Sanità internazionale 31 Ottobre 2017

I medici di base inglesi chiedono l’introduzione dell’intramoenia

I medici di famiglia inglesi minacciano di allontanarsi dal servizio sanitario nazionale e di istituire un modello alternativo privato. I fondi del National Health Service (NHS) non sono più sufficienti per far fronte alle richieste dei pazienti: per continuare a garantire determinate prestazioni, i medici vorrebbero quindi farle pagare ai pazienti stessi. La Conferenza dei […]

I medici di famiglia inglesi minacciano di allontanarsi dal servizio sanitario nazionale e di istituire un modello alternativo privato. I fondi del National Health Service (NHS) non sono più sufficienti per far fronte alle richieste dei pazienti: per continuare a garantire determinate prestazioni, i medici vorrebbero quindi farle pagare ai pazienti stessi. La Conferenza dei medici del territorio, in programma per la prossima settimana, discuterà una mozione presentata dai rappresentanti della Contea di Bedfordshire chiedendo di «cercare urgentemente un modo per consentire ai medici di base di operare all’interno di un modello sanitario privato e alternativo, visto che molti ritengono di non poter più lavorare nel NHS». L’Associazione Medica Inglese (British Medical Association – BMA) aveva più volte denunciato il malessere degli MMG e sottolineato che il sistema nazionale stava per raggiungere il suo punto di rottura. Ma i rappresentanti della categoria hanno evidenziato che l’approvazione della mozione non avrebbe portato ad un completo abbandono del NHS, ma a consentire ai medici di richiedere pagamenti ai pazienti per servizi privati. L‘introduzione della nostra intramoenia, in altre parole, attualmente non prevista in Gran Bretagna.

«Azioni come queste sono il risultato delle richieste, ad esempio, dei pendolari che vorrebbero un appuntamento alle otto o alle nove di sera. Ma non ci sono i soldi per garantire il servizio per così tante ore», ha dichiarato all’Independent il dottor Peter Holden.

Le altre proposte che verranno votate la prossima settimana includono la limitazione dell’orario di lavoro, anche per garantire l’affidabilità e la sicurezza delle cure, messe a repentaglio dalla stanchezza di un medico che deve operare molte ore e visitare troppi pazienti. Pazienti che ovviamente non hanno apprezzato la proposta, definendola “preoccupante” e sottolineando la loro contrarietà alla prospettiva di dover pagare la sanità due volte.

«La medicina generale è sotto un’insostenibile pressione per la crescita della domanda, la riduzione dei budget e la scarsità del personale», ha commentato un rappresentante del BMA. Problemi che tuttavia caratterizzano anche il nostro SSN. Che spunti di riflessione può offrire il sistema italiano?

Articoli correlati
Liste d’attesa, Report Fp Cgil: in media 60 giorni per una visita nel pubblico
Tempi di attesa medi nettamente maggiori per il SSN rispetto a quelli dell’offerta privata: 60 giorni nel pubblico, 9 nell’intramoenia, 7 nel privato e 39 per il privato convenzionato. Si arriva a quattro mesi di attesa per una colonscopia. Eccelle l'Emilia-Romagna, male le Marche. È ciò che emerge dal Rapporto promosso dalla Funzione Pubblica Cgil
ACN Medicina generale, Scotti (FIMMG): «Sistema non riconosce sforzi a medici con ‘busta paga’ ferma da 10 anni»
Le Regioni non hanno accettato l’idea di una pre-intesa. Il segretario della Federazione dei Medici di medicina generale deluso: «Chiedevamo che il 2017 si chiudesse con un aumento dell’1,79%, in linea con l’indennità di vacatio contrattuale della dipendenza, perché non va bene?»
Formazione MMG, Luca Galzerano (Fimmg): «Disparità economica con specializzandi può condizionare scelta del percorso formativo e lavorativo»
«Fondamentale migliorare l’organizzazione dei corsi post lauream e facilitare le modalità di accesso alla professione». L’intervista al nuovo Segretario nazionale di Fimmg Formazione Luca Galzerano
#6StatoDiscriminato, parte la campagna di tutela dei medici di base. Milano (FIMMG): «È ora di riconoscere i nostri diritti»
Prima tappa ad Alessandria dove, nella sede locale dell’OMCeO, i medici di Medicina Generale hanno potuto informarsi sui loro diritti violati e ricevere ascolto
Intramoenia, CIMO-FESMED: «Bene proposta sciopero per dimostrare assenza legame con liste d’attesa»
La federazione spiega: «I nodi non sono nella possibilità di esercitare visite fuori dai propri turni ospedalieri, che invece supportano il flusso della domanda di prestazioni che arrivano ai CUP, ma nella mancanza di medici sufficienti nei turni e di investimenti in tecnologie sanitarie efficienti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...