Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

Nutrizione 2 Gennaio 2023

Come gestire il diabete a tavola durante le festività? Le dieci regole

Il decalogo della diabetologa e di una mamma chef blogger per superare meglio le settimane a tavola fino all’Epifania

Immagine articolo

Dal ponte dell’Immacolata alle cene con amici e colleghi prima di Natale, fino ad arrivare a Capodanno. Una maratona lunga quasi tre settimane in cui molto del nostro tempo lo passeremo a tavola. Un piacere che, per chi ha il diabete, può trasformarsi in una preoccupazione.

I consigli per chi ha il diabete: pasti regolari, eccezioni nei giorni clou

«Di fronte a un periodo così prolungato di pranzi e cene, suggerisco sempre ai miei pazienti con diabete poche regole ma molto precise. Innanzitutto, cercare di mantenere un’alimentazione sana e una regolarità dei pasti quando possibile – spiega Claudia Arnaldi, Responsabile dell’Unità Operativa Semplice (UOS) di Diabetologia pediatrica dell’ASL di Viterbo –.  Le eccezioni sono concesse nei “giorni clou”, in cui la tavola rappresenta un momento di condivisione con familiari e amici. Affidarsi alle nuove tecnologie, inoltre, contribuisce sempre di più a gestire una patologia così complessa come il diabete di tipo 1».

Le verdure ricche in fibra riducono il picco glicemico postprandiale

Far festa a tavola significa anche concedersi piatti più elaborati, più gustosi e anche più grassi di quelli che mangiamo normalmente. Per chi ha il diabete è importante avere soluzioni semplici e che contribuiscano ad aumentare la consapevolezza e la gestione della malattia.
«Un prezioso alleato per gestire un’alimentazione più elaborata – prosegue la Arnaldi – possono essere le verdure che non devono mai mancare in una pianificazione consapevole di quello che la tavola imbandita offre. Le verdure ricche in fibra, infatti, modulano l’assorbimento dei carboidrati contribuendo a ridurre il picco glicemico postprandiale. Un suggerimento che mi sento di estendere a tutti, ma in modo particolare ai miei pazienti con diabete. Un altro aspetto importante è la possibilità per i bambini e ragazzi con diabete di tipo 1 di godere di questi momenti speciali con pareti e amici senza sentirsi diversi. Devono poter assaporare come tutti gli altri la buona tavola della nostra tradizione gestendo nel contempo al meglio le loro glicemie. Spiego loro che per raggiungere questo obiettivo è necessario avere la capacità di fare scelte corrette nella gestione della terapia insulinica e nel controllo della glicemia e che ora, grazie al prezioso contributo della tecnologia, entrambe possono essere gestite e controllate in modo più adeguato e sicuro».

Come mantenere controllate glicemia e insulina durante i pasti

Vista la frequenza e la durata dei pasti, la tecnologia si conferma una preziosa soluzione nella gestione del diabete grazie a sistemi intelligenti, piccoli e senza fili che evitano scomode punture e iniezioni. Lo fanno monitorando ogni 5 minuti di tutti i valori della glicemia (annunciando con anticipo e senza stress per il paziente quando è necessario intervenire sulla terapia) e somministrando l’insulina attraverso microinfusori patch. «Per una persona con diabete di tipo 1 non è semplice gestire in modo corretto la terapia insulinica in contesti particolari come questi, caratterizzati da pasti molto elaborati, prolungati nel tempo, che si ripetono più volte in poco meno di tre settimane. Gli utilizzatori di device – conclude l’esperta – sono particolarmente favoriti perché la tecnologia li supporta nell’adattamento del dosaggio dell’insulina anche a pasti così complessi, contribuendo a prevenire le iperglicemie che, a causa dell’esubero di grassi e proteine, spesso possono essere anche tardive e difficilmente prevenibili. La tecnologia si conferma lo strumento più idoneo per evitare escursioni glicemiche eccessive sia grazie al monitoraggio in continuo del glucosio e alla possibilità di avere in anticipo informazioni su come evolverà la glicemia, sia grazie alle pompe d’insulina che permettono di adattare meglio la somministrazione dell’insulina».

Le dieci regole a tavola, prima durante e dopo le feste

È possibile prepararsi a tutti questi giorni densi di appuntamenti culinari? «Sono ormai 10 anni che regalo sul web i trucchi per cucinare e organizzare la dispensa per chi ha il diabete come i miei figli. Amo cucinare e mi piace sfidare quelli che molti definiscono i limiti del diabete. Ho imparato a farlo e sono convinta che chiunque possa cimentarsi dietro ai fornelli tenendo d’occhio i parametri che la malattia impone. Anche se le metto in pratica tutti i giorni – spiega Ilaria Bertinelli, chef blogger e mamma di due ragazzi con diabete – ora che si stanno avvicinando le feste, serve sicuramente fare un po’ più di attenzione, magari seguendo dieci semplici regole».

Il decalogo delle feste natalizie per chi ha il diabete

1.    Pianifica il calendario delle cene e dei pranzi. Ricorda che non si tratta di una sola giornata ma di un periodo prolungato
2.    Mantieni regolarmente i pasti, evita di fare digiuni prolungati o pasti troppo abbondanti
3.  Non sottovalutare i ripieni, calcola il diverso contributo nutrizionale dei primi piatti e/o di carni se fatti con il ripieno
4.    Inserisci sempre una porzione di verdure a ogni pasto, non fare a meno dei tuoi preziosi alleati
5.   Rinuncia al pane, abituati a non mangiarlo se hai già previsto primi piatti e dolci
6.    Concediti un dolce a fine pasto con moderazione, premiati con una porzione di dolce, ma di un tipo solo
7.    Non sottovalutare la frutta secca con o senza guscio (noci, pistacchi, datteri, etc). Ricorda che non sono semplici spuntini, ma sono da considerare all’interno del pasto
8.    Fai movimento tra un pasto e l’altro, riservati del tempo per una passeggiata che aiuta l’assorbimento degli zuccheri
9.    Riduci le bibite zuccherate, fai attenzione anche a quello che bevi
10.    Non usare scuse quando sei fuori casa, puoi bilanciare i pasti in qualsiasi contesto (casa di amici e di parenti e ristoranti)

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 febbraio 2023, sono 671.921.477 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.845.807 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...