Sanità internazionale 11 Novembre 2019

Pronto soccorso, nel Regno Unito l’Nhs utilizza le farmacie per decongestionarli

In base al nuovo servizio Cpcs (Community pharmacy consultation service), attivo in duemila città, chi chiama il numero di emergenza 111 può essere dirottato sul più vicine farmacie per problemi di salute minori

Utilizzare le farmacie per ridurre l’affollamento dei Pronto soccorso. L’idea è del servizio sanitario inglese, l’Nhs, che ha lanciato il nuovo servizio Cpcs (Community pharmacy consultation service): l’obiettivo è di aiutare i pazienti con problemi di salute minori o che necessitano di medicinali a recarsi nelle farmacie di comunità che hanno aderito ed evitare così che vadano al Pronto soccorso.

Secondo la rivista ‘Pharmaceutical Journal‘ ha già aderito all’iniziativa la metà degli esercizi. In base a questa sperimentazione, in alcune città del Regno Unito chi chiama il 111, il numero di emergenza inglese, potrà essere dirottato sulle farmacie più vicine. Jo Churchill, ministro della Sanità, ha affermato alla Camera dei Comuni che duemila farmacie si erano iscritte per offrire il servizio. La metà, appunto, della stima fatta dall’Nhs di 4mila farmacie necessarie per frenare la pressione di cure sui dipartimenti di emergenza-urgenza.

Il meccanismo è stato descritto sul sito dell’Ordine dei Farmacisti di Roma: la chiamata di un paziente non grave al 111 viene vagliata da un operatore qualificato che – valutata la situazione – può dirottarlo per una consultazione verso una farmacia di comunità, anziché indirizzarlo verso altre destinazioni (appuntamento medico urgente, appuntamento fuori orario col medico di famiglia, pronto soccorso) che sarebbero sovradimensionate rispetto alle necessità espresse dal paziente in quel momento.

Il sistema è completamente informatizzato e gli stessi operatori del 111 hanno cura di comunicare alla farmacia l’arrivo del paziente, che dovrà essere accolto dal farmacista in uno spazio adeguato per svolgere un consulto. Il farmacista potrà, in ogni caso, anche avvalersi di una consulenza telefonica da parte del medico. Il servizio (dal quale sono esclusi i bambini al di sotto dei 2 anni) prevede un costo medio di 14 sterline, nel quale trova capienza il compenso riconosciuto al farmacista per una prestazione professionale capace di ridurre il ricorso a prestazioni Nhs che produrrebbero certamente costi maggiori.

Articoli correlati
Remunerazione e nuova Convenzione, il punto di Federfarma nell’ultimo Consiglio di Presidenza
Novità importanti dall’ultimo Consiglio di Presidenza di Federfarma. Nella riunione dello scorso 29 gennaio, infatti, è stato fatto il punto sugli incontri in corso tra Federfarma e istituzioni su temi di fondamentale rilevanza per la categoria come il cambio di remunerazione e il rinnovo della Convenzione. A parlarne con Federfarma Channel è stato Achille Gallina Toschi, […]
di Federfarma
È Brexit. Ecco cosa ne pensano i nostri giovani medici nel Regno Unito
Chi è in Uk da pochissimo, chi ci ha portato la famiglia, chi ha deciso di tornare. In un clima di ‘vigile attesa’, abbiamo raccolto testimonianze, preoccupazioni, previsioni
Maltempo in tutta Italia, Federfarma: “Farmacie continuano ad assicurare il servizio alla popolazione”
Malgrado il maltempo che ha colpito molte zone di Italia, con grande impegno e tra mille difficoltà le farmacie rimangono operative per assicurare alla popolazione il normale servizio farmaceutico. “Anche in questa situazione di emergenza le farmacie confermano il proprio ruolo di primo presidio sanitario sul territorio, un punto fermo al quale i cittadini possono […]
20 novembre, Giornata mondiale dei diritti dell’infanzia: al via “In farmacia per i bambini”
Martina Colombari testimonial e volontaria dell’iniziativa: “Ogni anno diamo un aiuto concreto a centinaia di case famiglia ed enti in tutta Italia”
Farmacie, Sala (Lombardia): «Nel futuro garantiranno sempre più servizi». Mandelli (FOFI): «Rilanciare professione nel cuore degli italiani»
A FarmacistaPiù, che si è svolto al Mi.Co. di Milano, si è parlato della farmacia che verrà. Il vicepresidente della Regione Lombardia ricorda: «Nel settore delle innovazioni già è in campo il servizio elettronico e la collaborazione con tutte le farmacie»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano