Lavoro 13 gennaio 2015

Medici di Base in fermento aspettando il nuovo contratto

Il vicesegretario nazionale FIMMG Pier Luigi Bartoletti mette sul piatto le principali criticità, proponendo le soluzioni. E sullo scandalo di Capodanno per i certificati dei vigili: “Noi abbiamo fatto il nostro dovere”

Immagine articolo

I medici di Medicina Generale sono in agitazione: in attesa di capire le misure di applicazione del nuovo contratto, e le reali linee guida che lo animeranno, si aggiunge anche un’altra tegola. Quella che lo scorso Capodanno li ha coinvolti nello scandalo dei vigili urbani assenteisti, le cui autorizzazioni sono infatti state emesse dai Medici di base.

Sanità Informazione, per far luce sulla questione, e sugli altri temi caldi che coinvolgono i camici bianchi, ha intervistato Pier Luigi Bartoletti, vicesegretario nazionale FIMMG e segretario regionale FIMMG Lazio.

C’è ancora esigenza di chiarezza, relativamente allo “scandalo di Capodanno” che ha coinvolto i vigili urbani.
Da parte nostra non abbiamo rilevato, anche in seguito alle verifiche, anomalie nelle richieste dei vigili urbani. Dopodiché molti di loro hanno dato il via a un “giro di malattie”. Il problema non risiede nei certificati in sé,  quanto nell’uso che se ne è fatto: utilizzare un certificato medico come atto pubblico – per forme di protesta – è sicuramente fuori legge. Per questo, però, aspettiamo l’esito dell’inchiesta della magistratura.

Un caso del genere, obiettivamente, cosa può nascondere?
Come si dice, “a pensar male si fa peccato ma spesso ci si prende”. Visti i numeri e vista la concomitanza con la festività, si è ipotizzata una forma di protesta mascherata. E’ inaccettabile, tuttavia, tirar dentro i medici di famiglia, che svolgono semplicemente il proprio dovere. Davanti a un paziente non ci si chiede che lavoro faccia. Si bada, invece, solo se la patologia dichiarata è constatata e – se possibile farlo – se questa sia veritiera o meno.

In un momento così concitato, qual è lo stato di salute della Sanità regionale?
Nonostante la Regione Lazio sconti un’atavica lentezza nel riconvertire i servizi ospedalieri, con il presidente Zingaretti stiamo facendo passi avanti. Abbiamo condiviso con lui i nostri obiettivi, tra cui rendere un servizio più vicino ai cittadini e ai suoi bisogni quotidiani, e su questa base abbiamo siglato un’intesa. Per noi il contratto è uno strumento, non un obiettivo.

Anche per la Sanità italiana è in corso il dibattito, qui a livello costituzionale. La riforma del titolo V prevede infatti il ritorno a una sanità di competenza nazionale, non più regionale.
Bisogna accordarsi su che tipo di Sanità si voglia, sui livelli dei servizi assistenziali, e sul ruolo da dare al medico di famiglia: centrale e ben delineato da un contratto, oppure affidato alle Regioni. Oggi la situazione, anche economica, è pesante perché ogni Regione di fatto si organizzerà per conto suo. Altro aspetto preoccupante è il contenzioso fra Stato e Regioni per la definizione delle competenze. E’ un quadro, insieme a quello delle responsabilità, che va delineato con attenzione. Bisogna ripartire consapevoli di quale ruolo ci viene ritagliato nell’ambito di una nuova convenzione nazionale: un’indicazione che ci aiuterebbe nella definizione di un contratto migliore, anche rispetto al servizio che rendiamo ai cittadini.

Articoli correlati
Carenza medici, Bartolazzi (Sott. Salute): «Serve piattaforma per programmare risorse e formazione»
Il Sottosegretario alla Salute Armando Bartolazzi ha concluso in questi giorni una serie di incontri con le organizzazioni sindacali del mondo della sanità per raccogliere proposte sul tema della carenza dei medici. «Si è concluso – scrive Bartolazzi – il secondo ciclo di confronti con le organizzazioni sindacali utile alla definizione della problematica della carenza […]
Medicina generale, slitta il concorso e riaprono i bandi. Scotti (Fimmg): «Scelta strada più ragionevole e seria»
Il presidente FNOMCeO Filippo Anelli: «Raddoppio delle borse risultato storico. Adesso nuova data per il concorso e riapertura dei termini in tempi celeri»
Concorso per formazione MMG, FNOMCeO e FIMMG contestano la data scelta: «Regioni riaprano il bando o rischio contenziosi»
Ad agosto stabilite 860 borse aggiuntive, ma Conferenza regioni ha lasciato invariata la data del 25 settembre. Anelli: «Ingiustizia nei confronti dei neo abilitati ai quali viene impedito di poter concorrere scegliendo la Regione con un maggior numero di borse disponibili»
Ridurre corso MMG da tre a due anni. La proposta FNOMCeO per fronteggiare carenza medici
«Abbreviare tempo di formazione post laurea diminuirebbe il costo della formazione stessa permettendo così di aumentare il numero delle borse» così Filippo Anelli
MMG, il Ministro Grillo chiede a Regioni nuovi bandi e data concorso | ECCO LA LETTERA
Dopo l'aumento del numero di borse di studio sancito lo scorso primo agosto, la titolare del dicastero della Salute evidenzia la necessità di «rendere noto l'incremento dei posti messi a bando per evitare una esposizione ad eventuali contenziosi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...