Sanità internazionale 18 Luglio 2017 12:06

Il Sistema Sanitario USA è il peggiore, l’NHS inglese il migliore: lo studio

È quanto emerge dai risultati di uno studio che ha confrontato i sistemi sanitari di undici paesi dell’area più sviluppata del mondo. Paragonando diversi dati, ottenuti da fonti quali l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’OCSE e questionari compilati da pazienti e medici, emerge infatti che il sistema sanitario statunitense è peggiore di quello degli altri stati […]

È quanto emerge dai risultati di uno studio che ha confrontato i sistemi sanitari di undici paesi dell’area più sviluppata del mondo. Paragonando diversi dati, ottenuti da fonti quali l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’OCSE e questionari compilati da pazienti e medici, emerge infatti che il sistema sanitario statunitense è peggiore di quello degli altri stati esaminati (Australia, Svizzera, Svezia, Olanda, Nuova Zelanda, Norvegia, Germania, Canada e Francia). Il Regno Unito invece ha ottenuto la prima posizione. Tra i parametri presi in considerazione spiccano la facilità di accedere al sistema sanitario e le uguali possibilità di accesso per persone con diversi redditi, l’efficienza amministrativa, la positività dei risultati delle cure e il buon funzionamento di tutto il processo. «Il punteggio degli Stati Uniti è basso in tutte le cinque aree che misurano le performance qualitative», ha dichiarato Eric Schneider del think tank Commonwealth Fund, che ha condotto la ricerca.

Tallone d’Achille del sistema statunitense è la difficoltà di accedere alle cure: il 44% delle persone con basso reddito hanno difficoltà ad accedere al sistema sanitario, problema riscontrato anche dal 26% di coloro che hanno un reddito alto. Misurando gli stessi parametri nel Regno Unito, si ottengono rispettivamente percentuali pari al 7 e al 4%. «Uno statunitense con alto reddito ha più probabilità di avere problemi economici accedendo al sistema sanitario rispetto a una persona più povera che risiede nel Regno Unito», sottolinea Schneider.

In questo panorama, l’Obamacare ha portato senz’altro dei miglioramenti, avendo esteso la copertura sanitaria a più di 20 milioni di persone. Tuttavia, le proposte attualmente presenti al Congresso che smantellerebbero la riforma tanto voluta dall’ex Presidente potrebbero disfare gran parte degli obiettivi raggiunti, aumentando il numero delle persone senza assicurazione sanitaria che potrebbero arrivare a più di 20 milioni nel prossimo decennio. Se la riforma sanitaria di Trump andasse in porto, gli Stati Uniti allungherebbero, invece di accorciare, la distanza che già li divide dagli altri paesi benestanti.

LEGGI ANCHE

Usa, altri due senatori contrari: riforma sanità a un punto morto

Per maggiori informazioni sulla ricerca, leggi l’articolo su New Scientist 

Articoli correlati
USA, terza dose per tutti e frontiere riaperte ai vaccinati
Si potrà tornare a viaggiare negli Stati Uniti, la decisione della Casa Bianca annunciata per tutti i viaggiatori vaccinati e con prova di test negativo entro 72 ore. Intanto si procede sulla terza dose, FDA approva l'uso per over 65
Il Regno Unito rischia la terza ondata. Tamponi a tappeto per battere sul tempo la variante indiana
Nonostante i tre quarti della popolazione siano vaccinati, nel Regno Unito tornano ad aumentare i casi di Covid-19. Il racconto di un cardiologo italiano a Londra
di Federica Bosco
Uk totalizza zero decessi, in India invece manca l’ossigeno. Usa dice sì a Pfizer per 12-15enni
Finalmente il numero zero è tornato nel Regno Unito, nessun morto per un giorno e Boris Johnson festeggia. In Usa vaccino anche ai più piccoli: Pfizer ok per i dodicenni. L'India vede numeri leggermente più bassi, ma è ancora emergenza ossigeno
Via mascherine e distanziamento per i vaccinati, un passo verso la normalità negli Usa
I Cdc, l'autorità sanitaria statunitense, hanno stabilito che tra soggetti vaccinati potranno esserci incontri a porte chiuse senza mascherina. Un primo passo verso la normalità, anche se l'obbligo nei luoghi pubblici resta
Immunità di gregge negli Usa entro aprile? Secondo alcuni esperti è possibile
Il prof. Makary della Johns Hopkins School of Medicine sostiene che entro aprile gli Usa saranno fuori dalla pandemia, con il raggiungimento dell'immunità di gregge. Ma è possibile o ci sono altre spiegazioni?
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 ottobre, sono 241.574.393 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.913.555 i decessi. Ad oggi, oltre 6,67 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?