Sanità internazionale 31 Ottobre 2017

I medici di base inglesi chiedono l’introduzione dell’intramoenia

I medici di famiglia inglesi minacciano di allontanarsi dal servizio sanitario nazionale e di istituire un modello alternativo privato. I fondi del National Health Service (NHS) non sono più sufficienti per far fronte alle richieste dei pazienti: per continuare a garantire determinate prestazioni, i medici vorrebbero quindi farle pagare ai pazienti stessi. La Conferenza dei […]

I medici di famiglia inglesi minacciano di allontanarsi dal servizio sanitario nazionale e di istituire un modello alternativo privato. I fondi del National Health Service (NHS) non sono più sufficienti per far fronte alle richieste dei pazienti: per continuare a garantire determinate prestazioni, i medici vorrebbero quindi farle pagare ai pazienti stessi. La Conferenza dei medici del territorio, in programma per la prossima settimana, discuterà una mozione presentata dai rappresentanti della Contea di Bedfordshire chiedendo di «cercare urgentemente un modo per consentire ai medici di base di operare all’interno di un modello sanitario privato e alternativo, visto che molti ritengono di non poter più lavorare nel NHS». L’Associazione Medica Inglese (British Medical Association – BMA) aveva più volte denunciato il malessere degli MMG e sottolineato che il sistema nazionale stava per raggiungere il suo punto di rottura. Ma i rappresentanti della categoria hanno evidenziato che l’approvazione della mozione non avrebbe portato ad un completo abbandono del NHS, ma a consentire ai medici di richiedere pagamenti ai pazienti per servizi privati. L‘introduzione della nostra intramoenia, in altre parole, attualmente non prevista in Gran Bretagna.

«Azioni come queste sono il risultato delle richieste, ad esempio, dei pendolari che vorrebbero un appuntamento alle otto o alle nove di sera. Ma non ci sono i soldi per garantire il servizio per così tante ore», ha dichiarato all’Independent il dottor Peter Holden.

Le altre proposte che verranno votate la prossima settimana includono la limitazione dell’orario di lavoro, anche per garantire l’affidabilità e la sicurezza delle cure, messe a repentaglio dalla stanchezza di un medico che deve operare molte ore e visitare troppi pazienti. Pazienti che ovviamente non hanno apprezzato la proposta, definendola “preoccupante” e sottolineando la loro contrarietà alla prospettiva di dover pagare la sanità due volte.

«La medicina generale è sotto un’insostenibile pressione per la crescita della domanda, la riduzione dei budget e la scarsità del personale», ha commentato un rappresentante del BMA. Problemi che tuttavia caratterizzano anche il nostro SSN. Che spunti di riflessione può offrire il sistema italiano?

Articoli correlati
Intramoenia e sviluppo di carriera per professioni sanitarie, Boldrini (Pd): «È il momento giusto»
Coinvolti in primis gli infermieri ma anche ostetriche e professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione, della prevenzione. «La proposta va in sinergia quella sull’infermiere di comunità che è tornata di grande attualità con l’emergenza Covid» spiega la capogruppo Pd in Commissione Sanità. «Non ci deve essere più conflittualità tra le professioni ma una collaborazione messa in pratica da tanti anni negli altri Paesi»
Simulatori e medicina pratica, la rivoluzione del SIMG Lab al 36esimo Congresso SIMG
A Firenze si è parlato di cronicità, influenza e formazione. Il presidente Claudio Cricelli approva con riserva lo stanziamento di 200 milioni di euro previsto in legge di Bilancio per le tecnologie dei medici di famiglia: «Bene ma solo grazie alla scuola pratica gli MMG riusciranno a usare queste apparecchiature»
di Giovanni Cedrone e Arnaldo Iodice
Legge di Bilancio, la proposta dello SNAMI: «Il ministro Speranza destini i 236 milioni di euro per le apparecchiature alla formazione»
«Ci sono migliaia di medici rinchiusi in un imbuto formativo e che attendono una formazione medica post lauream» sottolinea Simona Autunnali, vicesegretario nazionale
Legge di Bilancio, SMI sottopone emendamento a forze politiche: «Adeguare stipendi Medici di base a inflazione»
ll Segretario Generale del Sindacato Medici Italiani Pina Onotri: «La misura proposta può contribuire, sicuramente, ad avvicinare i salari dei medici italiani a quelli dei professionisti europei»
Pronto soccorso, nel Regno Unito l’Nhs utilizza le farmacie per decongestionarli
In base al nuovo servizio Cpcs (Community pharmacy consultation service), attivo in duemila città, chi chiama il numero di emergenza 111 può essere dirottato sul più vicine farmacie per problemi di salute minori
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 settembre, sono 30.183.223 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 946.158 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 18 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid-19, studio italiano scopre meccanismo responsabile della morte dei pazienti in terapia intensiva

Lo studio, che vede come capofila il S. Orsola di Bologna, è stato pubblicato su “Lancet Respiratory Medicine” lo scorso 27 agosto