Sanità internazionale 28 settembre 2015

Sanità internazionale

Ospedali a cinque stelle 

Il modello di TripAdvisor, la famosa piattaforma dove gli utenti possono valutare e recensire luoghi, hotel, ristoranti, trova terreno fertile anche nel mondo della sanità. Tutto il mondo è paese, infatti, con le sue vette di eccellenza e i suoi punti deboli, e per cittadini è importante scegliere con cognizione di causa dove curarsi. La condivisione sul web delle esperienze vissute presso le varie strutture sanitarie dagli utenti è, in tal senso, un efficace strumento. Il Ministero della Salute italiano ha affidato questa funzione al portale DoveSalute (www.dovesalute.gov.it): nato all’inizio del 2014, oggi conta 65 strutture ospedaliere valutate dagli utenti. Sulla stessa linea è nata a giugno 2015 ScegliereSalute (www.sceglieresalute.it), startup di due giovani pugliesi. E all’estero? Nel Regno Unito, i cittadini possono contare sul portale IWantGreatCare (https://www.iwantgreatcare.org/) per esprimere ed ottenere giudizi sulle strutture sanitarie oltremanica, mentre a luglio un autodidatta di Tolosa ha lanciato Hospitalidée (https://hospitalidee.fr/) candidata a diventare il nuovo TripAdvisor della sanità in Francia.

Articoli correlati
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila