Formazione 25 agosto 2015

Numero chiuso, ecco come affrontare i test di Medicina

In 60mila alla prova dell’8 settembre, il 4 c’è l’esame per le professioni sanitarieGuida di Sanità informazione per prepararsi al meglio e per rimediare agli errori

Immagine articolo

Per i giovani aspiranti medici italiani l’estate sta finendo o, forse, non è mai davvero iniziata. Si torna alle sudate carte dopo una breve parentesi di spensieratezza: dal rush finale dell’esame di maturità, infatti, il pensiero è passato subito ai difficili Test di Accesso alla facoltà di Medicina, l’ostacolo che separa gli aspiranti dottori dall’indossare finalmente quel tanto sognato camice bianco.


Un ostacolo che in 60.639 (il numero dei pre-iscritti) proveranno a superare, ma solo in 9.513 (il numero dei posti disponibili) ci riusciranno.

In tutte le sedi universitarie italiane l’appuntamento, fissato dal Miur, è per martedì 8 settembre alle ore 11.00 per le prove di accesso a Medicina, Chirurgia, Odontoiatria e Protesi Dentaria in lingua italiana, per mercoledì 16 settembre per Medicina e Chirurgia in lingua inglese, mentre venerdì 4 settembre è il giorno per i candidati alle Professioni sanitarie.

Ad ogni candidato a Medicina verrà fornito un plico contenente una scheda anagrafica, una scheda recante i quesiti, e un modulo su cui apporre le risposte. Dopodiché, la partita si giocherà in 100 minuti. Questo è infatti il tempo massimo che avranno a disposizione i candidati per rispondere ai 60 quesiti di cui si compone il Test. 60 quesiti che quest’anno saranno suddivisi in questo modo: 2 di Cultura Generale, 20 di Ragionamento Logico, 18 di Biologia, 12 di Chimica, 8 di Fisica e Matematica. Tutti i quesiti saranno a risposta multipla, e avranno 5 opzioni di risposta tra cui il candidato dovrà individuare quella esatta. Come ci si allena ai Test? In ogni libreria fioriscono i manuali e le pubblicazioni con simulazioni ed esercizi, oppure si può dare un’occhiata al sito studenti.it che mette a disposizione degli studenti le simulazioni delle prove e i quiz degli anni scorsi: un utile strumento per permettere ai candidati di esercitarsi online in attesa del test.

Vari i diktat del Ministero per quanto riguarda lo svolgimento della prova: i giovani studenti dovranno ricordarsi di portare con sé una penna nera, e di lasciare a casa cellulari, smartphone, palmari, tablet, pena l’annullamento della prova. Inoltre, solo una volta potranno concedersi un ripensamento: è infatti consentito correggere non più di una risposta.

Il test verrà poi valutato secondo questi criteri: 1,5 punti per ogni risposta esatta; meno 0,4 (-0,4) punti per ogni risposta sbagliata; 0 punti per ogni risposta non data, per un massimo punteggio ottenibile di 90 punti. Il Miur, tuttavia,  ha fissato a 20 punti la soglia minima di sufficienza, necessaria per entrare in graduatoria. Finito il test, si tira il fiato fino al 22 settembre, data in cui il Miur pubblicherà i risultati, e poi di nuovo fino al 7 ottobre, quando saranno pubblicate le graduatorie ufficiali. In quelle settimane è probabile aspettarsi, come tutti gli anni, la denuncia di piccole e grandi irregolarità e situazioni giocate sul filo dei regolamenti. E a supporto degli aspiranti medici che si sentiranno danneggiati ci saranno i possibili ricorsi legali presentati da chi tutela i giovani camici bianchi. Da quel momento in poi, per più di novemila ragazzi ci sarà il vero fischio d’inizio; per tutti gli altri… appuntamento al prossimo giro.

Articoli correlati
Progress test Medicina, Fedeli: «Domanda di gravità inaudita, sia eliminata e sanzionato il responsabile»
«È di una gravità inaudita che sia stata inserita una simile domanda nel Progress test di medicina e chirurgia». Così la Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Valeria Fedeli in merito alla domanda “quali delle seguenti percentuali rappresenta la migliore stima del verificarsi dell’omosessualità nell’uomo?” presente nel Progress test (test per misurare i progressi dell’apprendimento) […]
Test di medicina, boom di irregolarità: +75%. Presentata interrogazione parlamentare. Dal 3 ottobre pubblica graduatoria nazionale
Il portale www.numerochiuso.info ha registrato un incremento del 75% di denunce di irregolarità rispetto al 2016 provenienti da tutta Italia. Richiesta a gran voce una soluzione normativa
Scuole di specializzazione: ecco il bando. Iscrizioni dal 5 al 16 ottobre: ecco i dettagli sull’esame e sulle graduatorie
Disponibile il bando tanto atteso per le scuole di specializzazione. La prova nazionale si svolgerà il 28 novembre prossimo. Le borse a disposizione sono 6.676
«La normativa sul numero chiuso va rivista». L’intervista al Senatore Antonio De Poli
Presentata un’interrogazione parlamentare sull’accesso programmato ad alcune facoltà universitarie. «Dobbiamo garantire una formazione a tutti i ragazzi che intendono studiare medicina, anche a distanza, grazie ai sistemi telematici»
Test d’ingresso a Medicina, boom di irregolarità denunciate: 5 atenei finiscono nel mirino
Problemi relativi a scheda anagrafica, non rispetto delle tempistiche, mancati controlli: centinaia di denunce raccolte. E chi è stato escluso già prepara il ricorso
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Salute

Fabrizio Frizzi: «Sulla salute non si scherza, ecco perché voglio medici aggiornati e voglio sapere tutto…»

Il popolare conduttore ai microfoni di Sanità Informazione parla del suo rapporto con la salute ed i camici bianchi: «Non sono ipocondriaco, ma sto attento ai segnali». Il racconto di quando donò ...
Lavoro

Cumulo contributivo, la carica dei 130mila. Oliveti: «Siamo pronti ma non è giusto che sia l’Inps a pagare i medici…»

«Il cumulo è diritto di civiltà, ma l’Enpam già prevedeva totalizzazione interna gratuita». A Sanità Informazione, il commento del Presidente della Cassa previdenziale dei medici Alberto Olive...