Diritto 30 settembre 2014

Numero Chiuso: beffati anche gli studenti che hanno vinto i ricorsi

Le lacune del sistema continuano a far impazzire aspiranti medici e Università: i riammessi non potranno scegliere l’Ateneo

Immagine articolo

Una vittoria di Pirro? Lo temono i 2500 aspiranti camici bianchi riammessi a Medicina. In attesa di capire cosa, nel concreto, significherà la riammissione decretata dal Tar, cominciano – nel frattempo a sentire in bocca il sapore della beffa.

Attraverso una nota del Miur, inviata a tutte le università, è stato stabilito che potranno seguire i corsi, ma dovranno farlo nell’università dove lo scarto tra il punteggio ottenuto e quello del primo classificato è numericamente inferiore. Chi ha vinto il ricorso dovrà, dunque, presumibilmente dire addio alla prima scelta (al momento dei test si possono indicare tre opzioni), se in questa università il primo in graduatoria presenta un punteggio troppo alto rispetto al proprio. Questo potrebbe significare dover frequentare università molto lontane dal luogo in cui vivono.

Come era ampiamente prevedibile tra gli studenti è cominciata a serpeggiare amarezza, delusione e rabbia. Situazione non migliore per gli Atenei, che in attesa che la situazione venga definitivamente chiarita, devono affrontare le immatricolazioni nel caos più totale. In alcune Università si potrebbe infatti creare un sovraffollamento insopportabile: il fenomeno potrebbe assumere dimensioni preoccupanti soprattutto al nord Italia dove le strutture, seppur di livello qualitativo molto elevato, non hanno le capacità strutturali per far fronte ad un numero così elevato di immatricolazioni.

Il sistema del Numero Chiuso continua a mostrare tutte le sue lacune. Mentre il Governo studia soluzioni, con il ministro all’Istruzione Stefania Giannini sempre più deciso ad abolire il test d’ingresso a Medicina a favore di un modello più simile a quello francese, aspiranti medici e Università brancolano nel buio. Tra ricorsi che fioccano, studenti riammessi (e in alcuni casi anche rimborsati) non va sottovalutato che lo Stato, e di conseguenza i cittadini, debbano poi pagare alla fine il salato conto della situazione creatasi.

Articoli correlati
SIGM su nuovo Concorso Nazionale Specializzazioni: «Troppe incognite. Serve più chiarezza»
«In un orizzonte di completo silenzio da parte del MIUR la nostra Associazione s’interroga su quale sia lo stato dell’arte per il prossimo concorso SSM2017, dalle reali tempistiche per la pubblicazione del bando alla realizzabilità delle auspicate modifiche e semplificazioni sulle procedure concorsuali che la nostra Associazione, assieme al Comitato Nazionale Aspiranti Specializzandi, ha reiteratamente […]
Fisioterapisti, Tavarnelli (AIFI): «Sì al Ddl Lorenzin, serve ordine professionale». Primo censimento per la categoria
L’Associazione Italiana Fisioterapisti insieme al Ministero della Salute per fare il punto della situazione. «Siamo 65mila, servono più anni di formazione» la parola al Presidente dell’Associazione Mauro Tavarnelli
Scuole specializzazione, SIGM e CNAS lanciano twittmob per modifiche al concorso nazionale
Nella giornata odierna il Comitato Nazionale Aspiranti Specializzandi (CNAS) col supporto dell’Associazione Italiana Giovani Medici (SIGM) ha lanciato un tweetmob finalizzato a richiedere e ottenere una semplificazione organizzativa, nonché delle modifiche urgenti, delle modalità selezione per l’accesso alle Scuole di Specializzazione in Medicina. Gli hashtag #SSM17 #ConcorsoNazionale2017 sono risultati in testa ai “trend topic” in […]
Numero chiuso, graduatorie riaperte? Il Miur apre uno spiraglio
Dopo le pronunce del Tar del Lazio e del Consiglio di Stato anche un’interrogazione parlamentare del M5S. Si va verso lo scorrimento dei candidati che avevano fatto ricorso dopo l’esclusione nei test del 2015. Ma il problema potrebbe ripresentarsi anche quest’anno
Test Medicina: allarme regolarità graduatoria, in arrivo valanghe di ricorsi
Nel giorno dell’uscita della graduatoria per l’accesso alle facoltà di Medicina non si placano le polemiche per le molte irregolarità riscontrate e denunciate dagli studenti nell’ambito delle prove. Tra domande annullate e violazioni dell’obbligo di segretezza, già annunciati migliaia di ricorsi. Spunta l’ipotesi risarcitoria per gli esclusi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...