Diritto 30 settembre 2014

Numero Chiuso: beffati anche gli studenti che hanno vinto i ricorsi

Le lacune del sistema continuano a far impazzire aspiranti medici e Università: i riammessi non potranno scegliere l’Ateneo

Immagine articolo

Una vittoria di Pirro? Lo temono i 2500 aspiranti camici bianchi riammessi a Medicina. In attesa di capire cosa, nel concreto, significherà la riammissione decretata dal Tar, cominciano – nel frattempo a sentire in bocca il sapore della beffa.

Attraverso una nota del Miur, inviata a tutte le università, è stato stabilito che potranno seguire i corsi, ma dovranno farlo nell’università dove lo scarto tra il punteggio ottenuto e quello del primo classificato è numericamente inferiore. Chi ha vinto il ricorso dovrà, dunque, presumibilmente dire addio alla prima scelta (al momento dei test si possono indicare tre opzioni), se in questa università il primo in graduatoria presenta un punteggio troppo alto rispetto al proprio. Questo potrebbe significare dover frequentare università molto lontane dal luogo in cui vivono.

Come era ampiamente prevedibile tra gli studenti è cominciata a serpeggiare amarezza, delusione e rabbia. Situazione non migliore per gli Atenei, che in attesa che la situazione venga definitivamente chiarita, devono affrontare le immatricolazioni nel caos più totale. In alcune Università si potrebbe infatti creare un sovraffollamento insopportabile: il fenomeno potrebbe assumere dimensioni preoccupanti soprattutto al nord Italia dove le strutture, seppur di livello qualitativo molto elevato, non hanno le capacità strutturali per far fronte ad un numero così elevato di immatricolazioni.

Il sistema del Numero Chiuso continua a mostrare tutte le sue lacune. Mentre il Governo studia soluzioni, con il ministro all’Istruzione Stefania Giannini sempre più deciso ad abolire il test d’ingresso a Medicina a favore di un modello più simile a quello francese, aspiranti medici e Università brancolano nel buio. Tra ricorsi che fioccano, studenti riammessi (e in alcuni casi anche rimborsati) non va sottovalutato che lo Stato, e di conseguenza i cittadini, debbano poi pagare alla fine il salato conto della situazione creatasi.

Articoli correlati
Numero chiuso, 800 posti in più a Medicina. Gaudio (Sapienza): «Necessari per far fronte a carenza medici»
Saranno 9779 gli aspiranti camici bianchi che potranno immatricolarsi in autunno. Comunicate anche le date dei test: si inizia il 4 settembre con Medicina e Odontoiatria, il 5 con Veterinaria, il 12 sarà la volta delle Professioni sanitarie ed il 13 dei corsi in inglese
Matricola e laureanda a confronto: sogni e incubi dello studente di medicina | GUARDA L’INTERVISTA DOPPIA
Come cambia la concezione della facoltà negli anni? Le paure e le speranze degli studenti del primo anno e di quelli dell’ultimo sono le stesse? Lo abbiamo chiesto direttamente a loro
Test d’ammissione a medicina e professioni sanitarie, pubblicate le date
È stato pubblicato dal Ministero dell’Istruzione il calendario delle prove di ammissione ai corsi di laurea ad accesso programmato per l’Anno Accademico 2018-2019. Si inizia il 4 settembre con medicina e odontoiatria in italiano; il 5 è prevista medicina veterinaria; il 12 sarà la volta delle professioni sanitarie; il 13 di medicina e odontoiatria in […]
Anaao Giovani a favore del numero chiuso: tutela gli studenti più bravi e meritevoli
Anaao Giovani esprime «profonda preoccupazione e disappunto per la proposta, lanciata in campagna elettorale da autorevoli esponenti politici, di abolire il numero chiuso per l’accesso ai corsi di studio universitari. Per quello che riguarda il Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia, infatti, una corretta programmazione del fabbisogno presente e futuro di medici e personale […]
Test di medicina, boom di irregolarità: +75%. Presentata interrogazione parlamentare. Dal 3 ottobre pubblica graduatoria nazionale
Il portale www.numerochiuso.info ha registrato un incremento del 75% di denunce di irregolarità rispetto al 2016 provenienti da tutta Italia. Richiesta a gran voce una soluzione normativa
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»

È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E ...
Salute

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», ...
Salute

Autismo e nuovi Lea, Marino (Fia): «Ancora due anni per attuazione, ma autistici diventeranno una categoria protetta»

«Grazie ai nuovi Lea i pazienti autistici potranno finalmente ricevere l’assistenza adeguata alla propria patologia, così come prescritto dalle Linee Guida per l’Autismo. Necessario mezzo miliar...
di Isabella Faggiano