Sanità internazionale 3 Settembre 2018

Regno Unito, effetto Brexit sulla farmaceutica: Ema taglia fuori GB da contratti futuri

L’Agenzia europea del farmaco spiega di aver preso questa decisione perché non sa se la Gran Bretagna continuerà a lavorare con i Paesi Ue nel settore farmaceutico dopo il marzo 2019

Il 29 marzo 2019 la Gran Bretagna uscirà ufficialmente dall’Unione europea. Gli effetti che l’evento provocherà sono già in corso di svolgimento e molti riguardano anche gli ambiti della sanità. In questi giorni, un duro colpo è giunto ai sudditi di Sua Maestà la Regina: l’Agenzia europea dei medicinali (Ema) ha infatti deciso di tagliare fuori il Regno Unito dai suoi contratti. Un fulmine a ciel sereno soprattutto per le aziende farmaceutiche britanniche già in balìa della perdita del quartier generale dell’Ema a Londra, in procinto di traslocare ad Amsterdam. Un evento che si abbatte su un NHS, il servizio sanitario inglese, già in difficoltà tanto da spingere la premier Theresa May a garantire nuovi finanziamenti. L’Ema ha evidenziato di aver preso queste decisioni per l’assenza di garanzie che il Regno Unito continuerà a lavorare con i Paesi Ue nel settore farmaceutico dopo il marzo 2019. Per l’economia del Regno Unito si tratta di un’altra doccia fredda: secondo alcune stime a causa della Brexit il Pil britannico sarebbe già calato di più del 2%.

Tutti i farmaci venduti in Europa devono passare attraverso un lungo processo di autorizzazione prima dell’uso da parte dei servizi sanitari e l’Agenzia di regolamentazione dei prodotti medici e sanitari (Mhra) in Gran Bretagna ha sempre avuto un ruolo di primo piano in questo lavoro, ottenendo in media negli anni scorsi il 20-30% di tutti i dossier di valutazione nell’Ue.

Quest’anno l’Mhra ha ‘vinto’ solo due contratti, rispetto ai 36 per i quali si era resa disponibile, entrambi già in corso di valutazione. Anche i contratti esistenti con l’Mhra verranno riassegnati a uno dei membri dell’Ue. Il presidente dell’Associazione dell’industria farmaceutica britannica, Mike Thompson, ha dichiarato al The Guardian che questa decisione equivale a «guardare una storia di successo che viene demolita. Siamo stati tutti incredibilmente orgogliosi del ruolo della Mhra negli ultimi anni. Si era affermata come uno dei più autorevoli enti regolatori di tutta Europa».

Articoli correlati
Covid-19, Cossolo (Federfarma): «Tre farmacisti morti, trenta contagiati. E siamo ancora in attesa dei DPI»
Il presidente Marco Cossolo a Sanità informazione: «Abbiamo predisposto sul banco le barriere in plexiglass, produciamo i gel disinfettanti per rispondere ai bisogni dei cittadini e abbiamo stretto un accordo con la Croce Rossa per la consegna dei farmaci a domicilio alle persone più a rischio». E sulla carenza di farmaci: «Manca solo l’idrossiclorochina»
“Insieme senza Paura”, Industrie Farmaceutiche Italiane FAB13 aderiscono a iniziativa FIMMG e Cittadinanzattiva
Verranno donati oltre 3 milioni di euro in risorse finanziarie e beni strumentali per fronteggiare l’emergenza Covid19
Coronavirus, Assogenerici: «Nessuno blocchi le aziende della filiera sanitaria»
Il presidente Enrique Häusermann: «È cruciale, in questo momento difficile per il Paese impedire un qualsiasi tipo di stop delle attività della filiera del farmaco e di tutte le attività connesse che devo essere considerate essenziali»
Coronavirus, l’allarme di Gemmato (FdI): «Potenziare produzione principi attivi in Italia o rischiamo di restare senza farmaci»
Il deputato di Fratelli d’Italia Marcello Gemmato, farmacista, mette in guardia da una eccessiva dipendenza dalla Cina sul fronte farmaceutico. Poi chiede che anche i farmacisti siano forniti di mascherine: «Mi chiamano continuamente i colleghi per dirmi: noi le vorremmo non perché non ce le possiamo permettere ma perché non arrivano. Eppure ogni giorno i farmacisti sono a contatto con centinaia di persone»
Coronavirus, Silvio Garattini: «Attenzione sì, panico no. Ogni anno in Italia 6mila morti da influenza»
Lo scienziato e farmacologo concorda con le misure adottate ma invita a ridimensionare l’emergenza: «Un sacrificio che dobbiamo accettare tutti perché è un virus nuovo, ma senza creare allarmismi o diventare ossessivi indossando mascherine o pagando cifre enormi per l’amuchina»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 9 aprile, sono 1.485.981 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 88.538 i decessi e 330.782 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino dell...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...