Sanità internazionale 22 gennaio 2018

Negli Stati Uniti lo ‘shutdown’ ha coinvolto anche la sanità

Il Presidente Donald Trump ha firmato la misura approvata dal Congresso per mettere fine allo ‘shutdown’, finanziando il governo americano fino all’8 febbraio. Finisce così la paralisi del governo iniziata lo scorso fine settimana, quando il Congresso degli Stati Uniti non aveva approvato la legge che rifinanzia le attività amministrative federali. Essendo bloccata la capacità […]

Il Presidente Donald Trump ha firmato la misura approvata dal Congresso per mettere fine allo ‘shutdown’, finanziando il governo americano fino all’8 febbraio. Finisce così la paralisi del governo iniziata lo scorso fine settimana, quando il Congresso degli Stati Uniti non aveva approvato la legge che rifinanzia le attività amministrative federali. Essendo bloccata la capacità di spesa del governo, le amministrazioni pubbliche federali, ad eccezione dei servizi essenziali, hanno chiuso letteralmente i battenti, provocando lo ‘shutdown’. L’ultimo risale all’ottobre del 2013, durò 16 giorni e mise temporaneamente in congedo 850mila dipendenti federali.

In questi giorni la sanità, come la sicurezza nazionale, il traffico aereo o la giustizia, ha continuato ad essere garantita, rientrando nella categoria dei servizi essenziali. Il fenomeno ha tuttavia indirettamente interessato anche la salute dei cittadini. Basti pensare che a circa la metà dei dipendenti del Dipartimento per la Salute è stato richiesto di rimanere a casa: parliamo di 41mila persone.

Ma le conseguenze principali hanno riguardato il Centro per il controllo delle malattie e la prevenzione (CDC) che ha sospeso il programma di monitoraggio dell’influenza, proprio nel periodo in cui il male di stagione, quest’anno tra l’altro particolarmente grave, ha raggiunto il suo picco. «Senza gli aggiornamenti del CDC – ha affermato alla NBC News il dottor Peter Hotez, decano della Scuola nazionale di medicina tropicale di Houston – i medici avranno maggiori difficoltà nel diagnosticare e nel curare i pazienti». Per non parlare degli effetti dello shutdown sulla prossima stagione influenzale: il Centro ricopre infatti un ruolo fondamentale nella preparazione del vaccino antiinfluenzale del prossimo anno che deve essere programmato proprio nei prossimi giorni.

Il Centro ha garantito solo il supporto minimo indispensabile per i programmi di studio delle malattie infettive: la capacità dell’agenzia di Atlanta di testare patogeni sospetti e mantenere il centro per le operazioni di emergenza attivo 24 ore su 24 è stata significativamente ridotta.

Anche i National Institutes of Health sono stati toccati dallo shutdown, visto che nessun trial clinico, spesso l’ultima speranza per malati particolarmente gravi, può chiamare nuovi pazienti. Smettendo di gestire le sovvenzioni, sono stati privati, anche se temporaneamente, di finanziamenti cruciali per l’avanzamento delle ricerche.

Non vengono invece coinvolti dallo shutdown né Medicare né Medicaid: i pazienti hanno continuato quindi a ricevere la copertura assicurativa e Medicare a rimborsare le spese sanitarie.

Anche i 1400 centri per la salute, cliniche che forniscono servizi essenziali a circa 27 milioni di persone con basso reddito, hanno continuato a lavorare. Non è stato intaccato dallo shutdown nemmeno il programma di visite e lezioni a domicilio dedicato a circa 160mila famiglie ritenute maggiormente a rischio.

Non sono rimasti a casa nemmeno coloro che lavorano in programmi critici per la sicurezza pubblica della Food and Drug Administration: le analisi e gli esami dei prodotti che entrano negli Stati Uniti hanno continuato ad essere fatti, mentre si sono fermate le ispezioni di routine e le ricerche in laboratorio. È stato inoltre interrotto il programma della FDA sulla sicurezza alimentare, anche se proseguono le ispezioni su prodotti agricoli, carni e pollame.

Senz’altro peggiore è invece la situazione della ricerca, non ritenuta un servizio essenziale. L’allarme è stato lanciato nelle scorse ore dalla rivista Nature: a migliaia di ricercatori federali è stato infatti ordinato di rimanere a casa, ed è stato impedito l’accesso a e-mail e telefoni governativi. Ciò costringerà molte agenzie a contare solo su un piccolo numero di dipendenti “essenziali”, interrompendo la ricerca federale su tutti i fronti, dal manto nevoso che ricopre gli Stati Uniti occidentali al funzionamento del cervello. E perfino la Nasa potrebbe essere costretta a ritardare il lancio di veicoli spaziali sviluppati nel corso di anni.

Articoli correlati
Sanità Regioni, la proposta di Sileri: «Serve commissariamento ‘chirurgico’ solo su aspetti che vanno male». Luca Coletto: «In Patto Salute nuove modalità»
Il Presidente della Commissione Sanità del Senato sottolinea: «Non ha senso commissariare l'intero settore Sanità di una Regione quando ci sono strutture che vanno male e altre che invece funzionano benissimo. Serve un accordo su qualità e meritocrazia». E anche il Sottosegretario alla Salute parla di «verifica straordinaria, che individui le disfunzioni persistenti sulle quali intervenire e soltanto dopo saremo in grado di stabilire l'intensità del commissariamento di cui la regione necessita»
Blockchain, Scaccabarozzi (Farmindustria): «Tecnologia utile anche per farmacovigilanza e ricerca staminali»
Il Presidente degli industriali farmaceutici al convegno in Senato promosso dal presidente della Commissione Sanità Pierpaolo Sileri e da realtà come Consulcesi Tech. «È bene che se ne cominci a parlare, anche se siamo in una fase molto iniziale. Bene anche l’uso per la ricerca come quella sulle cellule staminali», sottolinea a Sanità Informazione
Con autonomia differenziata 21 Sistemi sanitari diversi? Razza (Assessore Salute Sicilia): «Nessun rischio con coordinamento Regioni»
L’assessore alla Salute della Regione governata da Nello Musumeci spiega ai nostri microfoni cosa si aspetta dal Governo dopo il tavolo di trattativa avviato con le Regioni del Nord. «Sud venga messo in condizione di crescere»
Salute, De Poli (Udc): «Serve Piano Marshall per ‘nuova primavera’ sanità italiana»
«Il Servizio Sanitario nazionale ha da poco compiuto i 40 anni. Nonostante i limiti presenti e passati, rimane uno tra i migliori al mondo. C’è un ‘ma’. Oggi dobbiamo chiederci cosa fare per mantenere questo modello sostenibile, considerando la stagione dei tagli in sanità, gli aumenti dei costi dovuti all’invecchiamento della popolazione e all’aumento della […]
Autonomia differenziata, nord avanti ma crescono i dubbi. Luca Zaia (Veneto): «Governo ha ribadito più volte che si farà»
Per la FNOMCeO a rischio «l’uguaglianza dei cittadini nell’accesso al diritto alla salute», ma Zaia e Toti confermano. «Vogliamo trovare accordo ma nessuna soluzione annacquata», annuncia il Presidente della Regione Veneto. «Presenteremo testo al Ministro Stefani con cui chiederemo un’intesa al Governo», spiega invece il Governatore della Liguria
di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...