Sanità internazionale 6 giugno 2017

Germania, vaccini: multe per far fronte all’aumento dei casi di morbillo

Allarme morbillo anche in Germania. Sono 410 i casi di morbillo registrati tra l’inizio dell’anno e la prima metà di aprile, quando in tutto il 2016 le persone contagiate riportate sono state 325. Per far fronte all’epidemia, il ministro della salute tedesco Hermann Gröhe ha quindi annunciato misure più severe contro chi non vuole vaccinare […]

Allarme morbillo anche in Germania. Sono 410 i casi di morbillo registrati tra l’inizio dell’anno e la prima metà di aprile, quando in tutto il 2016 le persone contagiate riportate sono state 325. Per far fronte all’epidemia, il ministro della salute tedesco Hermann Gröhe ha quindi annunciato misure più severe contro chi non vuole vaccinare i figli, dichiarando alla Bild «morti continue per morbillo non possono lasciare nessuno indifferente». Il provvedimento, che dovrebbe essere approvato il mese prossimo, prevede multe fino a 2500€ a coloro che non intendono richiedere un consulto medico sui vaccini. Saranno le scuole materne a segnalare alle autorità sanitarie i genitori che non saranno in grado di dimostrare di essere stati dal medico. Proposta che non vede d’accordo parte della Camera alta tedesca, il Bundesrat, secondo la quale richiedere queste informazioni alle scuole sarebbe una violazione della normativa sulla protezione di dati personali sensibili. L’istituto Robert Koch, che ha reso noti i dati sui casi di morbillo, ha inoltre sottolineato come sarebbe necessario che si vaccinassero tutti coloro nati dopo il 1970 e mai colpiti dall’infezione o che non hanno fatto il secondo richiamo. Sono 14 i paesi europei in cui la presenza del morbillo è descritta come endemica: la gran parte dei casi registrati quest’anno si concentrano in Italia e Romania, seguite da Francia, Germania, Polonia, Svizzera e Ucraina. L’approfondimento è su bbc.com

Francia, i medici sono sempre di meno, nonostante gli arrivi dall’estero

Il numero dei medici francesi, registrati al primo gennaio di quest’anno, è in diminuzione: se nel 2010 se ne contavano 198.200, oggi sono 196.000. Sono i dati rivelati dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei Medici francese (CNOM), che registrano un calo soprattutto di medici generali, diminuiti del 10% dal 2010 e del 15% a Parigi. Questi numeri sono tra l’altro contenuti anche grazie all’arrivo in Francia di 22.400 medici laureati all’estero, di cui 12.500 da paesi extra Unione Europea e 9.900 da paesi UE. Sono quindi 346 i medici per ogni 100mila abitanti, contro i 377 del 2010.  I dati sono riportati dal CNOM in occasione della presentazione della carta interattiva sulla popolazione dei medici, che fornisce diverse statistiche su età, sesso o specialità. L’approfondimento su Le Figaro

Articoli correlati
Morbillo, OMS: «Nel 2018 record di casi in Europa. Oltre 82mila contagi e 72 morti»
Nei 53 Paesi della regione aumentano anche le coperture vaccinali, ma i gap esistenti a livello locale lasciano le porte aperte al virus. I dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità
UniVax Day, i più giovani non cascano nelle fake news sui vaccini. Duse (Siica): «Messaggi di speranza per il futuro»
Migliaia di studenti delle scuole superiori si sono riuniti in 21 università italiane per la giornata di formazione e sensibilizzazione sui vaccini. La presidente della Società italiana di immunologia clinica e allergologia: «Gli operatori sanitari devono vaccinarsi e dare il buon esempio»
Ue e sanità, Castaldo (M5S): «Al lavoro per ottenere la certificazione europea dei chirurghi. Per ogni medico che va all’estero perdiamo fino a 500mila euro»
Il vicepresidente del Parlamento europeo sottolinea: «Occorre investire nelle scuole di specializzazione. Professione medica sempre meno attrattiva nel nostro paese per la responsabilità e per l’offerta economica». Sui vaccini: «Polemica surreale, abbiamo sempre sostenuto la volontà di passare dall’obbligatorietà alla raccomandazione proprio per evitare quella contrapposizione tra medico e paziente»
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Meningite, Regione Lazio: «Al via vaccinazioni per studenti Istituto Alberghiero Vespucci»
«A partire da domani mattina e fino alla prossima settimana presso il centro vaccinale della Asl Roma 2 (via Bardanzellu, n°8) i docenti e gli studenti dell’Istituto alberghiero A. Vespucci potranno vaccinarsi contro la meningite. I ragazzi dell’istituto romano hanno ricevuto una lettera della Asl per la prenotazione al servizio e potranno vaccinarsi con il […]
Vaccini, I Rapporto OSV. Il coordinatore: «Ogni Regione con sua strategia. Anagrafe vaccinale lontana da aspettative»
Presentato il report dell’Osservatorio Strategie Vaccinali che fa il punto sulla situazione della profilassi in Italia. «Il Piano nazionale vaccini ha appianato le disparità in termini di offerta sul territorio, ma a livello operativo le Regioni camminano su propri binari», così Michele Conversano, coordinatore dell’Osservatorio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...