Diritto 30 settembre 2014

Numero Chiuso: beffati anche gli studenti che hanno vinto i ricorsi

Le lacune del sistema continuano a far impazzire aspiranti medici e Università: i riammessi non potranno scegliere l’Ateneo

Immagine articolo

Una vittoria di Pirro? Lo temono i 2500 aspiranti camici bianchi riammessi a Medicina. In attesa di capire cosa, nel concreto, significherà la riammissione decretata dal Tar, cominciano – nel frattempo a sentire in bocca il sapore della beffa.

Attraverso una nota del Miur, inviata a tutte le università, è stato stabilito che potranno seguire i corsi, ma dovranno farlo nell’università dove lo scarto tra il punteggio ottenuto e quello del primo classificato è numericamente inferiore. Chi ha vinto il ricorso dovrà, dunque, presumibilmente dire addio alla prima scelta (al momento dei test si possono indicare tre opzioni), se in questa università il primo in graduatoria presenta un punteggio troppo alto rispetto al proprio. Questo potrebbe significare dover frequentare università molto lontane dal luogo in cui vivono.

Come era ampiamente prevedibile tra gli studenti è cominciata a serpeggiare amarezza, delusione e rabbia. Situazione non migliore per gli Atenei, che in attesa che la situazione venga definitivamente chiarita, devono affrontare le immatricolazioni nel caos più totale. In alcune Università si potrebbe infatti creare un sovraffollamento insopportabile: il fenomeno potrebbe assumere dimensioni preoccupanti soprattutto al nord Italia dove le strutture, seppur di livello qualitativo molto elevato, non hanno le capacità strutturali per far fronte ad un numero così elevato di immatricolazioni.

Il sistema del Numero Chiuso continua a mostrare tutte le sue lacune. Mentre il Governo studia soluzioni, con il ministro all’Istruzione Stefania Giannini sempre più deciso ad abolire il test d’ingresso a Medicina a favore di un modello più simile a quello francese, aspiranti medici e Università brancolano nel buio. Tra ricorsi che fioccano, studenti riammessi (e in alcuni casi anche rimborsati) non va sottovalutato che lo Stato, e di conseguenza i cittadini, debbano poi pagare alla fine il salato conto della situazione creatasi.

Articoli correlati
Università di Firenze: test d’ammissione sbagliati per cinque facoltà. Tutti ammessi
I quesiti proposti non erano conformi a quelli indicati nel bando per l’ammissione: meno domande, materie diverse e parti mancanti. Per questo i 1.329 candidati che lo scorso 8 settembre avevano tentato il test d’ingresso per le facoltà di Biotecnologie, Scienze biologiche, Scienze farmaceutiche applicate, Farmacia e Controllo qualità, Chimica e tecnologia farmaceutiche all’Università di […]
Test medicina: proteste davanti atenei. Ben 124 i posti in meno rispetto al 2016, arriva interrogazione parlamentare
Anche quest’anno al via i test d’ingresso per le facoltà a numero chiuso. Ad aprire le danze Medicina e odontoiatria con 67mila domande d’iscrizione e 124 posti in meno rispetto al 2016. Intanto si parla di una probabile interrogazione parlamentare sul tema
Università, al via il test d’accesso a Medicina 2017: Come tutelarsi e vincere l’ansia
Il fatidico giorno del test nazionale per la facoltà di Medicina e Chirurgia è arrivato: il 5 settembre infatti, 66.907 ragazzi proveranno a superare la temutissima prova d’ingresso
Al via i test per l’accesso a Medicina: solo un candidato su sette ce la farà. Ecco tutti i numeri
66.907 ragazzi il 5 settembre tenteranno il test, ma i posti in palio sono solo 10.008. Dal 19 settembre saranno disponibili i risultati del concorso e il 3 ottobre sarà pubblicata la graduatoria
SIGM su nuovo Concorso Nazionale Specializzazioni: «Troppe incognite. Serve più chiarezza»
«In un orizzonte di completo silenzio da parte del MIUR la nostra Associazione s’interroga su quale sia lo stato dell’arte per il prossimo concorso SSM2017, dalle reali tempistiche per la pubblicazione del bando alla realizzabilità delle auspicate modifiche e semplificazioni sulle procedure concorsuali che la nostra Associazione, assieme al Comitato Nazionale Aspiranti Specializzandi, ha reiteratamente […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Lavoro

Miraggio contratto, Cavallero (Cosmed): «Non giochiamo a Robin Hood. Grave ipotesi di un rinnovo senza aumento alla dirigenza»

Intervista al segretario generale Cosmed Giorgio Cavallero sul rinnovo contrattuale dei medici: «Speriamo che trattativa inizi presto, ma aspettiamo atto di indirizzo e Legge di bilancio. E senza fon...