Speciale del 06 luglio 2018

Blockchain e sanità

Una tecnologia che rivoluzionerà la vita di tutti i giorni, applicabile in numerosi settori. Tra questi, anche quello sanitario. Dall’archiviazione delle cartelle cliniche alla filiera dei farmaci, un approfondimento sui cambiamenti che la Blockchain porterà nella sanità

«Maggiore efficienza e sicurezza del dato», così la Blockchain sta già cambiando il mondo

Secondo Maria Letizia Perugini, esperta di Blockchain per l’Università di Ginevra, questa tecnologia sta prendendo sempre più piede: «Paesi come la Svezia e l’Estonia la stanno usando per cambiare il sistema catastale e il Servizio sanitario nazionale»

Blockchain, Massimo Tortorella (Consulcesi): «Sia medico che paziente ne trarranno grandissimi benefici»

La filiera del farmaco, le cartelle sanitarie del paziente insieme alla sicurezza per gli ospedali: tutte applicazioni utili che la tecnologia ‘a blocchi’ renderà possibili nel settore sanitario. «Ma soprattutto trasparenza e controllo» commenta Andrea Tortorella, ad Consulcesi Tech

Cartella clinica registrata in Blockchain? Tutti i vantaggi spiegati dall’esperto

Gianluca Massini Rosati, fondatore e CEO di Xriba: «Se si ha un problema dall’altra parte del mondo, ma la cartella è archiviata in un ospedale italiano, le informazioni non saranno disponibili. Con la Blockchain, invece, sono garantite disponibilità e privacy»

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone