Lavoro 13 gennaio 2015

Medici di Base in fermento aspettando il nuovo contratto

Il vicesegretario nazionale FIMMG Pier Luigi Bartoletti mette sul piatto le principali criticità, proponendo le soluzioni. E sullo scandalo di Capodanno per i certificati dei vigili: “Noi abbiamo fatto il nostro dovere”

Immagine articolo

I medici di Medicina Generale sono in agitazione: in attesa di capire le misure di applicazione del nuovo contratto, e le reali linee guida che lo animeranno, si aggiunge anche un’altra tegola. Quella che lo scorso Capodanno li ha coinvolti nello scandalo dei vigili urbani assenteisti, le cui autorizzazioni sono infatti state emesse dai Medici di base.

Sanità Informazione, per far luce sulla questione, e sugli altri temi caldi che coinvolgono i camici bianchi, ha intervistato Pier Luigi Bartoletti, vicesegretario nazionale FIMMG e segretario regionale FIMMG Lazio.

C’è ancora esigenza di chiarezza, relativamente allo “scandalo di Capodanno” che ha coinvolto i vigili urbani.
Da parte nostra non abbiamo rilevato, anche in seguito alle verifiche, anomalie nelle richieste dei vigili urbani. Dopodiché molti di loro hanno dato il via a un “giro di malattie”. Il problema non risiede nei certificati in sé,  quanto nell’uso che se ne è fatto: utilizzare un certificato medico come atto pubblico – per forme di protesta – è sicuramente fuori legge. Per questo, però, aspettiamo l’esito dell’inchiesta della magistratura.

Un caso del genere, obiettivamente, cosa può nascondere?
Come si dice, “a pensar male si fa peccato ma spesso ci si prende”. Visti i numeri e vista la concomitanza con la festività, si è ipotizzata una forma di protesta mascherata. E’ inaccettabile, tuttavia, tirar dentro i medici di famiglia, che svolgono semplicemente il proprio dovere. Davanti a un paziente non ci si chiede che lavoro faccia. Si bada, invece, solo se la patologia dichiarata è constatata e – se possibile farlo – se questa sia veritiera o meno.

In un momento così concitato, qual è lo stato di salute della Sanità regionale?
Nonostante la Regione Lazio sconti un’atavica lentezza nel riconvertire i servizi ospedalieri, con il presidente Zingaretti stiamo facendo passi avanti. Abbiamo condiviso con lui i nostri obiettivi, tra cui rendere un servizio più vicino ai cittadini e ai suoi bisogni quotidiani, e su questa base abbiamo siglato un’intesa. Per noi il contratto è uno strumento, non un obiettivo.

Anche per la Sanità italiana è in corso il dibattito, qui a livello costituzionale. La riforma del titolo V prevede infatti il ritorno a una sanità di competenza nazionale, non più regionale.
Bisogna accordarsi su che tipo di Sanità si voglia, sui livelli dei servizi assistenziali, e sul ruolo da dare al medico di famiglia: centrale e ben delineato da un contratto, oppure affidato alle Regioni. Oggi la situazione, anche economica, è pesante perché ogni Regione di fatto si organizzerà per conto suo. Altro aspetto preoccupante è il contenzioso fra Stato e Regioni per la definizione delle competenze. E’ un quadro, insieme a quello delle responsabilità, che va delineato con attenzione. Bisogna ripartire consapevoli di quale ruolo ci viene ritagliato nell’ambito di una nuova convenzione nazionale: un’indicazione che ci aiuterebbe nella definizione di un contratto migliore, anche rispetto al servizio che rendiamo ai cittadini.

Articoli correlati
MMG in formazione: «Voglio essere il medico di tutti, ma manca un Erasmus in camice bianco»
Dai motivi che li hanno spinti verso questa strada alle prospettive future, Francesca Tomei, Rocco Santarone e Marco Lombardi raccontano a Sanità Informazione cosa significa essere un medico in formazione specifica in medicina generale. E non risparmiano critiche ad un corso che potrebbe migliorare sotto diversi punti di vista…
«Noi medici di famiglia, in formazione svantaggiati rispetto agli specializzandi». Parla Noemi Lopes (Fimmg)
«Positivo il nuovo Acn. Nonostante le disparità economiche e previdenziali i giovani continuano ad avvicinarsi a questa professione anche grazie alle iniziative del sindacato», sottolinea il Segretario nazionale Fimmg Formazione. Che poi aggiunge: «Fare il medico di famiglia è una vocazione, non ci fermiamo alle prime difficoltà»
Fimmg Lombardia, Gabriella Levato è il nuovo Segretario generale regionale
Gabriella Levato, 53 anni, medico di famiglia a Cologno Monzese, guiderà la squadra della federazione dei medici di famiglia lombardi. È questo il risultato della votazione tenutasi ieri a Varese in cui è stato eletto Angelo Rossi (Segretario della FIMMG di Brescia) come Vice Segretario vicario, Guido Marinoni di Bergamo e Claudio Rovescala di Pavia rispettivamente come […]
Presa in carico cronicità: i sistemi innovativi di Iniziativa Medica Lombarda, la più grande cooperativa di MMG
È la cooperativa di medici di famiglia più grande d’Italia. Riunisce 700 camici bianchi che hanno in carico oltre un milione di cittadini lombardi. Un terzo dei quali è affetto da patologie croniche. Si chiama Iniziativa Medica Lombarda (IML) e sabato 7 aprile inaugura la sua nuova sede centrale con un innovativo Centro Servizi per la presa […]
Retribuzione, Irpef, contributi e assicurazione: ecco quanto perdono gli MMG in formazione. E scattano i ricorsi
La mappa delle disparità di trattamento che gli MMG subiscono da 25 anni nella specializzazione. Scattata un'azione legale collettiva per ottenere rimborsi fino a 150mila euro
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...