Lavoro 29 novembre 2017

Lo studio dell’OMCeO di Roma: 66% dei medici ha subito aggressioni. Lavra: «Vergognoso per Sistema Paese»

Lo studio, condotto dall’Università Sapienza, accende i riflettori sulle conseguenze psico-fisiche delle aggressioni, fisiche e verbali, agli operatori sanitari. Cappellano (Tesoriere OMCeO Roma): «Importanti i corsi per riconoscere aggressività latente»

Immagine articolo

Il 66% dei medici ha subito, almeno una volta nel corso della propria vita lavorativa, un’aggressione. Le donne sono più colpite rispetto agli uomini (71% contro 63,2%), i giovani più degli anziani. Sono i risultati della ricerca “Il fenomeno aggressioni al personale sanitario: uno studio osservazionale dei medici dell’Ordine di Roma”, argomento della tesi di laurea di Mattia Marte, condotta insieme al Professore dell’Università Sapienza di Roma Giuseppe La Torre. Lo studio, commissionato dall’Ordine dei Medici di Roma, ha coinvolto mille medici ed è stato presentato nei giorni scorsi nella sede dell’OMCeO alla presenza del Presidente Giuseppe Lavra e del Tesoriere dell’Ordine Ernesto Cappellano.

Nella maggior parte dei casi si tratta di aggressioni di natura verbale, ma sono state denunciate anche molestie, aggressioni fisiche e con rapina, che hanno come conseguenza forti depressioni, ansia e disturbi del sonno, con conseguenti assenze dal lavoro e necessità di cure e sostegno psicologico. «È vergognoso per il Sistema Paese che i medici, che già svolgono un lavoro molto difficile e oneroso, siano esposti ad aggressioni di questa natura e alle violenze che hanno patito le colleghe in alcune situazioni». Il Presidente dell’Ordine di Roma Giuseppe Lavra commenta così a Sanità Informazione i risultati della ricerca.

«Abbiamo iniziato questo studio ancor prima che i casi di aggressione agli operatori sanitari salissero agli onori della cronaca, anche prima del caso di Catania, che ha creato più scalpore». Si tratta di un attacco avvenuto lo scorso Capodanno ai danni di un medico del pronto soccorso dell’Ospedale Vittorio Emanuele che ha portato a sette arresti. «Dopo questi fatti – prosegue il Presidente Lavra – ho anche richiesto l’intervento del Ministro dell’Interno Marco Minniti, che mi sembra la personalità più adatta in questo momento per assicurare un po’ di ordine pubblico in questo Paese. Mi rendo conto che fosse un’iniziativa abbastanza irrituale, che poi è caduta nel dimenticatoio e nell’indifferenza generale. Ma spero che i risultati di questa ricerca, di particolare pregio e che danno la misura dell’entità dell’esposizione al rischio della nostra professione, non facciano la stessa fine».

«È tempo di capire – continua Lavra – che chi fa il medico già fa un lavoro molto difficile e molto oneroso; vive in una cappa di paura per le ragioni più svariate, a cui non possiamo aggiungere anche l’esposizione a violenze da parte dei più disadattati, dei più disagiati, di chi vive nelle zone più marginali di questa società. Quindi l’allarme è forte e speriamo che si raccolga il risultato di questo studio serio e corretto, fatto da gente competente e con grande buona volontà, e che poi si lavori affinché finalmente i medici italiani possano raggiungere quella serenità che è indispensabile per poter curare i propri concittadini», conclude.

Alla presentazione della ricerca ha partecipato anche il Tesoriere dell’Ordine dei Medici di Roma, Ernesto Cappellano: «Per prima cosa, insieme alla Commissione medicina e sicurezza del lavoro, abbiamo preparato un questionario che è stato sottoposto ai colleghi di tutto l’Ordine di Roma ed è venuto fuori un fenomeno preoccupante e sicuramente inquietante. Abbiamo scoperto, per esempio, che la violenza non c’è solamente dove possiamo aspettarcela: noi pensavamo di ricevere risposte che denunciavano aggressioni in pronto soccorso, in guardia medica, nei servizi di emergenza; in realtà abbiamo scoperto che è un fenomeno molto diffuso anche negli ambienti dove non immaginavamo che ci fosse. Tra l’altro – prosegue Cappellano – non si parla solamente di aggressioni dell’utenza, ma abbiamo avuto notizie anche di aggressioni in ambito lavorativo che sono molto frequenti e su cui l’Ordine è molto attento».

«È logico che l’Ordine debba intervenire nelle situazioni in cui i colleghi si trovano in difficoltà, e sono varie le iniziative che possono essere messe in atto in questo senso – spiega il Tesoriere -. Nel campo delle strutture pubbliche noi possiamo chiaramente interfacciarci con le organizzazioni, cosa che il nostro Presidente sta già facendo quotidianamente, per valutare le criticità e per dare indicazioni. Poi ci sono anche dei corsi, per esempio, per imparare a riconoscere e prevenire questi fenomeni di aggressione. In questo senso so di esperienze che hanno avuto esiti molto positivi anni fa al San Filippo Neri, dove sono stati fatti dei corsi ai medici del pronto soccorso per capire subito, in base al colloquio con il paziente, se ci si trovasse di fronte al rischio di aggressioni, riconoscendo anche dei sintomi psicologici che potessero mettere in evidenza un’aggressività latente», conclude Cappellano.

Articoli correlati
Stati Generali della Professione, Anelli (FNOMCeO): «Medico torni ad essere al servizio del cittadino e non dello Stato»
La relazione del Presidente applaudita dal Consiglio nazionale. Magi (OMCeO Roma): «Si inizia a fare sul serio. Bisogna ridare dignità alla professione e difendere il SSN». Rossi (OMCeO Milano): «Percorso condivisibile ma molto complesso. Per ottenere veri risultati, bisogna riuscire a redigere un documento finale realmente condiviso da professionisti e società civile»
Consiglio FNOMCeO, Anelli: «Agli Stati Generali la Magna Charta della professione medica. Presto proposta di legge contro aggressioni»
«Solo con recupero dell’autonomia e della dignità possiamo contrastare fake news in sanità e la violenza contro gli operatori», spiega il Presidente della Federazione degli Ordini che ha annunciato una pubblicità progresso sul tema
Legge Gelli-Bianco, Magi (OMCeO Roma): «Capitolo assicurazioni? Cambia tutto da medico a medico»
«Per i medici i risvolti assicurativi conseguenti alla legge sono nettamente influenzati dalla tipologia di attività del professionista, facciamo chiarezza» così il Presidente dell’Ordine dei Medici di Roma
Congresso Amsi: «65.000 professionisti sanitari stranieri arricchiscono il mercato del lavoro italiano senza provocare guerre tra poveri»
S’è svolto a Roma il Congresso AMSI, Associazione Medici di Origine Straniera in Italia, con il patrocinio dell’ Ordine del Medici Chirurghi e Odontoiatri di Roma, della Confederazione Internazionale Unione Medica Euro Mediterranea-UMEM, del Movimento Internazionale “Uniti per Unire” e della BTL-ITALIA, col suo centro studi B-ACADEMY. Hanno  partecipato oltre 100 professionisti della sanità, italiani e […]
Sanità e Immigrazione: al via il Congresso Amsi. Foad Aodi: «Ai muri rispondiamo con ponti e diritti universali»
Nell’occasione della giornata mondiale del rifugiato, l’Associazione Medici di origine straniera in Italia (Amsi) è lieta di annunciare la data del suo prossimo Congresso sul 19° corso di aggiornamento internazionale ed interdisciplinare, che si terrà a Roma sabato 23 giugno presso l’ A.R.S. medica in via Cesare Ferrero di Cambiano 29. Al convegno parteciperanno autorità […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»

È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina ...
Diritto

Consenso informato, l’avvocato Pittella: «Per medico meno responsabilità civile o penale»

«I giudici in caso di contenzioso chiedono al paziente se è stato correttamente informato. Ma come si fa a saperlo? Un video, un audio, un consenso scritto in presenza dei testimoni? Questo è quell...
Salute

Stop alla Cannabis Light? Ma l’Italia punta su quella terapeutica

Efficace nel trattamento di un grande numero di patologie, la cannabis terapeutica si sta ritagliando un ruolo fondamentale nel mondo sanitario. Negli ultimi anni la domanda è impennata ma l’obiett...