Lavoro 28 ottobre 2014

Sanità ai raggi X, per i professionisti il referto parla chiaro: troppi obblighi e poche certezze

Il parere del dottor Salvatore Barbagallo, presidente dell’OMCeO di La Spezia

Immagine articolo

Tempi duri per i medici italiani, alle prese con tanti obblighi ma poche tutele. Sanità Informazione, nel cercare di far luce su cosa stia realmente succedendo al mondo della sanità, e su quali possono essere le chiavi per risolverne le criticità, ha raccolto il parere del dottor Salvatore Barbagallo, presidente dell’Ordine dei Medici – Chirurghi e Odontoiatri di La Spezia.

“Il momento di difficoltà che stiamo vivendo confluisce in problematiche che sicuramente erano già presenti – sostiene Barbagallo – ma che ora si sono acuite. Ciò comporta una maggiore gravosità della vita lavorativa del personale sanitario, già messo quotidianamente a dura prova (pensiamo ad esempio ai turni di lavoro)”.

Piove sempre sul bagnato, e lo dimostra l’obbligo assicurativo recentemente entrato in vigore anche per i medici: una ennesima tegola, con tutto il caos e le incertezze che ne conseguono. Per il presidente Barbagallo “il ristoro di un danno patito ingiustamente è sacrosanto ma, nel nostro caso, deve essere proporzionato agli emolumenti percepiti: non si può ragionare con stipendi all’italiana e risarcimenti “all’americana”. Stipulare una polizza di Rc professionale – continua Barbagallo – è sicuramente un dovere per il medico, perché i pazienti siano garantiti, ma anche perché il professionista operi in serenità, mettendo al riparo il proprio patrimonio da richieste risarcitorie. Ma – aggiunge il presidente – tutto deve essere correlato agli onorari effettivi del medico: non è pensabile, ad esempio, che un giovane medico, che opera in speciali branche chirurgiche, debba pagare una polizza equivalente all’ammontare del suo stipendio”.

Il presidente dell’Ordine spezzino ha le idee chiare anche sulla tutela dei diritti del medico, per garantire i quali è opportuno, in certi casi, adire le aule di giustizia: come nel caso dei rimborsi che i medici chiedono per i turni massacranti cui sono sottoposti, appellandosi alla direttiva europea sul tema che l’Italia ha violato: “La carenza di personale ha portato le aziende sanitarie ad occupare i medici anche oltre le tempistiche previste dal contratto di lavoro, venendo meno anche ai necessari tempi di recupero. Se le legge prevede un rimborso per questo – conclude Barbagallo – mi sembra doveroso procedere in tal senso”.

Articoli correlati
Contratto a rischio, servono 1,3 miliardi. Garavaglia: «Senza risorse si rinvia all’anno prossimo». La rabbia dei sindacati
Anaao: «Senza soldi non si firmano contratti»; Cimo: «Ecco che inizia il ping pong tra le Istituzioni»; FVM: «È dialogo tra sordi, che non sentono malcontento dei lavoratori»
Fabrizio Frizzi: «Sulla salute non si scherza, ecco perché voglio medici aggiornati e voglio sapere tutto…»
Il popolare conduttore ai microfoni di Sanità Informazione parla del suo rapporto con la salute ed i camici bianchi: «Non sono ipocondriaco, ma sto attento ai segnali». Il racconto di quando donò il midollo osseo e la sua opinione sulla corretta informazione: «Tutti cerchiamo sul web, ma poi ci affidiamo ad un bravo medico»
Legge di bilancio, Magi (APM): «Senza risorse il Ssn e i rinnovi di contratti e convenzioni sono a rischio»
All’indomani dell’approvazione della legge di bilancio 2018 da parte del Governo, il portavoce di APM (Alleanza per la Professione Medica), ha incontrato il rappresentate salute delle Regioni e gli ha manifestato la sua preoccupazione per quanto riguarda le risorse che l’Esecutivo ha destinato al Fondo sanitario nazionale.
Sanità: Regione Lazio, approvato il regolamento del registro dei tumori
La Regione Lazio ha approvato il Regolamento del Registro dei Tumori in attuazione regionale n°7 del 12 giugno del 2015. In particolar modo le finalità del Registro sono relative alle misure dell’incidenza, della mortalità, della sopravvivenza e prevalenza dei tumori. A svolgere studi epidemiologici sui fattori di rischio e sugli esiti degli interventi di diagnosi […]
Assunzioni in sanità: ecco le date delle prove per la stabilizzazione di 1400 lavoratori
Sono state fissate le date per le prove dei 145 concorsi che saranno indetti nella Regione Lazio e destinati alla stabilizzazione dei 1.400 lavoratori operanti nella sanità con contratti a tempo determinato, secondo il perimetro definito dal DPCM del 6 marzo 2015. Lo comunica la Regione Lazio in un comunicato stampa. Le prime prove scritte […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Salute

Fabrizio Frizzi: «Sulla salute non si scherza, ecco perché voglio medici aggiornati e voglio sapere tutto…»

Il popolare conduttore ai microfoni di Sanità Informazione parla del suo rapporto con la salute ed i camici bianchi: «Non sono ipocondriaco, ma sto attento ai segnali». Il racconto di quando donò ...
Lavoro

Cumulo contributivo, la carica dei 130mila. Oliveti: «Siamo pronti ma non è giusto che sia l’Inps a pagare i medici…»

«Il cumulo è diritto di civiltà, ma l’Enpam già prevedeva totalizzazione interna gratuita». A Sanità Informazione, il commento del Presidente della Cassa previdenziale dei medici Alberto Olive...