Sanità integrativa, Chersevani (FNOMCeO): «Sì a formule complementari per supportare un servizio pubblico in affanno»

Al convegno sul tema organizzato in Campidoglio dall’OMCeO di Roma interviene la Presidente della Federazione Nazionale: «Il paziente al primo posto, percorsi differenziati non si traducano in differenze qualitative»

Immagine articolo

Quello italiano è un Servizio sanitario con grandi potenzialità, che ha dalla sua caratteristiche di eguaglianza e universalità, ma costantemente in sofferenza a causa della crisi e dei tagli. Prevedere dei canali alternativi che garantiscano al cittadino un servizio adeguato – nonostante le lacune del sistema – sembra essere una soluzione valida purché «a sostenerne le spese sia chi ne ha effettivamente le possibilità economiche». Così – all’incontro sulla previdenza sanitaria integrativa tenutosi nei giorni scorsi a Roma – la Presidente della Federazione Nazionale dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri, Roberta Chersevani.

La massima carica della FNOMCeO ha rimarcato l’attenzione su un punto fondamentale: la centralità del paziente – e delle sue necessità – nell’ambito di qualsiasi percorso sanitario scelto. «Il paziente si rivolge a noi per prevenzione, diagnosi, terapia. È importante che la qualità dell’assistenza sia uniforme e sempre ai massimi livelli per chiunque richieda una prestazione, che sia essa integrata o del nostro Servizio sanitario».

E l’opportunità di un welfare integrativo è la cartina al tornasole di una serie di annose problematiche che affliggono il sistema sanitario italiano. «Penso al blocco delle assunzioni – continua Chersevani – che in alcuni casi perdura da anni. L’età media dei medici negli ospedali è di circa 55 anni, è evidente che mancano i giovani, e credo che questo riguardi anche le altre professioni sanitarie. Da parte nostra – aggiunge – c’è un impegno costante sull’appropriatezza, che significa non sprecare, spendere meno ma spendere meglio, e capire come questo incide sull’outcome, sul risultato per il paziente».

Resta da sciogliere, in tal senso, il nodo della comunicazione e del rapporto di fiducia medico-paziente: «Quando il paziente richiede una determinata prestazione – afferma la Presidente FNOMCeO – sta a noi comunicare con lui circa l’effettiva utilità della stessa. Questo richiede tempo e allora, nell’organizzazione delle nostre attività – conclude – è importante recuperare quel tempo che si traduce in dialogo, informazione, comprensione».

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...