Sanità internazionale 30 Gennaio 2018 11:23

È stata la salmonella. Scoperto il batterio responsabile della morte di 15 milioni di aztechi

È stata la salmonella ad uccidere, a metà del Cinquecento, l’80% della popolazione azteca, circa 15 milioni di persone. Si tratta della seconda epidemia più grave per tasso di mortalità della storia dell’umanità, preceduta solo dalle Pesta Nera che, nella metà del XIV secolo, uccise in Europa 25 milioni di persone. È più di un […]

È stata la salmonella ad uccidere, a metà del Cinquecento, l’80% della popolazione azteca, circa 15 milioni di persone. Si tratta della seconda epidemia più grave per tasso di mortalità della storia dell’umanità, preceduta solo dalle Pesta Nera che, nella metà del XIV secolo, uccise in Europa 25 milioni di persone. È più di un secolo che gli studiosi dibattono sulla causa della strage: si è pensato al tifo, al vaiolo, al morbillo, alla peste pneumonica, alla parotite e all’influenza; ma adesso lo studio pubblicato sulla rivista “Nature Ecology and Evolution“, condotto dai ricercatori dell’Universita’ di Tubinga, con la collaborazione del Max Planck Institute for the Science of Human History, dell’Università di Harvard e dell’Instituto Nacional de Antropologi’a e Historia, rivela che responsabile della strage è stata la salmonella enterica, conosciuta come S. Paratyphi C. che non lasciava scampo: la vittima moriva in soli 4 giorni dopo lunghe ore di mal di testa, di febbre alta e di sanguinamento da occhi, naso e bocca.

Le ricerche sono state condotte sui denti (la parte più protetta dagli agenti ambientali) prelevati da 29 scheletri rinvenuti nel cimitero azteco Teposcolula-Yucunda, nello stato dell’Oaxaca, nell’attuale Messico. «Abbiamo testato tutti i batteri patogeni e i virus per i quali disponiamo di dati genetici antichi e la salmonella era l’unico che coincidesse» ha dichiarato Alexander Herbig dell’Università Tubinga. «Non possiamo essere sicuri che la Salmonella sia l’unico responsabile della strage, ma di sicuro è un forte candidato». La più grande difficoltà incontrata dai ricercatori sta nel fatto che in alcuni casi i sintomi causati da infezioni di diversi batteri o virus fossero molto simili, che tra l’altro negli ultimi 500 anni potrebbero essere cambiati.

Non si tratta però dell’unica epidemia che ha colpito gli aztechi: vent’anni prima un’epidemia di vaiolo aveva ucciso dai 5 agli 8 milioni di persone. Pochi anni dopo una terza pestilenza colpì gli stessi territori con un bilancio compreso tra gli 8 e i 17 milioni di vittime. A monte, la responsabilità di tutte le stragi che hanno colpito le Americhe nel corso del Cinquecento è in capo agli invasori guidati da Hernan Cortez e agli animali domestici trasportati a bordo delle navi. Sebbene i virus non fossero così pericolosi per gli europei, si rivelarono fatali per gli aztechi, il cui sistema immunitario era del tutto disarmato per fronteggiarli.

Articoli correlati
Vaiolo delle scimmie, casi in aumento nel mondo. Si ipotizzano ipermutazioni più contagiose
I casi di vaiolo delle scimmie nel mondo sono in aumento. Si ipotizzano ipermutazioni che possono aver reso il virus più contagioso. I paesi europei iniziano a difendersi
Vaiolo delle scimmie, cresce allarme in GB. L’ECDC teme l’endemia
Triplicano i casi di vaiolo delle scimmie nel Regno Unito. Mentre l'ECDC teme che possibili contagi in animali possano far diventare il virus endemico
Vaiolo delle scimmie, pazienti contagiosi fino a 4 settimane
Il virus del vaiolo può essere trasmesso fino a 4 settimane dalla comparsa dei sintomi. Nel frattempo in Italia si registra il quarto caso e negli Usa viene approvato un nuovo farmaco
Vaiolo delle scimmie, perché colpisce di più gli uomini omosessuali e bisessuali?
Gli uomini giovani che hanno rapporti sessuali con altri uomini potrebbero essere più a rischio perché il vaiolo delle scimmie si trasmette più facilmente tramite i rapporti anali
Vaiolo delle scimmie, primo caso in Italia. L’Iss istituisce una task force
In Italia è stato registrato il primo caso di vaiolo delle scimmie. Ci sono altri due casi sospetti. L'Iss ha istituito un nuova task force
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 25 maggio, sono 526.711.975 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.280.500 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto