Lavoro 19 maggio 2015

«Anche le aziende sanitarie dalla parte dei medici. Lo Stato risponda dei risarcimenti»

Intervista a Diego Piazza, presidente Acoi: “Stare vicino ai singoli professionisti che decidono di fare azioni individuali per tutelarsi”

Immagine articolo

Chirurghi italiani sempre più spremuti dai turni di lavoro e dai rischi correlati alla loro specializzazione.


Ore passate con i ferri in mano e la concreta possibilità di essere chiamati in causa, data la delicatezza del loro ruolo, per un presunto episodio di malpractice. Sanità informazione ha parlato con Diego Piazza, Presidente dell’Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani (ACOI) e capo dipartimento Chirurgia Azienda Policlinico-OVE Catania.

Presidente Piazza, i chirurghi italiani sono oberati dal lavoro e dalle responsabilità, ma hanno bisogno di maggiore serenità e libertà.

«Chi fa il chirurgo non può essere spaventato dal lavoro o dalla responsabilità. Rispetto a 25 anni fa chi opera in ambito chirurgico al giorno d’oggi è spaventato da altre cose, da quelle che lo tengono fuori dalla sala operatoria. Mi riferisco a quella che chiamo “chirurgia cartacea”: ovvero l’ enorme – e spesso inutile – burocrazia alla quale tutti noi veniamo sottoposti. In quest’ottica, il chirurgo deve diventare un esperto assicurativo o di diritto civile, penale e amministrativo e deve dare un occhio anche alla Corte dei Conti. Il chirurgo salottiero è chiamato a riunioni su temi improponibili a orari assurdi dalle nostre direzioni generali. In questo modo non si fa che sottrarre i chirurghi alle sale operatorie. Ma il chirurgo, per operare, è lì che deve stare».

In merito alle pressioni sul medico che vanno a ricadere poi sul cittadino, altro tema delicato del quale le istituzioni hanno la necessità di occuparsi è quello degli orari di lavoro. È bene chiarire che le aziende, in questo caso, non sono coinvolte in quelle che possono essere le azioni di rimborso del singolo medico per le ore di lavoro in più non pagate. L’operatore chiede invece conto allo Stato perché è lo Stato il vero responsabile di questa situazione.

«Mi sembra una cosa evidente, anche perché il numero di medici presente in un’unità operativa complessa non viene stabilito dalla direzione generale ma risponde ad una legge dello Stato. Se però consideriamo che ci sono unità operative con un solo chirurgo – e quindi diventa un prigioniero del reparto nel quale deve esercitare – mi chiedo come sia possibile far rispettare un orario di servizio adeguato ad una persona dove è in servizio un solo medico o dove su quattro medici due hanno la 104 e un altro ha un’invalidità per cui non può fare le notti. È un problema che lo Stato deve assolutamente affrontare e risolvere».

Articoli correlati
In caso di diagnosi equivoca quale responsabilità per il medico?
La Corte di Cassazione Penale con la sentenza n. 29053 del 12 giugno 2017 ha stabilito che in caso di diagnosi equivoca non c’è imperizia a carico dei sanitari che hanno effettuato una scelta chirurgica proprio perché dagli esami compiuti durante otto giorni di degenza del paziente nel reparto di chirurgia d’urgenza non era stata […]
Il medico che non fruisce del riposo settimanale può essere risarcito?
La fruizione del riposo settimanale è un diritto indisponibile, riconosciuto e tutelato sia dall’art. 36 della Costituzione che dall’art. 5 della direttiva 2003/88/CE e pertanto l’azienda sanitaria deve garantirlo. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 14770 del 14 giugno 2017 ha affermato che la previsione di un compenso maggiorato per l’attività prestata in […]
Medici, stangata RC Auto nel 2017. Magi (Sumai): «Camici bianchi disattenti alla guida? Colpa del blocco del turnover…»
Dal rapporto di Facile.it operatori sanitari bollati come ‘disattenti’. Il 4,66% di loro subirà un aumento dei premi assicurativi. Antonio Magi, Segretario Generale del Sindacato degli Specialisti Ambulatoriali Sumai-Assoprof: «Medici anziani costretti a turni massacranti»
«Ecco cosa vuol dire davvero lavorare H24…». Vite da pronto soccorso? Parla Maria Pia Ruggieri (Simeu)
Perenne stato di emergenza e turni massacranti, ecco le condizioni in cui lavorano i camici bianchi negli ospedali italiani. Maria Pia Ruggieri Presidente Società italiana Medicina emergenza-urgenza: «Sistema Sanitario lacunoso e sovraffollamento, i pronto soccorso in pessime condizioni»
Turni massacranti, un anno dopo: legge inapplicata, i medici dicono basta
Camici bianchi in agitazione: senza gli emendamenti richiesti alla legge di Bilancio, lunedì 28 sarà sciopero: assunzioni, contratto e stabilizzazioni temi centrali esattamente come dodici mesi fa quando entrò in vigore la Legge 161 sugli orari di lavoro. Ecco cosa (non) è cambiato…
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...