Medici ex specializzandi, Sileri: «Cercare strada migliore per garantire legittimo riconoscimento»

Di Pierpaolo Sileri, Sottosegretario al Ministero della Salute

di Pierpaolo Sileri, Sottosegretario al Ministero della Salute
Immagine articolo

La tematica dei rimborsi ai medici ex specializzandi mi è ben nota sia come medico sia per il ruolo istituzionale che ricopro e sono consapevole che si tratta di una questione che nel tempo è stata affrontata con alterne e parziali soluzioni e che, pertanto, merita un esito definitivo, possibilmente positivo, per i medici interessati dai tre differenti blocchi del contenzioso.

Ciò è particolarmente importante oggi, a testimonianza dell’attenzione che mai come in questo periodo i medici e i professionisti della salute devono avere in virtù di quanto stanno facendo per il contrasto alla pandemia, in un momento storico di possibili promettenti investimenti per riqualificare la sanità pubblica italiana e tutto il Servizio sanitario nazionale.

Parliamo di una problematica che da oltre un ventennio ha presentato molteplici sfaccettature e interpretazioni e che ha visto coinvolti non solo il Ministero della Salute, ma anche la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero dell’Università e della Ricerca, il Ministero dell’Economia e delle Finanze e, non da ultimi, gli stessi Atenei. Solo attraverso la sinergia di tutti questi soggetti, ciascuno per il proprio ambito di competenza, sarà possibile individuare i passaggi e le risorse necessarie per una soluzione definitiva che possa soddisfare le legittime richieste dei medici ex specializzandi.

Per quanto attiene all’ambito di attività del Ministero della Salute, per quanto detto prima, è stata una mia priorità richiedere un quadro quanto più chiaro possibile delle varie applicazioni normative che si sono svolte in questo lungo periodo. Ora servirà ricercare la migliore strada per garantire un riconoscimento ai medici ex specializzandi, nel rispetto delle disposizioni e degli iter giuridici opportuni, provando a superare il contenzioso. Credo fermamente questo sia l’approccio più razionale ed efficace per dare seguito a quanto nel tempo non è stato ancora possibile realizzare.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...