Non Categorizzato 20 Maggio 2020

Vergallo (AAROI-EMAC): «Senza pianificazione, programmazione e organizzazione investimenti rischiano di rimanere sulla carta»

Il contributo del Presidente dell’Associazione Anestesisti Rianimatori Ospedalieri Italiani – Emergenza Area Critica Alessandro Vergallo

di Alessandro Vergallo, Presidente Nazionale AAROI-EMAC

La pandemia da Covid-19, tutt’altro che superata, ha evidenziato quanto la politica di governo del SSN abbia ignorato tutto ciò che da anni l’AAROI-EMAC denuncia nel merito del sottofinanziamento del SSN, della mancata programmazione, dell’incapacità di pianificazione, delle penalizzazioni di ogni genere intraprese a danno del personale sanitario, medici in primis.

I tragici eventi degli ultimi mesi hanno portato alla ribalta l’inadeguatezza di un sistema che soltanto grazie ai professionisti che vi lavorano, in primis gli Anestesisti Rianimatori ed i Medici di Emergenza-Urgenza, i più coinvolti nella lotta contro la pandemia COVID-19, è riuscito a far fronte ad una situazione mai vista finora.

La politica non può più rinviare l’adozione urgentissima di provvedimenti che rimedino al più presto allo sfacelo in cui essa stessa, negli anni, ha ridotto la Sanità italiana, e a tal fine è essenziale un confronto costruttivo con le Organizzazioni Sindacali rappresentative dei lavoratori che ogni giorno sono sul campo, affinché gli “Eroi” di oggi non continuino ad esserne le vittime.

L’AAROI-EMAC, pur apprezzando gli investimenti previsti in sanità negli ultimi decreti, sottolinea che senza pianificazione, programmazione, organizzazione, essi rischiano di rimanere sulla carta. Per fare un esempio concreto, l’aumento di posti letto di terapia intensiva, così come previsto nel Decreto Rilancio, è davvero realizzabile? Fermo restando che l’Anestesista Rianimatore è l’unico Medico specialista in grado di garantire le cure intensive, come si pensa di gestire tanti posti letto di fronte ad una carenza cronica di questi Specialisti, oltre che di Infermieri specificatamente formati?

L’AAROI-EMAC, insieme alla SIAARTI, nei giorni più difficili della pandemia, ha lanciato un appello alle Istituzioni, indicandovi sia quanti posti letto di terapia intensiva stabilizzare, sia le più attuabili ed appropriate soluzioni per far fronte, nell’immediato, all’aumentato fabbisogno di Anestesisti Rianimatori, tra cui l’arruolamento in servizio del quarto e quinto anno dei Medici in Formazione Specialistica, e chiedendo, in una prospettiva a breve-medio termine, l’incremento fino a 2000/2500 delle Borse di Studio indirizzate alle Scuole di Specializzazione in Anestesia, Rianimazione, Terapia Intensiva e del Dolore.

Ma la politica dovrà anche comprendere che senza il riconoscimento di lavoro usurante, e senza un’adeguata valorizzazione anche stipendiale dei medici in prima linea negli ospedali, né i Reparti di Anestesia e Rianimazione né quelli di Pronto Soccorso, che tra tutti sono di gran lunga i più penalizzati per le prospettive di carriera, potranno essere sufficientemente attrattivi per i neolaureati in Medicina e Chirurgia intenzionati ad intraprendere la professione ospedaliera. Anche in tale prospettiva torniamo a chiedere la riapertura immediata del confronto per il rinnovo del nostro CCNL, già scaduto da oltre un anno.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
CCNL 2016-2018 e adeguamento retributivo turni di Guardia. AAROI-EMAC diffida Aziende e Enti inadempienti
«Anni e anni senza contratto, la sigla del nuovo CCNL avvenuta ben oltre tempo massimo, eppure ancora in molti giocano con i numeri per non applicarlo correttamente. Diverse Aziende e Enti Sanitari, infatti, a ormai sei mesi dalla firma del CCNL 2016-2018, non hanno ancora adeguato la retribuzione dei turni di Guardia». A denunciarlo è […]
Fiducia decreto Cura Italia, spazzati via emendamenti importanti come il riconoscimento del lavoro usurante
di Alessandro Vergallo, Presidente AAROI-EMAC
di Alessandro Vergallo, Presidente AAROI-EMAC
Emergenza Coronavirus, le richieste dei sindacati: «Scudo giudiziario, fondo per gli indennizzi e revisione della responsabilità professionale»
Palermo (Anaao): «Passare da impianto basato sulla colpa ad uno basato sull’errore». Vergallo (AAROI-EMAC): «La pandemia ha esacerbato il sovraccarico di responsabilità degli operatori sanitari». Quici (Cimo-Fesmed): «Gravi responsabilità da parte di ISS, Protezione Civile e Direttori Generali». Filippi (Fp Cgil Medici): «Medici e pazienti che si infettano a causa di carenze nell’organizzazione devono poter ricorrere contro l’ente»
«Cari milanesi, quando tutto questo sarà finito ricordatevi dei vostri anestesisti»
di Riccardo Pinciroli, Department of Anesthesia, Critical Care and Pain Medicine - Massachusetts General Hospital, Harvard Medical School
di Riccardo Pinciroli, Harvard Medical School
Coronavirus, Vergallo (Aaroi-Emac): «In Lombardia meno di 20 posti letto liberi in rianimazione»
Il segretario del sindacato degli anestesisti Alessandro Vergallo racconta il difficile momento che sta vivendo la categoria nelle zone più colpite: «La situazione è critica, non riusciamo neanche più a parlarci al telefono. Bloccate ferie, riposi, recuperi». Poi denuncia: «In tutta Italia sono meno di 5mila i posti in terapia intensiva. Negli ultimi dieci anni tagliato il 7-8%»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 6 luglio, sono 11.451.030 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 534.320 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...