Lavoro 17 giugno 2014

Obbligo di POS alle porte, la FNOMCeO si prepara ad affrontarlo

Bianco: “Nuove tecnologie fondamentali per rispettare la legge”

Immagine articolo

Anche la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici e Odontoiatri (FNOMCeO) si trova a dover affrontare, tra le altre questioni, l’imminente obbligo di POS per gli studi medici, in vigore dal prossimo 30 giugno.

Il presidente Amedeo Bianco ha le idee ben chiare sulle linee guida da seguire sulla questione…
“Non cambia l’approccio alle innovazioni tecnologiche e informatiche: c’è una legge e bisogna rispettarla, anche per il meritevole principio di trasparenza che ne è alla base. Stiamo attenti, però, con le scadenze, perché  spesso si dà per scontata l’effettiva applicabilità di alcuni dispositivi quando sappiamo benissimo che, arrivati al momento decisivo, i ritardi, le piattaforme arretrate e varie difficoltà ostacolano il processo. Se non si è supportati correttamente dalle tecnologie, l’applicazione concreta diventa ingestibile”.

Tutto ciò che consente lo sviluppo della medicina sarà sempre da noi considerato in modo positivo. Non si tratta di contrastare l’avvento delle nuove tecnologie in medicina, ma di governarlo al meglio

Il presidente FNOMCeO, inoltre, non ha dubbi sul fatto che i dispositivi messi a disposizione dalle nuove tecnologie possano, se ben controllati, costituire un valido aiuto per i professionisti.
“Tutto ciò che consente lo sviluppo della medicina sarà sempre da noi considerato in modo positivo. Non si tratta di contrastare l’avvento delle nuove tecnologie in medicina, ma di governarlo al meglio mantenendo come fulcro il diritto della persona. Il nostro compito non è fermare il futuro, ma di accompagnarlo entro una cornice di valori etici e civili”.

E se preoccupazione e agitazione sono gli stati d’animo dominanti nel mondo medico in vista del  prossimo 30 giugno, spicca il parere, in controtendenza, del presidente Albo Odontoiatri FNOMCeO, Giuseppe Renzo:
“Sono favorevolissimo a questa legge, non mi desta particolare preoccupazione.  Ormai l’obbligo c’è, è inutile metterlo in discussione e girarci ancora attorno. In questo senso – e parlo non solo a mio nome, ma a quello dell’intera categoria – trovo assolutamente condivisibile l’utilizzo delle nuove tecnologie e di dispositivi che agevolino, per i professionisti, la concreta osservanza della legge”.

Articoli correlati
ECM, il Presidente FNOMCeO Anelli: «Ordini sollecitino iscritti su formazione. Verifica dei crediti del triennio 2014-2016 comincerà dal 2019»
Il Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici, in una nota, ribadisce che «l’aggiornamento professionale resta un dovere di ogni medico» e annuncia le prossime scadenze in materia
Dalla FNOMCeO alla FIMMG, coro di ‘auguri’ dal mondo della Sanità al Ministro Grillo. E su Facebook i militanti chiedono la fine dell’obbligo vaccinale
L’esponente del Movimento Cinque Stelle è il 36esimo inquilino di Lungotevere Ripa. Tanti i dossier sul tavolo: dal contratto alle aggressioni ai medici. Il virologo Burioni: «È doveroso giudicare il nuovo Ministro sui fatti e non in base a un pregiudizio»
Privacy, tutte le novità del GDPR per medici e ospedali spiegate dal Direttore FNOMCeO De Pascale
Dalla nomina del Data Protection Officer alla valutazione del rischio, ecco cosa fare per adeguarsi alla nuova normativa sul trattamento dei dati personali che entrerà in vigore il prossimo 25 maggio
“Una bufala ci seppellirà?”: la campagna FNOMCeO contro le fake news sulla salute
Al via l'iniziativa della Federazione per combattere fake news in tema salute. Il Presidente Filippo Anelli: «La salute la curano i medici, sempre a disposizione dei cittadini per rispondere a tutti i bisogni»
Omeopatia, Fnomceo: «Non è scienza, nessuna patologia migliora». La replica: «È atto medico»
Un botta e risposta fra la Federazione Nazionale degli Ordini dei medici e la comunità omeopatica sulla validità del metodo complementare. Oggetto della disputa una scheda pubblicata sul portale 'Dottore ma è vero che?' che prende le distanze dalla prassi terapeutica non convenzionale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...