Speciale del 06 luglio 2018

Blockchain e sanità

Una tecnologia che rivoluzionerà la vita di tutti i giorni, applicabile in numerosi settori. Tra questi, anche quello sanitario. Dall’archiviazione delle cartelle cliniche alla filiera dei farmaci, un approfondimento sui cambiamenti che la Blockchain porterà nella sanità

«Maggiore efficienza e sicurezza del dato», così la Blockchain sta già cambiando il mondo

Secondo Maria Letizia Perugini, esperta di Blockchain per l’Università di Ginevra, questa tecnologia sta prendendo sempre più piede: «Paesi come la Svezia e l’Estonia la stanno usando per cambiare il sistema catastale e il Servizio sanitario nazionale»

Blockchain, Massimo Tortorella (Consulcesi): «Sia medico che paziente ne trarranno grandissimi benefici»

La filiera del farmaco, le cartelle sanitarie del paziente insieme alla sicurezza per gli ospedali: tutte applicazioni utili che la tecnologia ‘a blocchi’ renderà possibili nel settore sanitario. «Ma soprattutto trasparenza e controllo» commenta Andrea Tortorella, ad Consulcesi Tech

Cartella clinica registrata in Blockchain? Tutti i vantaggi spiegati dall’esperto

Gianluca Massini Rosati, fondatore e CEO di Xriba: «Se si ha un problema dall’altra parte del mondo, ma la cartella è archiviata in un ospedale italiano, le informazioni non saranno disponibili. Con la Blockchain, invece, sono garantite disponibilità e privacy»

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...