Sanità internazionale 23 novembre 2015

Sanità internazionale

I turni e l’Europa

I francesi firmano, gli inglesi scappano e gli italiani stanno a guardare… Il tema dei turni dei medici coinvolge tutti paesi. In questi giorni, la direzione generale di AP-HP (Assistenza pubblica – Ospedali di Parigi) e la CFDT (Confederazione Francese Democratica del Lavoro) hanno annunciato la firma di un accordo in materia di organizzazione e tempi di lavoro che ha come obiettivo quello di migliorare l’accettazione dei pazienti e le condizioni di lavoro del personale medico, riducendo la spesa economica. L’accordo sarà in vigore a partire dal 1 gennaio 2016.
Purtroppo lo stesso non accade nel Belpaese: il confronto tra governo e sindacati della dirigenza medica all’Aran (Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni) ha portato ad una fumata nera e poco si sa di come verrà applicata in questi giorni la normativa contro i turni massacranti.
Anche in Gran Bretagna, migliaia di dottori sono sul piede di guerra e dilaga la volontà di lasciare il Sistema Sanitario Nazionale a causa delle modifiche contrattuali proposte dal governo conservatore di David Cameron. Da quando il Ministro della Salute Jeremy Hunt ha annunciato la riorganizzazione radicale delle ore di lavoro in ospedale, il Consiglio britannico di Medicina Generale ha registrato oltre 5mila richieste di trasferimento fuori dal Paese. Tra le principali mete richieste Australia, Canada e Dubai.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano