Diritto 9 giugno 2014

La Corte dei Conti passa ai raggi X la spesa sanitaria italiana

Il rapporto certifica il contenimento dei costi e chiede di mantenere alto il livello delle prestazioni considerando l’esigenza di investire nelle nuove tecnologie

Immagine articolo

La Corte dei Conti analizza la spesa sanitaria italiana e indica la via per tenere alto il livello di prestazioni elargite ai cittadini dal Ssn nonostante i tagli di spesa sempre più profondi che ne minano l’equilibrio.

È tutto contenuto nel “rapporto 2014 sul coordinamento della finanza pubblica”, in cui i giudici contabili stilano un bilancio di come sono state spese le risorse pubbliche riservate al settore della sanità rispetto agli anni scorsi e, di conseguenza, cosa dobbiamo verosimilmente aspettarci nel prossimo futuro. Sono da escludere nuovi tagli e le risorse per nuovi investimenti vanno cercate nel budget già messo a disposizione perché la cinghia è già fin troppo stretta.

Il quadro che ne esce vede un sistema sanitario nazionale che ha subito negli ultimi anni un contenimento dei costi molto importante ma che ha allo stesso tempo bisogno di una rimodulazione dell’intero sistema che garantisca prestazioni di livello per tutti. L’indicazione è quella di trovare le risorse necessarie all’interno del settore, in modo da azzerare gradualmente i disavanzi di varie regioni senza nuove iniezioni di risorse pubbliche ma esclusivamente attraverso una riorganizzazione delle strutture. Si potrebbe, ad esempio, chiudere i piccoli ospedali in modo da tagliare migliaia di posti letto e risparmiare quelle risorse necessarie per implementare l’assistenza domiciliare e territoriale.

Altro punto fondamentale da tenere in considerazione in una fase di “revisione dei confini entro cui estendere le prestazioni pubbliche” è rappresentato da una riformulazione della compartecipazione alla spesa (ovvero dei ticket sanitari): secondo i giudici servirebbe “prevedere una tariffa per alcune prestazioni, attraverso un riferimento determinante alla condizione economica del nucleo familiare” e procedere “ad una attenta revisione delle ragioni di esenzione”. Una proposta sensata potrebbe essere quella di fissare un tetto massimo di spesa compartecipata annuale per famiglia stabilita in base al reddito: nel caso in cui questa soglia dovesse essere superata le prestazioni verrebbero comunque fornite gratuitamente.

Tutte le risorse risparmiate devono, secondo i giudici, contribuire al riavvio degli investimenti nel settore: “I nuovi scenari della domanda e dell’assistenza, le nuove tecnologie, gli obiettivi di appropriatezza e di efficienza tecnica ed economica delle strutture sanitarie richiedono, oltre ad una attenta ridefinizione degli assetti organizzativi, anche investimenti per la riconversione delle strutture ospedaliere dismesse, per potenziare l’offerta strutturale e tecnologica a livello territoriale e distrettuale”.

Altro capitolo del rapporto riguarda infine alcune valutazioni sui “costi standard”: da un lato possono dimostrarsi utili per contenere la spesa sanitaria, dall’altro va però trovata “una migliore metodologia di individuazione” degli stessi. Metodologia che è “strettamente legata al processo di certificazione dei dati contabili nonché all’implementazione in ogni regione ed in ogni azienda sanitaria di sistemi di controllo di gestione e di contabilità analitica”.

Tags

Articoli correlati
Napoli, detrazione del 19% sugli alimenti aproteici per chi ha malattie renali croniche
Una buona notizia per gli oltre 348.000 pazienti nefropatici residenti in Campania: potranno infatti usufruire di una detrazione del 19% sull’acquisto di alimenti aproteici. Un’opportunità di risparmio che ad oggi è l’unica, dato che la Regione non prevede alcun tipo di rimborso sull’acquisto di questi alimenti, nonostante per chi soffre di insufficienza renale siano stati […]
Legge Bilancio 2018: cosa cambia per il comparto sanità? Ecco tutte le novità…
Quali saranno le aree di applicazione della manovra? A pochi giorni dall’inizio del nuovo anno già si iniziano a tracciare i primi bilanci ma i sindacati restano insoddisfatti…
Il DDL sulle professioni sanitarie è legge. COSMED: atteso da anni
La COSMED, in un comunicato stampa, esprime grande soddisfazione per l’approvazione del disegno di legge sulle professioni sanitarie: «Ѐ stato un atto di attenzione dopo una legislatura che ha largamente trascurato il diritto alla salute, rare volte nell’agenda dell’esecutivo, che ha accolto il nostro appello. Dopo anni trovano realizzazione contenuti innovativi di utilità per tutta la […]
Value Academy: formazione e “program budgeting” per un SSN condiviso ed efficace
  La Fondazione Charta promuove un progetto formativo rivolto ai decisori politico-amministrativi della sanità italiana per uniformare al rialzo l’offerta di salute su tutto il territorio nazionale. Fornire gli strumenti di Governance necessari a mettere le diverse realtà locali a confronto per permettergli di agire in un’ottica di program budgeting, ovvero in base ai piani e […]
Legge di stabilità, Giovani Medici SIGM: «Grave attentato al futuro del SSN»
«Zero euro per contratti di formazione medica post lauream. Grave responsabilità del Governo. Totale assenza della Politica tutta e delle Istituzioni, sorde alle giuste richieste delle nuove generazioni di camici bianchi. Grave attentato al futuro del Servizio Sanitario Nazionale». Questo il pensiero e la delusione espressi dai Giovani Medici SIGM sulla Legge di Stabilità. «L’Associazione Italiana Giovani […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Salute

Contratto medici, partita la trattativa. Sciopero revocato, ma l’aumento deve superare gli 85 euro

Partita all'Aran la trattativa per il rinnovo del contratto dei medici. Il primo effetto concreto è stato la revoca dello sciopero fissato per il 23 febbraio. Ma per arrivare alla agognata firma atte...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...