Contributi e Opinioni 19 luglio 2016

Sanità Pubblica Veterinaria: l’anomalia positiva

Sempre più spesso si sente parlare di Medicina unica e Salute unica (One health) e della possibilità/necessità che un approccio integrato tra le due medicine, umana e veterinaria, possa rappresentare un valido metodo per gestire le problematiche sanitarie che alla luce della globalizzazione sempre più comportano nuovi scenari di emergenze che difficilmente riescono a mantenersi […]

di SIMeVeP

Sempre più spesso si sente parlare di Medicina unica e Salute unica (One health) e della possibilità/necessità che un approccio integrato tra le due medicine, umana e veterinaria, possa rappresentare un valido metodo per gestire le problematiche sanitarie che alla luce della globalizzazione sempre più comportano nuovi scenari di emergenze che difficilmente riescono a mantenersi all’interno di scenari classici che, ormai incongrui, non sono in grado di affrontarle come ad esempio il concetto di “malattia esotica” che, anche alla luce di quanto si verifica nel nostro pianeta anche razie al mutamento del clima, non può più rappresentare un approccio realistico sia dal punto di vista operativo sia in ambito di ricerca.

Detto questo possiamo sostenere che in Italia questo concetto è da sempre presente poiché la medicina veterinaria, anche negli stati preunitari, ha sempre visto la sua collocazione nella sanità intuendo quanto la cura e la prevenzione delle epizoozie fosse naturalmente vantaggiosa tutelando, oltre all’economia (produzioni zootecniche e alimenti di origine animale), la salute umana con la prevenzione delle zoonosi soprattutto di quelle alimentari.

Quindi la collocazione nell’amministrazione sanitaria invece che in quella dell’agricoltura, come nella quasi totalità di nazioni è sicuramente da considerare sì un’anomalia ma positiva e rappresentativa di un modello che appunto a pieno titolo rappresenta anche una peculiarità socio-economica del nostro paese sin dalla sua unificazione.

Infatti tale ordinamento prende origine da allora quando, su proposta del primo direttore della Sanità del Regno Luigi Pagliani, veniva riformata da Francesco Crispi l’organizzazione sanitaria e quindi alla fine del 1888 veniva emanata una con cui si stabiliva l’unicità dell’organizzazione della sanità: i servizi medico e veterinario venivano entrambi inseriti all’interno del Ministero dell’Interno mentre prima del 1865 erano separati dando così, come detto, una primogenitura italiana a quel modello di attività di medicina unica attualmente conosciuto come One Health.

Questa visione fu ulteriormente ribadita, e per certi versi rafforzata, con l’istituzione del Servizio Sanitario Nazionale vedendo la collocazione operativa della veterinaria nei Dipartimenti di Prevenzione delle aziende sanitarie con un’unica ma grande pecca che perdura a tutt’oggi e cioè quella del costante sottofinanziamento, anche rispetto a quanto stabilito come minimo di legge, delle risorse e questo, seppur con diversificazioni, in tutte le regioni italiane.

Questo sta anche ad indicare la costante scarsa propensione della politica nazionale, ma anche regionale, ad assegnare le giuste risorse alla prevenzione primaria (mantenere sani i sani) i cui risultati non si colgono immediatamente e la cui valutazione, a differenza delle attività cliniche, è di difficile effettuazione col deludente risultato che politici e amministratori troppo assillati dal contingente difficilmente fanno sforzi per investire nella prevenzione che non paga se non sul lungo periodo.

Un esempio che può valere per tutti è rappresentato dall’eradicazione nel 1974 della rabbia (la madre di tutte le zoonosi) che ha comportato anche un decisivo cambiamento nel rapporto uomo-cane che fino ad allora vedeva in quest’ultimo un amico sì ma da tenere a dovuta distanza visto il ruolo di “untore” che poteva assumere all’improvviso. Ora i cani sono, insieme a molti altri animali, una presenza fissa nelle nostre case tanto che qualcuno ne chiede (!) l’inserimento nello stato di famiglia. A questo riguardo va ricordata un’altra “invenzione” italiana rappresentata, in un mondo sempre inurbato, dall’Igiene Urbana Veterinaria  a cui compete studiare e affrontare le problematiche nel rapporto uomo/animali in ambiente urbano.

Il quadro è completato ricordando un’altra peculiarità rappresentata dalla rete dei dieci Istituti Zooprofilattici Sperimentali che, nati per fornire assistenza agli allevatori, hanno ampliato le loro attività e competenze contribuendo ad assicurare anche con la ricerca la salute dei cittadini italiani.

Articoli correlati
La nuova frontiera dell’agopuntura: è efficace su cani e gatti?
Anche i dolori di cani e gatti possono essere risolti con l’agopuntura. Prende sempre più piede nel mondo occidentale l’utilizzo di questa tecnica cinese non solo sugli esseri umani ma anche sui piccoli amici a quattro zampe. Ma come spesso capita quando si parla di agopuntura, sono diverse le opinioni in merito alla sua efficacia. […]
Cibo surgelato? Ecco 5 consigli utili per evitare rischi…
Ecco i consigli della Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva riguardo la sicurezza alimentare. Per avere cibo sano sulle nostre tavole è fondamentale la corretta gestione dei prodotti, non solo nell'ambito della filiera alimentare, ma anche nell'uso domestico. Qualche suggerimento....
Lo Spreco alimentare tra Etica, Salute, Economia ed Ambiente: interventi legislativi nazionali e comunitari
Mentre il Parlamento Europeo con la risoluzione 2011/175 (INI) del 19 gennaio 2012, propone una nuova strategia comunitaria per ripensare il tema degli sprechi alimentari, individuando alcune azioni ritenute inderogabili,[1] la Commissione Europea mette in atto una politica serrata su questo tema promuovendo numerose iniziative di sensibilizzazione; istituendo una piattaforma comunitaria (EU Platform on Food […]
di Maurizio Ferri - Coordinatore Scientifico SIMeVeP
Lo Spreco alimentare tra etica, salute, economia e ambiente
La FAO ci segnala che ogni anno nel mondo vengono sprecati 1,3 miliardi di tonnellate di cibo ancora perfettamente commestibile, un terzo di quanto prodotto e quattro volte la quantità necessaria a sfamare i 925 milioni di persone nel mondo a rischio di denutrizione.[1] Il fenomeno con una diversa dinamica nei diversi passaggi della filiera […]
di Maurizio Ferri - Coordinatore Scientifico SIMeVeP
“Antibiotics: Handle With Care”: dal 14 al 20 novembre la settimana mondiale sull’antibioticoresistenza
Per il secondo anno di seguito, la giornata europea sugli antibiotici – organizzata dallo European Centre for Disease Prevention and Control (Ecdc) ogni 18 novembre, giunta alla IX edizione – si celebra nel corso della settimana mondiale sull’antibiotico resistenza, voluta dall’Oms, con la collaborazione di Fao e Oie, per sensibilizzare i governi, le istituzioni e […]
di S.I.Me.Ve.P
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi: 62 milioni di euro di rimborsi. Ma arriva la prescrizione…

Lavra (OMCeO Roma): «Felice per i colleghi rimborsati, Consulcesi patriottica». Andrea Tortorella (Ad Consulcesi): «Cifra emblematica, consigliamo a tutti i camici bianchi di muoversi prima della p...
Lavoro

Medici di famiglia, Lorenzin: «Sono le nostre braccia sul territorio. Più risorse da Def e fondi regionali»

«Investiamo sul capitale umano, i nostri medici di famiglia sono l’anello forte della catena» così il Ministro Lorenzin intervistata al 74° Congresso Nazionale Fimmg. Ecco le ultime novità su D...
Lavoro

Enpam: «Pronti da subito a pagare pensioni in cumulo. Ora il problema sono i tempi»

Prime reazioni alla pubblicazione della circolare Inps che dà operatività al cumulo contributivo gratuito. «Resta il problema di quando queste pensioni saranno pagate» precisa la Fondazione