Lavoro 19 maggio 2015

«Anche le aziende sanitarie dalla parte dei medici. Lo Stato risponda dei risarcimenti»

Intervista a Diego Piazza, presidente Acoi: “Stare vicino ai singoli professionisti che decidono di fare azioni individuali per tutelarsi”

Immagine articolo

Chirurghi italiani sempre più spremuti dai turni di lavoro e dai rischi correlati alla loro specializzazione.


Ore passate con i ferri in mano e la concreta possibilità di essere chiamati in causa, data la delicatezza del loro ruolo, per un presunto episodio di malpractice. Sanità informazione ha parlato con Diego Piazza, Presidente dell’Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani (ACOI) e capo dipartimento Chirurgia Azienda Policlinico-OVE Catania.

Presidente Piazza, i chirurghi italiani sono oberati dal lavoro e dalle responsabilità, ma hanno bisogno di maggiore serenità e libertà.

«Chi fa il chirurgo non può essere spaventato dal lavoro o dalla responsabilità. Rispetto a 25 anni fa chi opera in ambito chirurgico al giorno d’oggi è spaventato da altre cose, da quelle che lo tengono fuori dalla sala operatoria. Mi riferisco a quella che chiamo “chirurgia cartacea”: ovvero l’ enorme – e spesso inutile – burocrazia alla quale tutti noi veniamo sottoposti. In quest’ottica, il chirurgo deve diventare un esperto assicurativo o di diritto civile, penale e amministrativo e deve dare un occhio anche alla Corte dei Conti. Il chirurgo salottiero è chiamato a riunioni su temi improponibili a orari assurdi dalle nostre direzioni generali. In questo modo non si fa che sottrarre i chirurghi alle sale operatorie. Ma il chirurgo, per operare, è lì che deve stare».

In merito alle pressioni sul medico che vanno a ricadere poi sul cittadino, altro tema delicato del quale le istituzioni hanno la necessità di occuparsi è quello degli orari di lavoro. È bene chiarire che le aziende, in questo caso, non sono coinvolte in quelle che possono essere le azioni di rimborso del singolo medico per le ore di lavoro in più non pagate. L’operatore chiede invece conto allo Stato perché è lo Stato il vero responsabile di questa situazione.

«Mi sembra una cosa evidente, anche perché il numero di medici presente in un’unità operativa complessa non viene stabilito dalla direzione generale ma risponde ad una legge dello Stato. Se però consideriamo che ci sono unità operative con un solo chirurgo – e quindi diventa un prigioniero del reparto nel quale deve esercitare – mi chiedo come sia possibile far rispettare un orario di servizio adeguato ad una persona dove è in servizio un solo medico o dove su quattro medici due hanno la 104 e un altro ha un’invalidità per cui non può fare le notti. È un problema che lo Stato deve assolutamente affrontare e risolvere».

Articoli correlati
Lecco, infermiera sviene per troppo lavoro. A Merate un’altra aggressione
Stress da lavoro e ancora aggressioni per i camici bianchi. Le notizie degli ultimi giorni parlano di un’infermiera dell’ospedale di Merate aggredita dai parenti dei pazienti in fila al pronto soccorso e di un’operatrice socio sanitaria del’ospedale di Lecco svenuta nei giorni scorsi al culmine di un turno estenuante di lavoro. I motivi? Non pochi. […]
Chirurgia mininvasiva a macchia di leopardo in Italia: solo 50 unità operative complesse su 850 sarebbero accreditabili
Le due principali società scientifiche chirurgiche italiane, ACOI e SIC, lanciano il progetto Op2IMISE per sviluppare e applicare una metodologia standardizzata a livello nazionale di formazione dei chirurghi
Chirurghi, formazione in ritardo e troppo a “macchia di leopardo”. Allarme di SIC e ACOI: lanciato il progetto Op2IMISE
Le due principali società scientifiche chirurgiche italiane lanciano il progetto Op2IMISE per sviluppare una metodologia di formazione standardizzata a livello nazionale per ottimizzare la qualità e l’efficienza della chirurgia
Chirurgia, l’assurda crisi italiana. Marini (ACOI): «Siamo i più bravi, ma dovremo assumere stranieri. Benvenuta Legge Gelli»
«Formazione, calo delle vocazioni e chirurgia omissiva i nodi da sciogliere. Importante la Legge Gelli, ma aspettiamo decreti e tabelle assicurative». Parla il Presidente dell’Associazione dei Chirurghi Ospedalieri Italiani
In caso di diagnosi equivoca quale responsabilità per il medico?
La Corte di Cassazione Penale con la sentenza n. 29053 del 12 giugno 2017 ha stabilito che in caso di diagnosi equivoca non c’è imperizia a carico dei sanitari che hanno effettuato una scelta chirurgica proprio perché dagli esami compiuti durante otto giorni di degenza del paziente nel reparto di chirurgia d’urgenza non era stata […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Salute

Contratto medici, partita la trattativa. Sciopero revocato, ma l’aumento deve superare gli 85 euro

Partita all'Aran la trattativa per il rinnovo del contratto dei medici. Il primo effetto concreto è stato la revoca dello sciopero fissato per il 23 febbraio. Ma per arrivare alla agognata firma atte...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...