Non Categorizzato 21 Maggio 2020

Tiramani (Lega): «Ospedali dismessi diventino strutture Covid-19. Urgente riforma scuole specializzazione»

di Paolo Tiramani, Deputato Lega, Componente Commissione Affari Sociali

Per pensare alla sanità post emergenza bisogna innanzitutto guardare a cosa avviene nei territori. Penso a quello della Asl al cui interno è compreso il Comune di cui sono sindaco, Borgosesia: sono stati chiusi dei plessi ospedalieri, riconvertiti in seguito in Poliambulatori. In questi plessi ospedalieri, come credo avvenga anche in altre parti d’Italia, abbiamo giù inaugurato dei reparti Covid e post Covid con pochi posti letto ma che comunque rappresentano un segnale di come si può ripartire dopo questa grande emergenza. Ad oggi, soprattutto in Piemonte, gli ospedali erogano solo servizi in urgenza, sono state bloccate le visite programmate, tutto ciò che non è urgente è stato posticipato a fine emergenza. Bisogna attrezzarsi affinché, in caso di una possibile seconda ondata e con il supporto di tutte le protezioni, i Dpi e la mentalità con cui affronteremo il futuro, i casi che ci saranno possano essere gestiti in queste strutture riconvertire per permettere alle strutture ospedaliere di fare quello che hanno sempre fatto. Anche perché non si muore solo di Covid. Il grido di allarme soprattutto dei Cardiologi, ma anche di altri specialistici, segnala che il rinvio sine die delle visite abbia provocato un incremento di morti anche in altri ambiti medici.

Un capitolo a parte merita la medicina del territorio. Credo che la scarsa presenza di medici di famiglia, soprattutto in alcune aree del nostro territorio, non permetta di gestire al meglio alcune situazioni. Un medico dovrebbe gestire 1500 pazienti ma sappiamo tutti che, con la carenza dei camici bianchi che abbiamo, in realtà questi medici ne gestiscono molti di più di 1500.

Per questo io ho presentato due proposte: una era l’abolizione del numero chiuso alla Facoltà di Medicina. La seconda una riforma completa delle scuole di specializzazione. È impensabile che ogni anno vadano in pensione circa 10mila medici mentre l’aumento delle borse di specializzazioni sia di 7-8mila unità. L’aumentato strutturale del numero delle borse di specializzazione è ormai non più rinviabile.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Borghi (Lega): «Cari medici, non cascate nella retorica del MES. I soldi per la sanità ci sono»
L’ex Presidente della Commissione Bilancio contesta la ‘narrazione’ sul fondo salvastati: «I titoli comprati dalla Banca centrale non ci costano nulla perché ridanno gli interessi. In questo momento noi ci finanziamo a zero. Non ha senso insistere a fronte di un finanziamento a zero». Poi aggiunge: «Medici vittime di propaganda e disinformazione»
Telemedicina, l’esperimento di Borgosesia: a scuola apparecchiature per monitorare la salute dei bambini
Le strumentazioni verranno utilizzate da personale infermieristico appositamente formato. Il sindaco Tiramani: «Le abbiamo ordinate mesi fa, quando ancora non si sapeva se ci sarebbe stata una seconda ondata di Covid-19 e di che entità potesse essere: oggi, alla luce di quanto sta accadendo, la nostra decisione si rivela quanto mai opportuna»
Covid-19, a Borgosesia (Vercelli) accordo comune-farmacie per tamponi rapidi
Da giovedì 19 novembre i cittadini potranno sottoporsi a tampone rapido per il contagio da Covid-19 semplicemente prenotandosi in farmacia
Covid-19, Regimenti (Lega): «Medici di base preziosi, ma costretti a fare test e tamponi in condomini»
«Servono più cure domiciliari, telemedicina e assunzioni di personale, non si possono obbligare i medici di base a svolgere questi test nel loro studio senza metterli nelle condizioni di farlo in sicurezza» sottolinea l'eurodeputata della Lega
La Lega presenta un’interrogazione a Speranza su idrossiclorochina e plasma iperimmune
Le tre deputate della Lega Rossana Boldi, Elena Murelli e Laura Cavandoli portano la questione in Parlamento
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 novembre, sono 60.997.052 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.432.299 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli