Formazione 21 luglio 2015

Contro le pandemie necessario un vero e proprio addestramento globale 

Il Generale Piervalerio Manfroni: «Gli standard di sicurezza delle Forze Armate un modello da seguire anche in sanità»

Immagine articolo

Tra i relatori della Tavola rotonda “La lezione di E-bola” anche il Generale Ispettore Piervalerio Manfroni, capo del Servizio Sanitario dell’Aeronautica Militare.


L’Aeronautica Militare è stata protagonista del trasporto in biocontenimento di Fabrizio Pulvirenti – il medico di Emergency infettatosi lo scorso novembre in Sierra Leone e poi guarito allo Spallanzani – secondo procedure di altissima sicurezza. Manfroni è intervenuto proprio per illustrare quanto sia importante, per il personale medico e militare, la formazione e l’informazione, che si tratti di Ebola o di altre pandemie.

«Sono problematiche alle quale non si può pensare di approcciarsi senza una preparazione adeguata nei minimi dettagli. E, nonostante questo, ogni volta ci si trova davanti qualcosa che era sfuggito, o qualcosa da perfezionare. E’ questo il sistema cui ci atteniamo nella nostra Forza Armata, e solo attraverso la prevenzione possiamo stimare di poter contenere al massimo l’incidentalità. Questi risultati, applicando gli stessi standard, riusciamo ad ottenerli anche nell’ambito sanitario. E’ risaputo, infatti, che l’ottimizzazione della sicurezza all’interno delle sale operatorie è stata ottenuta adoperando i criteri di sicurezza delle Aeronautiche militari di tutto il mondo».

Le Forze Armate hanno già dimostrato di essere coordinate ed inserite in contesti internazionali. Il dato emerso oggi, delle “lezioni” impartite dall’emergenza Ebola, è che è invece la formazione del personale medico a necessitare di uno sforzo ulteriore a livello di coordinamento internazionale, per implementarlo.

«Sarebbe certamente necessario, ma è anche un meccanismo complesso da diffondere a livello globale. Intanto è fondamentale che i colleghi dei pronto soccorso di tutti gli ospedali abbiano delle conoscenze base su come comportarsi per far fronte ai casi sospetti . Non a caso adesso estenderemo quelle conoscenze ed esperienze messe a punto anche con colleghi di ospedali nazionali ed internazionali che ci hanno chiesto di collaborare con loro. L’abbiamo già fatto con colleghi di altre aviazioni militari di Paesi occidentali, siamo pronti a farlo anche con colleghi di Paesi africani. Con le risorse che abbiamo cercheremo di rispondere al meglio a tutte le richieste che ci sono state poste».

Articoli correlati
Cortona, al Signorelli protocollo di intesa Regione-Miur per la qualifica di OSS
L’Istituto Signorelli di Cortona ha aderito al protocollo di intesa promosso da Regione Toscana e MIUR-Ufficio Scolastico Regionale, che promuove una sperimentazione rivolta agli Istituti Professionali ad indirizzo Socio Sanitario volta a far conseguire agli studenti la qualifica di OSS (Operatore Socio Sanitario)al termine del percorso di studi. In Regione Toscana, attualmente, gli Istituti Professionali […]
ECM, il Presidente FNOMCeO Anelli: «Ordini sollecitino iscritti su formazione. Verifica dei crediti del triennio 2014-2016 comincerà dal 2019»
Il Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici, in una nota, ribadisce che «l’aggiornamento professionale resta un dovere di ogni medico» e annuncia le prossime scadenze in materia
Nuove apparecchiature elettromedicali all’Università della Campania per partnership con BTL Italia
Sono state consegnate oggi, presso l’Università degli studi della Campania “L. Vanvitelli”, delle apparecchiature elettromedicali della società BTL Italia Srl per avviare la partnership tra le parti in vista della sperimentazione di differenti approcci terapeutici attraverso l’utilizzo di apparecchiature elettromedicali.   La Cattedra di Medicina Fisica e Riabilitativa dell’Università degli Studi della Campania “L. Vanvitelli”, […]
AAA, cercansi 10mila medici in Arabia Saudita
Prima dell’arrivo del 2020, l’Arabia Saudita avrà bisogno di 10mila medici. E di altri 20mila camici bianchi entro il 2030. Secondo gli esperti di Oxford Economics che hanno condotto lo studio, sono questi i numeri necessari per far fronte all’insufficienza di posti letto e alla crescita della popolazione cui il Paese assisterà nei prossimi anni. […]
Fumo, aumentano i consumatori. Roberta Pacifici (ISS): «I giovani sono il serbatoio di riserva del tabagismo»
«Da anni non vediamo importanti cambiamenti di rotta in Italia: giovani e giovanissimi alimentano la popolazione dei fumatori che non diminuisce». Così il Direttore del Centro Nazionale Dipendenze e Doping dell’Istituto Superiore di Sanità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Leucemia infantile, tra le cause anche la mancata esposizione ai microbi. La ricerca pubblicata su Nature

Il Professor Greaves, autore dello studio: «L’incidenza della leucemia linfoblastica acuta infantile è maggiore nei Paesi sviluppati, non a causa di onde elettromagnetiche o agenti chimici, ma deg...