaudio (Sapienza): «Necessari per far fronte a carenza medici»

Saranno 9779 gli aspiranti camici bianchi che potranno immatricolarsi in autunno. Comunicate anche le date dei test: si inizia il 4 settembre con Medicina e Odontoiatria, il 5 con Veterinaria, il 12 s...