Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

Malattie e terapie 24 Novembre 2020

Cos’è l’alopecia? Tipologie, cause e cure

Porta alla diramazione e perdita parziale o totale di peli e capelli. Cos’è l’alopecia, chi ne soffre e perché

Dal greco alōpex, volpe, animale che perde il pelo a chiazze. Stiamo parlando dell’alopecia, malattia che porta alla perdita parziale o totale di capelli e peli.

CADUTA DEI CAPELLI E ALOPECIA: DI COSA SI TRATTA?

L’alopecia si verifica con la riduzione della quantità e dello spessore dei capelli e peli. Si tratta di una condizione estremamente diffusa tra la popolazione nelle sue varie forme che oltre a conseguenze fisiche, può innescare problematiche psicologiche non da poco.

Caduta dei capelli e alopecia: di cosa si tratta

LE TIPOLOGIE: ANDROGENETICA, AREATA, CICATRIZIALE

L’alopecia si può rivelare in vari modi: come una perdita graduale con la comparsa di chiazze di calvizie a partire dalla sommità della testa, oppure con una manifestazione improvvisa in associazione, a volte, alla perdita di peli in altre parti del corpo. Quando la causa della perdita dei capelli è una predisposizione genetica e un’estrema sensibilità delle cellule del follicolo pilifero agli ormoni androgeni, si parla di alopecia androgenetica o calvizie. Questa forma è frequente nell’uomo giovane e nella donna dopo la menopausa. Negli uomini, è caratterizzata da un diradamento progressivo dei capelli, che parte dalle tempie e dalla chierica e si estende su tutto il cranio, con eccezione della regione sopra le orecchie. Nelle donne, si mostra con un diradamento diffuso della parte alta della testa.

Tra le cause immunitarie rientra l’alopecia areata, caratterizzata dalla caduta parziale o totale di peli, capelli, ciglia e sopracciglia. Non è causata dallo stress anche se può essere il fattore scatenante della malattia nei soggetti predisposti. Diverso il discorso per l’alopecia dovuta alle terapie farmacologiche antitumorali, come la chemioterapia e per l’alopecia cicatriziale, legata alla distruzione dei follicoli piliferi a causa di malattie infiammatorie.

LE CAUSE: QUALI MALATTIE SI POSSONO ASSOCIARE?

La caduta dei capelli può essere provocata anche da carenza di vitamine o da fattori oligominerali che incide sui capelli e sulle unghie. Esistono, poi, alcune patologie associabili alla perdita dei capelli. Sono:

  • Alopecia areata
  • Dermatofitosi
  • Ipertiroidismo e Ipotiroidismo
  • Lebbra e scabbia
  • Ipogonadismo maschile
  • Lupus eritematoso sistemico
  • Morbo di Graves
  • Psoriasi
  • Sclerodermia
  • Sifilide
  • Sindrome dell’ovaio policistico, espressione di una complessa alterazione funzionale del sistema riproduttivo data dall’aumento degli ormoni maschili (androgeni) che può causare l’alopecia androgenetica (acne e calvizie di tipo maschile) disturbi mestruali e un eccesso di peluria su viso e corpo.

L’ALOPECIA SI PUO’ CURARE?

Oggi esistono molte terapie per contrastare la malattia; spesso, sono farmaci che riducono l’infiammazione e sopprimono il sistema immunitario. In particolare, per la tipologia androgenetica si utilizzano lozioni o farmaci che riducono la sensibilità del follicolo pilifero agli ormoni androgeni, mentre per quella areata si utilizzano sostanze immunosoppressive. In caso di alopecia permanente c’è la strada del trapianto di capelli o altri interventi chirurgici.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 15 gennaio, sono 93.129.104 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.994.440 i decessi. Ad oggi, oltre 35,57 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...