Sanità internazionale 31 ottobre 2017

I medici di base inglesi chiedono l’introduzione dell’intramoenia

I medici di famiglia inglesi minacciano di allontanarsi dal servizio sanitario nazionale e di istituire un modello alternativo privato. I fondi del National Health Service (NHS) non sono più sufficienti per far fronte alle richieste dei pazienti: per continuare a garantire determinate prestazioni, i medici vorrebbero quindi farle pagare ai pazienti stessi. La Conferenza dei […]

I medici di famiglia inglesi minacciano di allontanarsi dal servizio sanitario nazionale e di istituire un modello alternativo privato. I fondi del National Health Service (NHS) non sono più sufficienti per far fronte alle richieste dei pazienti: per continuare a garantire determinate prestazioni, i medici vorrebbero quindi farle pagare ai pazienti stessi. La Conferenza dei medici del territorio, in programma per la prossima settimana, discuterà una mozione presentata dai rappresentanti della Contea di Bedfordshire chiedendo di «cercare urgentemente un modo per consentire ai medici di base di operare all’interno di un modello sanitario privato e alternativo, visto che molti ritengono di non poter più lavorare nel NHS». L’Associazione Medica Inglese (British Medical Association – BMA) aveva più volte denunciato il malessere degli MMG e sottolineato che il sistema nazionale stava per raggiungere il suo punto di rottura. Ma i rappresentanti della categoria hanno evidenziato che l’approvazione della mozione non avrebbe portato ad un completo abbandono del NHS, ma a consentire ai medici di richiedere pagamenti ai pazienti per servizi privati. L‘introduzione della nostra intramoenia, in altre parole, attualmente non prevista in Gran Bretagna.

«Azioni come queste sono il risultato delle richieste, ad esempio, dei pendolari che vorrebbero un appuntamento alle otto o alle nove di sera. Ma non ci sono i soldi per garantire il servizio per così tante ore», ha dichiarato all’Independent il dottor Peter Holden.

Le altre proposte che verranno votate la prossima settimana includono la limitazione dell’orario di lavoro, anche per garantire l’affidabilità e la sicurezza delle cure, messe a repentaglio dalla stanchezza di un medico che deve operare molte ore e visitare troppi pazienti. Pazienti che ovviamente non hanno apprezzato la proposta, definendola “preoccupante” e sottolineando la loro contrarietà alla prospettiva di dover pagare la sanità due volte.

«La medicina generale è sotto un’insostenibile pressione per la crescita della domanda, la riduzione dei budget e la scarsità del personale», ha commentato un rappresentante del BMA. Problemi che tuttavia caratterizzano anche il nostro SSN. Che spunti di riflessione può offrire il sistema italiano?

Articoli correlati
La storia di Mark Harmon: «Mio figlio si è ammalato e sono diventato medico a 42 anni»
«Ho sempre lavorato nel settore commerciale. Poi mio figlio si è ammalato e a 42 anni sono diventato un medico. È stata la scelta migliore che abbia mai fatto». La storia che Mark Harmon racconta sul Guardian è di quelle che sembrano uscite da un film, una di quelle alla sliding doors: chissà cosa sarebbe […]
Il medicinale costa troppo e il paziente di 8 anni chiede alla farmaceutica di abbassarne il prezzo
Luis Walker, 8 anni, malato di fibrosi cistica, ha scritto una lettera alla Vertex chiedendo di rendere disponibile il farmaco di cui ha bisogno
Come funziona l’Ospedale di Comunità. Dal Veneto alla Toscana, ecco come le regioni si stanno preparando
L’O.d.C. avrà una funzione intermedia tra assistenza domiciliare e ricovero ospedaliero. L’assessore toscano Saccardi: «Consentirà di offrire una risposta più strutturata al paziente che non è ancora in grado di gestirsi in modo autonomo»
di Giovanni Cedrone e Viviana Franzellitti
Rosy Bindi, madre dell’intramoenia, ricorda: «È nata per abbattere le liste d’attesa, ma è stata gestita da apprendisti stregoni»
L’ex Ministro della Sanità consiglia a Giulia Grillo di ripartire dagli investimenti: «Gli ultimi per la sanità risalgono ai governi dell’Ulivo, ma un settore come questo non si governa senza investimenti in tecnologia, edilizia o formazione». E sui fondi integrativi aggiunge: «Sono il vero cavallo di Troia che sta mettendo a rischio l’universalismo del SSN»   
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
I medici di famiglia inglesi vogliono far pagare una tassa ai pazienti che fissano appuntamenti non necessari
I medici di famiglia del Regno Unito hanno proposto una tassa di 5 sterline per scoraggiare la popolazione ad andare nello studio quando non necessario. Come immaginabile, l’iniziativa ha alzato un polverone. Secondo i promotori, servirebbe a far riflettere i pazienti sul reale bisogno del medico, suggerendo i casi in cui le loro richieste possono […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila