Sanità internazionale 15 maggio 2017

Macron e la sanità: ecco quello che cambierà in Francia

Macron è il nuovo presidente francese: ecco quello che cambierà per medici, ospedali e sanità. “Le Quotidien” riassume i principali cambiamenti promessi che riguardano la professione e il settore sanitario. Le scelte principali di politica sanitaria seguiranno per lo più la scia del quinquennio precedente, ma scaveranno anche diversi nuovi solchi. Innanzitutto Macron promette una […]

Macron è il nuovo presidente francese: ecco quello che cambierà per medici, ospedali e sanità.Le Quotidien riassume i principali cambiamenti promessi che riguardano la professione e il settore sanitario.

Le scelte principali di politica sanitaria seguiranno per lo più la scia del quinquennio precedente, ma scaveranno anche diversi nuovi solchi. Innanzitutto Macron promette una vera e propria rivoluzione per dare maggior peso alla prevenzione, sottolineando come sia «meglio investire un euro oggi per prevenire le malattie che cinque euro domani per curarle». Inoltre, darà il via a un’iniziativa che coinvolgerà 40mila studenti di medicina che per 3 mesi andranno nelle scuole e nelle imprese proprio per fare sensibilizzazione e parlare di prevenzione.

Rimanendo in tema studenti, il neopresidente ha intenzione di rimettere in discussione il numero chiuso per l’accesso alla facoltà di medicina, senza però aver ancora proposto un’alternativa praticabile. Prevista anche una profonda riforma dell’organizzazione e della gestione degli ospedali, da attuare però solo dopo aver studiato a fondo la situazione presente e aver analizzato le varie soluzioni percorribili.

Ha promesso inoltre di sviluppare gli ambulatori, ridurre i pagamenti a prestazione (T2A) e di riconoscere maggiore autonomia agli stabilimenti, soprattutto per assumere nuovo personale; stanzierà 5 miliardi per finanziare l’innovazione e per modernizzare le strutture e i sistemi informativi degli ospedali. Per quanto riguarda il miglioramento dell’organizzazione delle cure di primo soccorso, il suo progetto non prevede un’unica soluzione che sia uniforme in tutto il Paese, ma intende mettere piuttosto l’accento sulle singole realtà di ogni territorio, valutando di caso in caso la soluzione migliore.

Vuole ampliare l’utilizzo della telemedicina e diversificare le modalità di pagamento. Infine, è prevista la presa in carico al 100% delle spese per occhiali, apparecchi acustici e protesi dentarie, senza eliminare il rimborso dei medicinali essenziali e aggiungendo a questi quelli necessari per la cura delle forme severe di ipertensione arteriosa.

Articoli correlati
Salute, De Poli (Udc): «Serve Piano Marshall per ‘nuova primavera’ sanità italiana»
«Il Servizio Sanitario nazionale ha da poco compiuto i 40 anni. Nonostante i limiti presenti e passati, rimane uno tra i migliori al mondo. C’è un ‘ma’. Oggi dobbiamo chiederci cosa fare per mantenere questo modello sostenibile, considerando la stagione dei tagli in sanità, gli aumenti dei costi dovuti all’invecchiamento della popolazione e all’aumento della […]
Autonomia differenziata, nord avanti ma crescono i dubbi. Luca Zaia (Veneto): «Governo ha ribadito più volte che si farà»
Per la FNOMCeO a rischio «l’uguaglianza dei cittadini nell’accesso al diritto alla salute», ma Zaia e Toti confermano. «Vogliamo trovare accordo ma nessuna soluzione annacquata», annuncia il Presidente della Regione Veneto. «Presenteremo testo al Ministro Stefani con cui chiederemo un’intesa al Governo», spiega invece il Governatore della Liguria
di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
Autonomia differenziata, nodo sanità. Michele Emiliano (Puglia): «Bloccare processo separatista e aumentare poteri di tutte le Regioni»
Il governatore della Puglia è favorevole ad un aumento dei poteri delle Regioni ma non al processo che vede coinvolte solo Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna. Intanto è scontro nel governo tra Lega e M5S sul tema, nulla di fatto in Consiglio dei Ministri
Fondo sanitario, Regioni approvano riparto 2019. Antonio Saitta: «SSN sottofinanziato, in nuovo Patto della Salute risorse certe»
Alla Conferenza delle Regioni suddiviso il Fondo di 111,2 miliardi. Il Presidente Stefano Bonaccini: «Così diamo un contributo importante alle successive azioni del ministero e consentiamo alle Regioni di avviare una programmazione in tempi certi». Sul tema dell’autonomia differenziata posizioni diverse dei governatori. L’Assessore alla Sanità del Piemonte: Su alcune materie, come la formazione, non possiamo stare con le mani in mano. Servino regole certe»
Autonomia differenziata, lo SMI lancia petizione online per fermare voto del Parlamento: «Con riforma avremo una somma di Servizi sanitari regionali»
Il Sindacato guidato da Pina Onotri si mobilita contro il provvedimento fortemente voluta dalla Lega. Sarà inviata una lettera aperta ai deputati e ai senatori di tutti i gruppi politici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...