Gli Esperti Rispondono 21 settembre 2015

Il mondo delle assicurazioni

Responsabilità e copertura assicurativa per atti dei collaboratori

di Assicurazione

Sono un medico legale libero professionista. Nei giorni scorsi purtroppo si è verificato nel mio studio uno spiacevole episodio. Un mio collaboratore, in mia assenza, ha avuto una fortissima discussione con un cliente degenerata in reciproche contumelie. Il cliente lamentava il fatto che il mio collaboratore avesse smarrito una documentazione sanitaria irripetibile ed indispensabile nell’ istruttoria di una pratica di risarcimento. Preciso che fino ad oggi non vi è stato alcun seguito, anche se il cliente ha minacciato platealmente di adire le vie legali. Le chiedo: sono responsabile per l’eventuale comportamento erroneo del mio collaboratore? La polizza di responsabilità civile professionale copre questa eventualità?

Certamente. In sede civile lei risponde dei comportamenti dolosi o colposi messi in atto dai suoi collaboratori durante l’attività presso il suo studio. Altra cosa invece è la sede penale per la quale la responsabilità è personale e non trasmissibile. Quanto poi alla sussistenza della copertura per tali eventi nelle polizze di responsabilità professionale la risposta è parimenti positiva. In genere, ma non sempre, le polizze di RC professionale coprono i danni procurati dai collaboratori del contraente/assicurato nell’esercizio della loro attività presso quest’ultimo.

Nel suo caso tuttavia il tema deve essere ulteriormente analizzato. Infatti l’eventuale danno procurato al cliente dal suo collaboratore appare essere di natura patrimoniale (per effetto dello smarrimento della documentazione) e non di natura fisico/materiale. Orbene temo che la sua polizza, come la grande maggioranza, limiti la copertura ai soli danni fisici/materiali. Nel suo caso c’è stato, sembra di capire, un danno di natura patrimoniale senza alcun danno fisico.

In conclusione la copertura della sua polizza è valida solo nel caso in cui la garanzia è estesa: ai comportamenti colposi o dolosi dei collaboratori; ai danni di natura patrimoniale procurati senza che si sia verificato un danno fisico/materiale.

Le suggerisco di fare questa verifica anche con l’aiuto del suo assicuratore quanto meno per adeguare la polizza per il futuro.

Ennio Profeta – consulente SanitAssicura 

Articoli correlati
Avvocati e medici a confronto su Legge Gelli. Lavra (OMCeO Roma): «Inizio di un percorso che andava assolutamente intrapreso»
Il Presidente dell’Ordine più grande d’Europa commenta ai nostri microfoni la riforma della responsabilità professionale in sanità: «Chi opera in ambito sanitario può stare più tranquillo. Importanti novità su risk management e assicurazioni, ma aspettiamo i decreti attuativi»
Legge Gelli: linee guida escludono responsabilità solo se corrispondono al caso concreto
La Corte di Cassazione Penale con la sentenza n. 28187 depositata il 7 giugno 2017 coglie l’occasione per un’interpretazione approfondita del nuovo testo normativo sulla responsabilità professionale. I passaggi più interessanti della lunga disamina della Corte riguardano, in particolare, le linee guida e l’applicabilità temporale della norma. Per quanto riguarda le linee guida, i giudici […]
Anestesisti, in calo le denunce per malpractice. Marinangeli, (AAROI EMAC Simulern): «Merito della formazione»
«Dato confortante, l’obiettivo è assicurare sempre il massimo della qualità» lo dichiara Alessandro Vergallo, Presidente Nazionale AAROI-EMAC in occasione della presentazione dello studio dell’Osservatorio nazionale permanente sul contenzioso medico-legale
Nuova legge sulla Responsabilità Professionale: qual è la prima applicazione pratica?
La Corte di Cassazione sezione penale con la sentenza n. 16140 del 30 marzo 2017 ha applicato, per la prima volta, la nuova legge sulla responsabilità professionale. In particolare, la Corte di Cassazione nel rinviare il giudizio alla Corte di Appello per una nuovo esame, fa riferimento alla sopravvenuta normativa di cui alla legge n. […]
Responsabilità professionale, Biondi (OMCeO Catania): «Formazione requisito per assicurazioni»
Antonio Biondi, Vicepresidente dell'Ordine di Catania sulla Legge Gelli: «Allo stato attuale, un’assicurazione che riconosca che il medico non si è adeguatamente formato, potrebbe anche non riconoscere la sua assicurazione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...