Formazione 21 luglio 2015

Contro le pandemie necessario un vero e proprio addestramento globale 

Il Generale Piervalerio Manfroni: «Gli standard di sicurezza delle Forze Armate un modello da seguire anche in sanità»

Immagine articolo

Tra i relatori della Tavola rotonda “La lezione di E-bola” anche il Generale Ispettore Piervalerio Manfroni, capo del Servizio Sanitario dell’Aeronautica Militare.


L’Aeronautica Militare è stata protagonista del trasporto in biocontenimento di Fabrizio Pulvirenti – il medico di Emergency infettatosi lo scorso novembre in Sierra Leone e poi guarito allo Spallanzani – secondo procedure di altissima sicurezza. Manfroni è intervenuto proprio per illustrare quanto sia importante, per il personale medico e militare, la formazione e l’informazione, che si tratti di Ebola o di altre pandemie.

«Sono problematiche alle quale non si può pensare di approcciarsi senza una preparazione adeguata nei minimi dettagli. E, nonostante questo, ogni volta ci si trova davanti qualcosa che era sfuggito, o qualcosa da perfezionare. E’ questo il sistema cui ci atteniamo nella nostra Forza Armata, e solo attraverso la prevenzione possiamo stimare di poter contenere al massimo l’incidentalità. Questi risultati, applicando gli stessi standard, riusciamo ad ottenerli anche nell’ambito sanitario. E’ risaputo, infatti, che l’ottimizzazione della sicurezza all’interno delle sale operatorie è stata ottenuta adoperando i criteri di sicurezza delle Aeronautiche militari di tutto il mondo».

Le Forze Armate hanno già dimostrato di essere coordinate ed inserite in contesti internazionali. Il dato emerso oggi, delle “lezioni” impartite dall’emergenza Ebola, è che è invece la formazione del personale medico a necessitare di uno sforzo ulteriore a livello di coordinamento internazionale, per implementarlo.

«Sarebbe certamente necessario, ma è anche un meccanismo complesso da diffondere a livello globale. Intanto è fondamentale che i colleghi dei pronto soccorso di tutti gli ospedali abbiano delle conoscenze base su come comportarsi per far fronte ai casi sospetti . Non a caso adesso estenderemo quelle conoscenze ed esperienze messe a punto anche con colleghi di ospedali nazionali ed internazionali che ci hanno chiesto di collaborare con loro. L’abbiamo già fatto con colleghi di altre aviazioni militari di Paesi occidentali, siamo pronti a farlo anche con colleghi di Paesi africani. Con le risorse che abbiamo cercheremo di rispondere al meglio a tutte le richieste che ci sono state poste».

Articoli correlati
ECM, no all’assunzione e carriera bloccata per chi non si mette in regola
Tutti i chiarimenti: certificazione ECM requisito anche per impiego nel privato e in enti pubblici. Il triennio formativo sta per terminare e sono tanti i medici ancora in ritardo. Stella (OMCeO Varese): «Formazione a macchia di leopardo, solo il 40-43% dei medici ha completato appieno il proprio percorso». Orlandi (Chimici): «Aggiornarsi per la salute della collettività»
Emergenza Sorrisi in Siria, Abenavoli: «Formare i medici. Ci vuole grande volontà»
Prosegue la missione dei medici volontari di Emergenza Sorrisi. Il presidente Abenavoli: «Il nostro obiettivo primario è formare i medici locali per renderli autonomi nell’affrontare le emergenze. Da parte nostra occorre un forte spirito di partecipazione, ma anche un po’ di incoscienza»
Tutte deducibili le spese per ECM e Congressi. Ecco cosa cambia per i medici…
L'articolo 5 del Jobs Act modifica l'attuale regime di deducibilità di alcune spese inerenti alla formazione dei medici e di tutti i lavoratori autonomi. Il nuovo regime prevede l'integrale deduzione, entro un limite massimo annuale, delle spese per l'iscrizione a master e a corsi di formazione o di aggiornamento professionale
«I nostri giovani chirurghi scappano all’estero». SIC spiega perché e come evitare la “fuga”
Risorse, formazione, aggiornamento ECM le note dolenti. Ma le iniziative delle Società Scientifica e le partnership per gli under 35 possono finalmente segnare una svolta. Intervista al Segretario/Tesoriere di Sic, il dottor Luciano Landa.
Un SMS per regalare “Accoglienza e Sorrisi”
Su RaiUno la missione di Emergenza Sorrisi in Burkina Faso. Abenavoli: «I medici ci sono, mancano materiali e mezzi per operare». Restituire un sorriso ai bambini affetti da malformazione facciale come il labbro leporino. Ecco la missione del professore Fabio Massimo Abenavoli presidente di Emergenza Sorrisi. Per aiutare i volontari fino al 30 ottobre è attiva la campagna “Accoglienza e Sorrisi” SMS solidali dal valore di 2 Euro al numero 45520
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Ecm

RITARDO ECM, scatta l’accertamento del Ministero: 3500 medici cancellati

Documento esclusivo di Sanità Informazione sui medici competenti: ecco la comunicazione ufficiale del Ministero della Salute a tutti gli OMCeO di Italia. «Va accertato il conseguimento dei crediti E...