Sanità internazionale 30 gennaio 2018

È stata la salmonella. Scoperto il batterio responsabile della morte di 15 milioni di aztechi

È stata la salmonella ad uccidere, a metà del Cinquecento, l’80% della popolazione azteca, circa 15 milioni di persone. Si tratta della seconda epidemia più grave per tasso di mortalità della storia dell’umanità, preceduta solo dalle Pesta Nera che, nella metà del XIV secolo, uccise in Europa 25 milioni di persone. È più di un […]

È stata la salmonella ad uccidere, a metà del Cinquecento, l’80% della popolazione azteca, circa 15 milioni di persone. Si tratta della seconda epidemia più grave per tasso di mortalità della storia dell’umanità, preceduta solo dalle Pesta Nera che, nella metà del XIV secolo, uccise in Europa 25 milioni di persone. È più di un secolo che gli studiosi dibattono sulla causa della strage: si è pensato al tifo, al vaiolo, al morbillo, alla peste pneumonica, alla parotite e all’influenza; ma adesso lo studio pubblicato sulla rivista “Nature Ecology and Evolution“, condotto dai ricercatori dell’Universita’ di Tubinga, con la collaborazione del Max Planck Institute for the Science of Human History, dell’Università di Harvard e dell’Instituto Nacional de Antropologi’a e Historia, rivela che responsabile della strage è stata la salmonella enterica, conosciuta come S. Paratyphi C. che non lasciava scampo: la vittima moriva in soli 4 giorni dopo lunghe ore di mal di testa, di febbre alta e di sanguinamento da occhi, naso e bocca.

Le ricerche sono state condotte sui denti (la parte più protetta dagli agenti ambientali) prelevati da 29 scheletri rinvenuti nel cimitero azteco Teposcolula-Yucunda, nello stato dell’Oaxaca, nell’attuale Messico. «Abbiamo testato tutti i batteri patogeni e i virus per i quali disponiamo di dati genetici antichi e la salmonella era l’unico che coincidesse» ha dichiarato Alexander Herbig dell’Università Tubinga. «Non possiamo essere sicuri che la Salmonella sia l’unico responsabile della strage, ma di sicuro è un forte candidato». La più grande difficoltà incontrata dai ricercatori sta nel fatto che in alcuni casi i sintomi causati da infezioni di diversi batteri o virus fossero molto simili, che tra l’altro negli ultimi 500 anni potrebbero essere cambiati.

Non si tratta però dell’unica epidemia che ha colpito gli aztechi: vent’anni prima un’epidemia di vaiolo aveva ucciso dai 5 agli 8 milioni di persone. Pochi anni dopo una terza pestilenza colpì gli stessi territori con un bilancio compreso tra gli 8 e i 17 milioni di vittime. A monte, la responsabilità di tutte le stragi che hanno colpito le Americhe nel corso del Cinquecento è in capo agli invasori guidati da Hernan Cortez e agli animali domestici trasportati a bordo delle navi. Sebbene i virus non fossero così pericolosi per gli europei, si rivelarono fatali per gli aztechi, il cui sistema immunitario era del tutto disarmato per fronteggiarli.

Articoli correlati
Ebola, arriva il vaccino per combattere l’epidemia in Congo
«La distribuzione del vaccino contro l’Ebola nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) potrebbe dare un impulso vitale alla lotta contro la malattia» ha affermato il Dottor Seth Berkley, CEO di Gavi, The Vaccine Alliance, una partnership pubblico-privata dedicata a salvare le vite dei bambini e a proteggere la salute delle persone tramite l’incremento di un […]
Sì viaggiare: il punto sulle vaccinazioni obbligatorie all’estero
È noto a tutti quelli che viaggiano molto, sia per lavoro che per diletto, che è sempre meglio informarsi prima di giungere a destinazione...
Pompa protonica, cos’è? Quali i rischi dei farmaci inibitori? Facciamo chiarezza…
I farmaci che contrastano l'acidità di stomaco sono potenzialmente pericolosi per la salute. Lo rende noto una ricerca dell’University College London e dell’Università scozzese di Dundee. Le persone che assumono questi farmaci hanno fino a quasi 4 volte più probabilità di essere colpiti da intossicazione alimentare
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila