Lavoro 13 ottobre 2017

Cumulo contributivo, Cavallero (Cosmed): «Finalmente pari dignità per tutti. Ma restano discriminazioni economiche»

L’intervista al Segretario nazionale Cosmed Giorgio Cavallero: «Cumulo questione di civiltà giuridica. Ma si aprirà indubbiamente la strada dei contenziosi per la sterilizzazione del quantum economico e sarà la giurisprudenza a decidere»

«Finalmente viene riconosciuta pari dignità a tutte le attività svolte. Il cumulo contributivo è una questione di civiltà giuridica, ma ci sono contraddizioni e incongruenze tra la Legge, questa circolare e le circolari precedenti sul cumulo», è il commento a caldo del Segretario Nazionale della Cosmed Giorgio Cavallero, a poche ore dalla pubblicazione della circolare Inps che dà operatività alla disciplina del cumulo contributivo gratuito. I medici si vedono riconoscere automaticamente gli anni della formazione come anzianità contributiva e il coinvolgimento dei contributi alle casse previdenziali autonome allontana per i medici e i dirigenti sanitari la prospettiva di dover lavorare fino a 70 anni, con tutte le conseguenze sul lavoratore e sulla sicurezza dei servizi resi ai cittadini.

LEGGI ANCHE ENPAM: «PRONTI DA SUBITO A PAGARE PENSIONI IN CUMULO. ORA IL PROBLEMA SONO I TEMPI»

«Tuttavia – precisa Cavallero – resta il rammarico per la discriminazione che rimane. I contributi versati fino al 1996 saranno considerati ai fini dell’anzianità, e quindi saranno utili per il calcolo degli anni della contribuzione per la pensione, ma non sono utili per passare dal sistema contributivo al misto e per raggiungere i 18 anni nel 1995».

«Questo aprirà indubbiamente la strada dei contenziosi e sarà la giurisprudenza a decidere – prosegue il Segretario -, anche perché non penso che ci siano margini di trattativa oramai, nonostante le differenze tra la Legge, questa circolare e le circolari precedenti sul cumulo come la numero 120 del 2013».

LEGGI ANCHE: PENSIONI, L’INPS DÀ IL VIA LIBERA AL CUMULO CONTRIBUTIVO. PARTONO LE DOMANDE: ECCO COME FUNZIONERÀ

Il provvedimento infatti nega che gli anni di contribuzione alle Casse Professionali anteriori al 1996 siano utilizzabili per raggiungere i 18 anni al 31 dicembre 1995 (ottenendo il calcolo retributivo fino al 2011) e per passare dal sistema contributivo a quello misto. Se così fosse stato, e la circolare dell’Inps avesse dato seguito al cosiddetto “tombolone”, come definito dallo stesso Segretario Cavallero, gli aspiranti pensionati avrebbero avuto la possibilità di convertire sedici anni di contributi versati con sistema contributivo nel sistema retributivo, molto più vantaggioso economicamente.

«Io mi rendo conto che questo sia costoso, ma se parliamo di uguaglianza e pari dignità poi non possiamo sterilizzare la parte economica – continua Cavallero –. In questo modo non c’è equiparazione del trattamento economico tra chi lavorava e versava contributi all’Inps e chi versava in altre casse. Sul quantum economico e le modalità di calcolo quindi non c’è quel pari trattamento che in punta di diritto, anche costituzionale, a mio avviso doveva esserci».

In ogni caso – continua Cavallero – questi dettagli economici non devono sminuire la validità dell’impianto, che comunque consente di sbloccare la situazione e di mandare in pensione molte persone che hanno maturato i requisiti necessari».

«Non dimentichiamoci, poi, che nonostante questo provvedimento sia stato aspettato dagli aspiranti pensionati di oggi, di fatto è a favore dei giovani. Il mondo è cambiato, non c’è più come una volta il posto fisso per tutta la vita. È normale quindi che prima di ottenere un posto stabile i giovani vivano dei periodi di precariato, che magari li portano a versare contributi a gestioni differenti. Grazie al cumulo contributivo gratuito, anche i pensionati di domani potranno mettere insieme ciò che è diviso», conclude il Segretario Cavallero.

Articoli correlati
L’Enpam ha approvato il bilancio 2017: utile superiore a 1,16 miliardi di euro
L’Assemblea nazionale della Fondazione Enpam ha approvato il Bilancio consuntivo 2017. L’ente di previdenza di medici e odontoiatri ha chiuso l’anno con un utile superiore a 1,16 miliardi di euro, che ha portato il patrimonio netto a 19,7 miliardi di euro con una crescita del 7,1 per cento rispetto all’anno precedente. Il patrimonio supera, a valori […]
Medici in pensione, liquidato il primo cumulo e gli aumenti per inflazione. Ecco quanto crescono gli assegni
L’Enpam comunica che appena le autorità vigilanti daranno il via libera arriveranno gli adeguamenti scattati dal primo gennaio con tutti gli arretrati. Intanto arriva la liquidazione della prima pensione in cumulo
Pensioni in cumulo, è fatta. Raggiunto l’accordo tra Inps e Enpam: pagamenti dal 20 aprile
Il problema della spartizione degli oneri amministrativi sarà risolto in un secondo momento. La determinazione dell’importo da ripartire è rimessa ad una commissione di esperti. Oliveti (Enpam): «Il pagamento immediato è una scelta saggia»
Pensioni in cumulo, ecco perchè lo stallo prosegue. Cavallero (Cosmed): «Prossimo incontro decisivo»
L’Inps ha proposto una nuova convenzione che consentirebbe lo sblocco dei pagamenti. Mercoledì una riunione tra l’Istituto e le Casse potrebbe sbrogliare la matassa mentre il Comitato Cumulo e Casse Professionali minaccia un esposto alla Procura per omissione o ritardo di atti d’ufficio
Pensioni medici, l’applicazione del cumulo è bloccata per 65 euro. Lo scontro Inps-Casse professionali
Cosmed: «Per una cifra risibile si è creata una sorta di nuovi esodati senza stipendio né pensione». Ecco perché i professionisti che hanno richiesto la pensione in cumulo devono ancora aspettare
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...