Professioni sanitarie 21 Febbraio 2019 12:23

Fisioterapisti, Tavarnelli (Aifi): «No ad elenchi speciali: nel nuovo albo entra solo chi ha i requisiti»

Ecco tutte le novità per i professionisti, il presidente Aifi: «Proporremo un nuovo modello professionale: il fisioterapista di Comunità. Trasformeremo l’Aifi in associazione tecnico-scientifica per sviluppare la “scienza della fisioterapia”. In arrivo per la categoria importanti master specialistici»

di Isabella Faggiano

No a sanatorie: l’iscrizione all’albo deve essere riservata solo ai professionisti che hanno i requisiti previsti dalla legge. I fisioterapisti non sono disposti ad accettare scorciatoie e sono pronti alla mobilitazione per tutelare i diritti dei cittadini  e dei professionisti qualificati. «L’Associazione Italiana Fisioterapisti – ha spiegato Mauro Tavarnelli, Presidente Nazionale dell’AIFI – sta tentando in tutti i modi, con un lavoro istituzionale al tavolo ministeriale, di contribuire alla soluzione di un problema che non ha né voluto, né cercato. Faremo di tutto – ha sottolineato Tavarnelli –  affinché tutto questo non si ripercuota sulla salute dei cittadini, inserendo persone non qualificate in un elenco speciale, che comunque farebbe parte del nuovo albo. E se i lavori istituzionali non dovessero approdare ad un esito soddisfacente, allora Aifi sarà pronta a percorrere tutte le strade a disposizione, fino a scendere in piazza».

LEGGI ANCHE: DEROGA ISCRIZIONE ORDINI, LA BOCCIATURA DEI FISIOTERAPISTI. TAVARNELLI (AIFI): «SI RIAPRANO I PERCORSI DI EQUIVALENZA GIA’ PREVISTI DALLA LEGGE  42 DEL ’99»

A partecipare alla mobilitazione potrebbe essere davvero in tanti: «Secondo le ultime stime – ha detto Tavarnelli – i fisioterapisti in Italia sarebbero circa 65 mila, l’85% dei quali ha già fatto domanda di iscrizione al nuovo albo. Quando tutte le iscrizioni saranno completate – ha sottolineato il Presidente – sarà più facile rintracciare i professionisti e stanare coloro che, invece, praticano senza averne i requisiti. L’abusivismo, purtroppo, rappresenta da sempre una piaga per la nostra professione. Una condizione inammissibile per la quale non siamo disposti a scendere a patti, soprattutto per tutelare la salute dei cittadini».

Ed è sempre per offrire prestazioni migliori ed adeguate che i fisioterapisti si sono impegnati affinché il loro iter formativo sia arricchito di nuovi percorsi post laurea. «I fisioterapisti hanno già una serie di master specialistici attivi negli atenei italiani. A seguito di un lavoro importante e meticoloso portato avanti dall’Associazione nell’Osservatorio delle professioni, sette di essi potranno permettere anche un riconoscimento dal punto di vista contrattuale. Parliamo di:  fisioterapia muscolo-scheletrica e reumatologica, neurologica, pediatrica, cardio-respiratoria e di area clinica, geriatrica e di comunità, delle disfunzioni del pavimento pelvico e delle attività sportive e artistiche».

Inoltre il lavoro dell’Aifi continua nello sviluppo di nuovi ed ambizioni progetti .  «Da tempo – ha specificato Tavarnelli – proponiamo modelli professionali innovativi, come il fisioterapista di comunità». Si tratta un professionista sanitario che identifica e adotta le migliori strategie per la prevenzione, valutazione, abilitazione e palliazione con l’obiettivo generale di contribuire a migliorare la qualità della vita della persona e dei suoi familiari e dei care giver. «Il fisioterapista di comunità – ha aggiunto il Presidente Nazionale dell’Aifi – opererà all’interno delle strutture territoriali ed è la risposta ai bisogni di salute dell’individuo e alla sostenibilità del “Sistema Salute”, in attuazione dei principi di multiprofessionalità, integrazione delle cure, condivisione gestionale per una struttura che privilegi il principio di personalizzazione delle cure. Infine – ha detto Tavarnelli – siamo attualmente impegnati anche nella trasformazione definitiva dell’Associazione in Associazione Tecnico-Scientifica: una nuova realtà – ha concluso – la cui mission sarà quella di contribuire allo sviluppo della “scienza della fisioterapia”».

LEGGI ANCHE: PROFESSIONI SANITARIE, BORTONE (CONAPS): «IN 20 ANNI VERA RIVOLUZIONE CULTURALE. ORA LA SFIDA È LA FORMAZIONE»

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 marzo, sono 115.618.088 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.569.422 i decessi. Ad oggi, oltre 275,84 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Voci della Sanità

Covid-19, Comitato Cure Domiciliari vince ancora al Tar: «Medici devono poter prescrivere farmaci che ritengono opportuni»

Sconfessata la nota Aifa del 9 dicembre 2020 contente i “principi di gestione dei casi Covid-19 nel setting domiciliare”, che prevede nei primi giorni di malattia la sola “vigile att...