Non Categorizzato 20 Maggio 2020

Vergallo (AAROI-EMAC): «Senza pianificazione, programmazione e organizzazione investimenti rischiano di rimanere sulla carta»

Il contributo del Presidente dell’Associazione Anestesisti Rianimatori Ospedalieri Italiani – Emergenza Area Critica Alessandro Vergallo

di Alessandro Vergallo, Presidente Nazionale AAROI-EMAC

La pandemia da Covid-19, tutt’altro che superata, ha evidenziato quanto la politica di governo del SSN abbia ignorato tutto ciò che da anni l’AAROI-EMAC denuncia nel merito del sottofinanziamento del SSN, della mancata programmazione, dell’incapacità di pianificazione, delle penalizzazioni di ogni genere intraprese a danno del personale sanitario, medici in primis.

I tragici eventi degli ultimi mesi hanno portato alla ribalta l’inadeguatezza di un sistema che soltanto grazie ai professionisti che vi lavorano, in primis gli Anestesisti Rianimatori ed i Medici di Emergenza-Urgenza, i più coinvolti nella lotta contro la pandemia COVID-19, è riuscito a far fronte ad una situazione mai vista finora.

La politica non può più rinviare l’adozione urgentissima di provvedimenti che rimedino al più presto allo sfacelo in cui essa stessa, negli anni, ha ridotto la Sanità italiana, e a tal fine è essenziale un confronto costruttivo con le Organizzazioni Sindacali rappresentative dei lavoratori che ogni giorno sono sul campo, affinché gli “Eroi” di oggi non continuino ad esserne le vittime.

L’AAROI-EMAC, pur apprezzando gli investimenti previsti in sanità negli ultimi decreti, sottolinea che senza pianificazione, programmazione, organizzazione, essi rischiano di rimanere sulla carta. Per fare un esempio concreto, l’aumento di posti letto di terapia intensiva, così come previsto nel Decreto Rilancio, è davvero realizzabile? Fermo restando che l’Anestesista Rianimatore è l’unico Medico specialista in grado di garantire le cure intensive, come si pensa di gestire tanti posti letto di fronte ad una carenza cronica di questi Specialisti, oltre che di Infermieri specificatamente formati?

L’AAROI-EMAC, insieme alla SIAARTI, nei giorni più difficili della pandemia, ha lanciato un appello alle Istituzioni, indicandovi sia quanti posti letto di terapia intensiva stabilizzare, sia le più attuabili ed appropriate soluzioni per far fronte, nell’immediato, all’aumentato fabbisogno di Anestesisti Rianimatori, tra cui l’arruolamento in servizio del quarto e quinto anno dei Medici in Formazione Specialistica, e chiedendo, in una prospettiva a breve-medio termine, l’incremento fino a 2000/2500 delle Borse di Studio indirizzate alle Scuole di Specializzazione in Anestesia, Rianimazione, Terapia Intensiva e del Dolore.

Ma la politica dovrà anche comprendere che senza il riconoscimento di lavoro usurante, e senza un’adeguata valorizzazione anche stipendiale dei medici in prima linea negli ospedali, né i Reparti di Anestesia e Rianimazione né quelli di Pronto Soccorso, che tra tutti sono di gran lunga i più penalizzati per le prospettive di carriera, potranno essere sufficientemente attrattivi per i neolaureati in Medicina e Chirurgia intenzionati ad intraprendere la professione ospedaliera. Anche in tale prospettiva torniamo a chiedere la riapertura immediata del confronto per il rinnovo del nostro CCNL, già scaduto da oltre un anno.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
«Dopo esserci trastullati tutta l’estate, ora rincorriamo in affanno i posti di terapia intensiva»
di Domenico Minniti - Presidente AAROI EMAC Sezione Calabria
di Domenico Minniti - Presidente AAROI EMAC Sezione Calabria
Viaggio nelle terapie intensive d’Italia, i racconti degli anestesisti: «Non sappiamo se reggeremo»
I letti in terapia intensiva tornano a riempirsi e anestesisti e rianimatori temono di non riuscire a sostenere il colpo, anche da un punto di vista emotivo. Chi lotta per salvare i casi gravi descrive ciò che sta avvenendo in Lombardia, Lazio, Campania, Puglia e Calabria
Gli anestesisti in tour da Torino a Bari. Petrini (Siaarti): «Contro il Covid siamo stati brillanti»
Un'iniziativa per raccontare una professione in prima linea ed incontrare medici e istituzioni. La presidente della Società italiana di anestesia, analgesia, rianimazione e terapia intensiva: «Suggerimenti positivi per il governo su organizzazione e follow up»
di Federica Bosco
Covid-19, Vergallo (Aaroi): «Ora degenza in terapia intensiva più breve, ma pazienti gravi come a marzo»
Il Presidente del sindacato degli anestesisti rianimatori: «I fondi europei non siano persi in rivoli non produttivi. Come la medicina di famiglia»
Posti in più in terapia intensiva, ma mancano gli anestesisti. La denuncia di Vergallo (Aaroi-Emac)
Il presidente di Aaroi-Emac in un'intervista sul Messagero parla di tremila professionisti vacanti, mentre le persone in terapia intensiva aumentano ancora
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare