Sanità internazionale 18 Luglio 2017

Il Sistema Sanitario USA è il peggiore, l’NHS inglese il migliore: lo studio

È quanto emerge dai risultati di uno studio che ha confrontato i sistemi sanitari di undici paesi dell’area più sviluppata del mondo. Paragonando diversi dati, ottenuti da fonti quali l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’OCSE e questionari compilati da pazienti e medici, emerge infatti che il sistema sanitario statunitense è peggiore di quello degli altri stati […]

È quanto emerge dai risultati di uno studio che ha confrontato i sistemi sanitari di undici paesi dell’area più sviluppata del mondo. Paragonando diversi dati, ottenuti da fonti quali l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’OCSE e questionari compilati da pazienti e medici, emerge infatti che il sistema sanitario statunitense è peggiore di quello degli altri stati esaminati (Australia, Svizzera, Svezia, Olanda, Nuova Zelanda, Norvegia, Germania, Canada e Francia). Il Regno Unito invece ha ottenuto la prima posizione. Tra i parametri presi in considerazione spiccano la facilità di accedere al sistema sanitario e le uguali possibilità di accesso per persone con diversi redditi, l’efficienza amministrativa, la positività dei risultati delle cure e il buon funzionamento di tutto il processo. «Il punteggio degli Stati Uniti è basso in tutte le cinque aree che misurano le performance qualitative», ha dichiarato Eric Schneider del think tank Commonwealth Fund, che ha condotto la ricerca.

Tallone d’Achille del sistema statunitense è la difficoltà di accedere alle cure: il 44% delle persone con basso reddito hanno difficoltà ad accedere al sistema sanitario, problema riscontrato anche dal 26% di coloro che hanno un reddito alto. Misurando gli stessi parametri nel Regno Unito, si ottengono rispettivamente percentuali pari al 7 e al 4%. «Uno statunitense con alto reddito ha più probabilità di avere problemi economici accedendo al sistema sanitario rispetto a una persona più povera che risiede nel Regno Unito», sottolinea Schneider.

In questo panorama, l’Obamacare ha portato senz’altro dei miglioramenti, avendo esteso la copertura sanitaria a più di 20 milioni di persone. Tuttavia, le proposte attualmente presenti al Congresso che smantellerebbero la riforma tanto voluta dall’ex Presidente potrebbero disfare gran parte degli obiettivi raggiunti, aumentando il numero delle persone senza assicurazione sanitaria che potrebbero arrivare a più di 20 milioni nel prossimo decennio. Se la riforma sanitaria di Trump andasse in porto, gli Stati Uniti allungherebbero, invece di accorciare, la distanza che già li divide dagli altri paesi benestanti.

LEGGI ANCHE

Usa, altri due senatori contrari: riforma sanità a un punto morto

Per maggiori informazioni sulla ricerca, leggi l’articolo su New Scientist 

Articoli correlati
Vaccini, New York abolisce le esenzioni per motivi religiosi
Lo Stato di New York ha abolito le esenzioni dalle vaccinazioni per motivazioni religiose. La misura è stata adottata dal governatore Andrew Cuomo e approvata dal Congresso di New York nel tentativo di porre un freno all’epidemia di morbillo scoppiata nella Grande Mela dove, nel 2019, sono stati accertati 588 casi di morbillo, soprattutto nelle […]
L’aborto, l’Alabama e le elezioni presidenziali
L’Alabama ha adottato la legge più restrittiva d’America sull’aborto, vietato anche in caso di stupro, e il tema è entrato a pieno titolo nella campagna elettorale per le elezioni del 2020
Prezzo farmaci, Grillo: «Serve maggiore trasparenza in tutta Europa». In Usa maxi causa contro case farmaceutiche
«Nei prossimi giorni a Ginevra ci sarà la discussione della nostra Risoluzione presso l’OMS», è l’annuncio del ministro della Salute, Giulia Grillo
Finlandia, dimissioni del Governo per il fallimento della riforma sanitaria
A poche settimane dalle elezioni parlamentari, il premier finlandese Juha Sipila ha annunciato le dimissioni di tutto il governo. Tra le motivazioni, il fallimento del tentativo di riformare i settori del welfare e della sanità. La riforma sanitaria era uno dei progetti più importanti e ambiziosi di Sipila che, secondo le previsioni, doveva ridurre di almeno […]
Usa, sì agli antibiotici sugli agrumi. Gli scienziati: «Una strada pericolosa che rischia di aumentare l’antibiotico-resistenza»
Ignorando i moniti degli esperti, l’Epa (Ente di protezione ambientale statunitense) ha autorizzato l'utilizzo di antibiotici come pesticidi sugli agrumi. Un decisione che sconcerta per il rischio di aumentare a dismisura il problema della resistenza batterica mettendo in pericolo la salute delle persone
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...