Specializzazioni 10 febbraio 2015

Scuole di Specializzazione, via libera al riordino anche da parte del ministro Lorenzin

Formazione sul campo e nuovi contratti, la soddisfazione del SIGM: “Finalmente allineati all’Europa”

Immagine articolo

Sul decreto di riordino delle Scuole di Specializzazione in Medicina è arrivata, pochi giorni dopo la firma del ministro Giannini, la controfirma del ministro alla Salute Beatrice Lorenzin.

Dopo il caos dell’ultimo concorso e le proteste legate al test per la selezione, via libera alla riduzione della durata per un terzo dei percorsi formativi: nessuna Scuola – a partire dal prossimo anno accademico – durerà più 6 anni, ma al massimo 5. E si procederà anche all’accorpamento di alcune Scuole e, in alcuni casi, come Medicina Aerospaziale e  Odontoiatria clinica generale, si arriverà alla loro eliminazione. In totale ne resteranno attive 55.

L’obiettivo è quello di ottenere più borse di studio e di consentire ai giovani medici di completare la propria preparazione più in fretta. Il nuovo decreto, inoltre, lascia molto più spazio alla “formazione sul campo”, favorendo la pratica rispetto alla teoria: è previsto, infatti, che almeno il 70% delle attività formative dovranno essere dedicate allo svolgimento di attività pratiche e che le stesse potranno essere espletate non solo nelle università, ma anche nei presidi ospedalieri e nelle strutture territoriali del Servizio sanitario.

Grande soddisfazione espressa da SIGM, il Segretariato dei Giovani Medici, su quella che – almeno sulla carta – sembra essere la riforma sperata da anni. Un riordo in grado finalmente di allineare la formazione medica specialistica agli standard europei “rendendo i percorsi formativi più funzionali e consentendo l’accesso al mondo del lavoro in tempi più brevi. Adesso, però, bisognerà lavorare sull’applicazione della riforma presso ciascuna università”. Un cauto ottimismo, invece, sulla parte relativa ai fondi di finanziamento per centinaia di contratti di formazione specialistica aggiuntivi.

“A tal proposito – continuano i Giovani Medici –  ci riserviamo di prendere visione della versione finale del provvedimento prima di esprimere un giudizio compiuto su quanto tradotto nel Decreto. In ogni caso, confidiamo nella disponibilità della CRUI (la Conferenza dei Rettori delle Università Italiane, ndr) e della comunità accademica ai fini della implementazione anche di tale aspetto”.

Articoli correlati
Sanità, il ministro Lorenzin nomina componenti Osservatorio nazionale sicurezza in sanità
«Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, in attuazione dell’art. 3 della legge n. 24 del 2017, recante “Disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie”, ha nominato i componenti dell’Osservatorio nazionale delle buone pratiche sulla sicurezza in Sanità –  fa sapere il ministero. Sono […]
Legge Bilancio 2018: cosa cambia per il comparto sanità? Ecco tutte le novità…
Quali saranno le aree di applicazione della manovra? A pochi giorni dall’inizio del nuovo anno già si iniziano a tracciare i primi bilanci ma i sindacati restano insoddisfatti…
Fumo, alcol, attività sportiva. Ruocco (Ministero Salute): «Ecco come influiscono reddito e istruzione sulla salute degli italiani»
Tra i dati più interessanti emersi nel convegno ‘Passi lunghi 10 anni’, organizzato dall’Istituto Superiore di Sanità e dal Ministero della Salute, anche quelli relativi alle abitudini durante gravidanza e allattamento
Sacchetti bio, il Ministero della Salute apre a chi vuole portarli da casa: «Ma solo se monouso»
«No al riutilizzo dei sacchetti bio quando si acquista frutta e verdura al supermercato, ma sì all'impiego di buste monouso nuove che il cittadino può portare da casa, risparmiando». Questa la posizione ufficiale del ministero della Salute, che interviene nel dibattito sui sacchetti a pagamento dal 1 gennaio 2018
In farmacia di notte? Il supplemento raddoppia, aumentano anche i galenici
7,50 euro anziché 3,87. Dal mese di novembre, è quasi doppio il supplemento che pagherà chi avrà bisogno di una farmacia di notte, secondo quanto stabilito dal decreto del ministro della Salute Beatrice Lorenzin. Sull’adeguamento e l’aggiornamento delle tariffe della fascia notturna e dei galenici, ferme dal ‘93,  interviene Federfarma sul suo sito: «Ѐ stato soltanto adeguato un […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

INTERVISTA ESCLUSIVA: «Ecco come prevederemo il cancro con una semplice analisi del sangue»

L'intervista alla Professoressa Paterlini – Bréchot: «Il metodo ISET permette di riscontrare la presenza di cellule tumorali in chi ha avuto un tumore e chi è a rischio molto prima rispetto ai me...
Salute

Centrifugati, verdure e succhi di frutta “veri”. I consigli della pediatra per salvare i bambini dall’influenza con la natura

La dottoressa Ricottini, ai microfoni di Sanità Informazione, spiega quali sono i migliori rimedi naturali per combattere e prevenire i sintomi dell’influenza. E sui “dolori della crescita”…
Politica

Firmato contratto per gli statali. Dal 2018 aumenti e tutele sanitarie aggiuntive

Incassata la prima sigla per il rinnovo dei contratti della PA: per 250mila dipendenti sono in arrivo moltissime novità tra cui tutele sanitarie aggiuntive. Si tratta di un risultato storico perché...