Sanità internazionale 28 Febbraio 2017 13:55

Obiettori visti dagli Usa

Con grande attenzione ho seguito la vicenda del bando e assunzione di due ginecologi non obiettori da parte dell’Ospedale San Camillo. Premetto che l’intera vicenda è di difficile interpretazione da parte di osservatori esterni o da parte di chi, come me, da anni esercita la professione all’estero e ha una conoscenza limitata di leggi o […]

di Claudio Loffreda-Mancinelli

Con grande attenzione ho seguito la vicenda del bando e assunzione di due ginecologi non obiettori da parte dell’Ospedale San Camillo. Premetto che l’intera vicenda è di difficile interpretazione da parte di osservatori esterni o da parte di chi, come me, da anni esercita la professione all’estero e ha una conoscenza limitata di leggi o problematiche tipiche della Sanità Italiana. Cercherò quindi di fare delle costatazioni sia con gli occhi del paziente, che dell’amministratore, a cui sta a cuore efficacia, efficienza e qualità del servizio.

E’ possibile che anche con picchi superiori all’80% di obiettori, il servizio di IVG sia tutelato; in questo caso però non si riesce a capire le motivazioni di assunzioni di cui non si avrebbe bisogno.

C’è uno scontro di natura etica, religiosa, legislativa. Ma alle pazienti, queste motivazioni interessano davvero? Ho l’impressione che si parli di diritti dei medici, diritti delle istituzioni e della politica, ma poco spazio e rilevanza venga dato ai diritti delle pazienti e della famiglia. In nessun articolo, è stata descritta la necessità dell’assunzione, come tramite essa un servizio specifico sarebbe migliorato, liste di attesa, possibilità di sostegno.

Da giorni ormai si parla solo di discriminazione.

Sarebbe forse discriminatorio assumere un anestesista specializzato in anestesia ostetrica, e quindi capace di offrire un servizio di parto indolore, che il più delle volte è inesistente, visto che in alcune regioni la mancanza di questo servizio supera l’80%? Sarebbe forse discriminatorio assumere un cardiologo invasivo, capace di fornire servizi che la cardiologia di base non può coprire? Sarebbe forse discriminatorio assumere un radiologo invasivo che garantisca quelle metodologie di stenting vascolare che il radiologo generico non effettua? Si potrebbe obiettare che in questi casi si parla di tecniche specialistiche che richiedono, in genere, un’ulteriore formazione, mentre nel caso di aborto, la tecnica è ben conosciuta da qualsiasi ostetrico. Ma se, per motivi etici, si è deciso di non offrire certi servizi, perché dovremmo gridare alla discriminazione, se una struttura pubblica decide di indire un bando per l’assunzione di professionisti non obiettori? In che modo gli obiettori sarebbero stati discriminati, dal momento che essi stessi hanno scelto di non partecipare in quelle metodiche specifiche descritte nel bando e previste dalla legge?

Discriminazione contro gli assunti a cui verrebbe in futuro non consentito il diritto di obiettare? Ma se hanno volontariamente partecipato e vinto un concorso che prevede specifiche direttive e prestazioni, qualora mancassero queste prerogative, perché dovrebbero sentirsi discriminati se licenziati? Se in un ospedale chiude ad esempio il reparto di ortopedia, quei chirurghi verranno rilocati o licenziati. Perché non si dovrebbe applicare lo stesso concetto per tecniche inerenti una specializzazione qualora mancasse la necessità o la volontà di fornire le stesse?

Questi sono principi, credo, globalmente accettati e applicati non solo in ambito sanitario ma in qualsiasi tipo di industria. Perché la struttura pubblica ospedaliera dovrebbe differire?

Articoli correlati
Creati embrioni umani sintetici: svolta su malattie genetiche. «Ma vanno rafforzate leggi per evitare abusi»
Creati embrioni umani sintetici a partire da cellule staminali, senza quindi ovuli e spermatozoi. Ad annunciarlo è stata Magdalena Żernicka-Goetz, scienziata dell’Università di Cambridge e del California Institute of Technology, in occasione del meeting annuale dell’International Society for Stem Cell Research a Boston
Usa: allerta qualità dell’aria, decine di milioni a rischio per incendi canadesi
Negli Stati Uniti decine di milioni di persone sono state messe in allerta per i possibili effetti di una scarsa qualità dell'aria, a causa del fumo provocato dagli incendi canadesi che si è spostato verso Sud, Su alcune delle più grandi città del paese il cielo si è trasformato da azzurro in un torbido marrone e l'aria è satura di inquinamento dannoso per la salute. Gli stati in tutto l'Est, tra cui New York, Massachusetts e Connecticut, hanno emesso avvisi sulla qualità dell'aria
Vaiolo scimmie, prima discesa. Oms: «-21% nuovi contagi negli ultimi 7 giorni»
Arriva il primo cenno di discesa dei casi di vaiolo delle scimmie in Europa. L’Italia registra più di 700 contagi, il maggior numero di nuove infezioni negli Stati Uniti, dove è emergenza nazionale
Usa: primo caso di «Covid cronico», uomo positivo da oltre 1 anno
Negli Stati Uniti è stato documentato quello che possiamo definire il primo caso di «Covid cronico». Un uomo del Connecticut, già malato di cancro, è positivo da più di 470 giorni. Oltre un anno. A descrivere il caso è stato un gruppo di ricercatori della Yale University in uno studio riportato su MedRxiv, in attesa di revisione. Dopo ulteriori indagini, gli scienziati hanno anche scoperto che nel sangue del paziente circolavano tre diversi varianti del virus, di cui una ritenuta estinta
Usa, in oltre la metà degli Stati sarà vietato abortire
Dopo la decisione della Corte Suprema di ribaltare Roe v Wade, in stati come Louisiana e Tennessee non si potrà abortire neanche per stupro
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...