Sanità internazionale 11 Novembre 2019 17:38

Pronto soccorso, nel Regno Unito l’Nhs utilizza le farmacie per decongestionarli

In base al nuovo servizio Cpcs (Community pharmacy consultation service), attivo in duemila città, chi chiama il numero di emergenza 111 può essere dirottato sul più vicine farmacie per problemi di salute minori

Utilizzare le farmacie per ridurre l’affollamento dei Pronto soccorso. L’idea è del servizio sanitario inglese, l’Nhs, che ha lanciato il nuovo servizio Cpcs (Community pharmacy consultation service): l’obiettivo è di aiutare i pazienti con problemi di salute minori o che necessitano di medicinali a recarsi nelle farmacie di comunità che hanno aderito ed evitare così che vadano al Pronto soccorso.

Secondo la rivista ‘Pharmaceutical Journal‘ ha già aderito all’iniziativa la metà degli esercizi. In base a questa sperimentazione, in alcune città del Regno Unito chi chiama il 111, il numero di emergenza inglese, potrà essere dirottato sulle farmacie più vicine. Jo Churchill, ministro della Sanità, ha affermato alla Camera dei Comuni che duemila farmacie si erano iscritte per offrire il servizio. La metà, appunto, della stima fatta dall’Nhs di 4mila farmacie necessarie per frenare la pressione di cure sui dipartimenti di emergenza-urgenza.

Il meccanismo è stato descritto sul sito dell’Ordine dei Farmacisti di Roma: la chiamata di un paziente non grave al 111 viene vagliata da un operatore qualificato che – valutata la situazione – può dirottarlo per una consultazione verso una farmacia di comunità, anziché indirizzarlo verso altre destinazioni (appuntamento medico urgente, appuntamento fuori orario col medico di famiglia, pronto soccorso) che sarebbero sovradimensionate rispetto alle necessità espresse dal paziente in quel momento.

Il sistema è completamente informatizzato e gli stessi operatori del 111 hanno cura di comunicare alla farmacia l’arrivo del paziente, che dovrà essere accolto dal farmacista in uno spazio adeguato per svolgere un consulto. Il farmacista potrà, in ogni caso, anche avvalersi di una consulenza telefonica da parte del medico. Il servizio (dal quale sono esclusi i bambini al di sotto dei 2 anni) prevede un costo medio di 14 sterline, nel quale trova capienza il compenso riconosciuto al farmacista per una prestazione professionale capace di ridurre il ricorso a prestazioni Nhs che produrrebbero certamente costi maggiori.

Articoli correlati
Farmacie Amiche delle Persone con Demenza: al via la collaborazione tra Federazione Alzheimer Italia e Federfarma
Dedicato alle oltre 18mila farmacie in tutta Italia il vademecum con le indicazioni per rendere il proprio presidio accogliente per le persone con demenza
Vaccini in farmacia nel Lazio, al via le somministrazioni
Parte la campagna vaccinale delle farmacie del Lazio alla presenza del Presidente della Regione Nicola Zingaretti e dell’Assessore alla Sanità Alessio D’Amato
Il Regno Unito rischia la terza ondata. Tamponi a tappeto per battere sul tempo la variante indiana
Nonostante i tre quarti della popolazione siano vaccinati, nel Regno Unito tornano ad aumentare i casi di Covid-19. Il racconto di un cardiologo italiano a Londra
di Federica Bosco
Vaccini Covid, arrivano i rinforzi: nella campagna anche odontoiatri, pediatri e farmacie
Con l'approvazione del Dl Sostegni, rientrano tra i vaccinatori nuove categorie: infermieri e odontoiatri negli hub senza conflitto di interessi, i pediatri copriranno i caregiver. In farmacia nuovi spazi, ma Fnomceo chiede la presenza di un medico
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM