Sanità internazionale 22 Gennaio 2018

Negli Stati Uniti lo ‘shutdown’ ha coinvolto anche la sanità

Il Presidente Donald Trump ha firmato la misura approvata dal Congresso per mettere fine allo ‘shutdown’, finanziando il governo americano fino all’8 febbraio. Finisce così la paralisi del governo iniziata lo scorso fine settimana, quando il Congresso degli Stati Uniti non aveva approvato la legge che rifinanzia le attività amministrative federali. Essendo bloccata la capacità […]

Il Presidente Donald Trump ha firmato la misura approvata dal Congresso per mettere fine allo ‘shutdown’, finanziando il governo americano fino all’8 febbraio. Finisce così la paralisi del governo iniziata lo scorso fine settimana, quando il Congresso degli Stati Uniti non aveva approvato la legge che rifinanzia le attività amministrative federali. Essendo bloccata la capacità di spesa del governo, le amministrazioni pubbliche federali, ad eccezione dei servizi essenziali, hanno chiuso letteralmente i battenti, provocando lo ‘shutdown’. L’ultimo risale all’ottobre del 2013, durò 16 giorni e mise temporaneamente in congedo 850mila dipendenti federali.

In questi giorni la sanità, come la sicurezza nazionale, il traffico aereo o la giustizia, ha continuato ad essere garantita, rientrando nella categoria dei servizi essenziali. Il fenomeno ha tuttavia indirettamente interessato anche la salute dei cittadini. Basti pensare che a circa la metà dei dipendenti del Dipartimento per la Salute è stato richiesto di rimanere a casa: parliamo di 41mila persone.

Ma le conseguenze principali hanno riguardato il Centro per il controllo delle malattie e la prevenzione (CDC) che ha sospeso il programma di monitoraggio dell’influenza, proprio nel periodo in cui il male di stagione, quest’anno tra l’altro particolarmente grave, ha raggiunto il suo picco. «Senza gli aggiornamenti del CDC – ha affermato alla NBC News il dottor Peter Hotez, decano della Scuola nazionale di medicina tropicale di Houston – i medici avranno maggiori difficoltà nel diagnosticare e nel curare i pazienti». Per non parlare degli effetti dello shutdown sulla prossima stagione influenzale: il Centro ricopre infatti un ruolo fondamentale nella preparazione del vaccino antiinfluenzale del prossimo anno che deve essere programmato proprio nei prossimi giorni.

Il Centro ha garantito solo il supporto minimo indispensabile per i programmi di studio delle malattie infettive: la capacità dell’agenzia di Atlanta di testare patogeni sospetti e mantenere il centro per le operazioni di emergenza attivo 24 ore su 24 è stata significativamente ridotta.

Anche i National Institutes of Health sono stati toccati dallo shutdown, visto che nessun trial clinico, spesso l’ultima speranza per malati particolarmente gravi, può chiamare nuovi pazienti. Smettendo di gestire le sovvenzioni, sono stati privati, anche se temporaneamente, di finanziamenti cruciali per l’avanzamento delle ricerche.

Non vengono invece coinvolti dallo shutdown né Medicare né Medicaid: i pazienti hanno continuato quindi a ricevere la copertura assicurativa e Medicare a rimborsare le spese sanitarie.

Anche i 1400 centri per la salute, cliniche che forniscono servizi essenziali a circa 27 milioni di persone con basso reddito, hanno continuato a lavorare. Non è stato intaccato dallo shutdown nemmeno il programma di visite e lezioni a domicilio dedicato a circa 160mila famiglie ritenute maggiormente a rischio.

Non sono rimasti a casa nemmeno coloro che lavorano in programmi critici per la sicurezza pubblica della Food and Drug Administration: le analisi e gli esami dei prodotti che entrano negli Stati Uniti hanno continuato ad essere fatti, mentre si sono fermate le ispezioni di routine e le ricerche in laboratorio. È stato inoltre interrotto il programma della FDA sulla sicurezza alimentare, anche se proseguono le ispezioni su prodotti agricoli, carni e pollame.

Senz’altro peggiore è invece la situazione della ricerca, non ritenuta un servizio essenziale. L’allarme è stato lanciato nelle scorse ore dalla rivista Nature: a migliaia di ricercatori federali è stato infatti ordinato di rimanere a casa, ed è stato impedito l’accesso a e-mail e telefoni governativi. Ciò costringerà molte agenzie a contare solo su un piccolo numero di dipendenti “essenziali”, interrompendo la ricerca federale su tutti i fronti, dal manto nevoso che ricopre gli Stati Uniti occidentali al funzionamento del cervello. E perfino la Nasa potrebbe essere costretta a ritardare il lancio di veicoli spaziali sviluppati nel corso di anni.

Articoli correlati
«La formazione manageriale come nudge per il SSN e per il post Covid»
Tra gli elementi che la pandemia ha sollecitato vi è anche quello della complessità dei Sistema Sanitario. L’implementazione di competenze diffuse e trasversali è stata indispensabile per proporre risposte organizzative e di gestione dei bisogni di salute anche in periodo Covid. Strumenti tecnici e human skills che sono necessarie a governare i processi verso obiettivi […]
di Marinella D’Innocenzo, Direttore Generale ASL Rieti e coordinatrice del Corso di formazione manageriale Direttori di Struttura complessa Istituto “Arturo Carlo Jemolo”
Emofilia, presentato il Rapporto di Omar nell’ottica del ‘Value Based Health Care’
Binetti: «Sia finanziato il nuovo piano delle malattie rare». E le associazioni dei malati chiedono che i pazienti vengano messi al centro
Lazio, Senior Italia FederAnziani: «Ecco le soluzioni per ridurre le liste d’attesa»
Telemonitoraggio, aumento ore specialisti, informatizzazione. Le proposte lanciate da Senior Italia FederAnziani che ha messo a confronto società scientifiche e organizzazioni sindacali di medici con la Regione Lazio
Il ricorso al MES spacca la politica e la sanità: cos’è, a cosa serve e perché fa tanto discutere
Sia la maggioranza che l’opposizione sono divise sulla possibilità di aderire al Meccanismo Europeo di Stabilità, con Lega, Fdi e M5S contrarie e Pd-Iv-Fi a favore. I pro e i contro di una possibile adesione
Ticket 2019: l’abrogazione Superticket è sufficiente o serve altro dopo COVID?
Tonino Aceti, Portavoce Federazione nazionale infermieri (Fnopi)
di Tonino Aceti, Portavoce FNOPI
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 14 luglio, sono 13.106.569 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 573.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 14 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»