Sanità internazionale 7 Luglio 2023 10:24

Infodemia, da Oms e Unicef sei mosse e un manuale per comunicare bene

Oms e Unicef hanno pubblicato un manuale innovativo per gli operatori sanitari, dotato di strumenti di accompagnamento per gli analisti che conducono l’ascolto sociale per sviluppare approfondimenti infodemici

Chiunque, almeno una volta nella vita, si è affidato al “dottor google” per saperne di più su un sintomo comparso all’improvviso o per tentare rimedi fai-da-te. Ma cosa accade se l’informazione in cui ci si imbatte non è scientificamente attendibile? Chi legge può non essere in grado di distinguere le notizie “vere” da quelle “false”, innescando una catena di disinformazione, capace di diffondersi rapidamente tra le comunità e influire sulle decisioni di salute delle persone.  E che l’eccesso di informazioni non corrette possa far danno è stato ampiamente dimostrato dalla pandemia da Covid-19.

Il manuale contro l’infodemia

Così, per evitare di ripetere gli errori del passato l’Oms e l’Unicef, in collaborazione con le loro reti e partner, hanno pubblicato un manuale innovativo, dotato di strumenti di accompagnamento per gli analisti che conducono l’ascolto sociale per sviluppare approfondimenti sulla gestione della infodemia. Il manuale, che ha come prime firme quelle di Tina Purnat (WHO), and Elisabeth Wilhelm (UNICEF), è rivolto agli operatori sanitari, affinché comprendendo meglio l’ambiente delle informazioni sanitarie, possano comunicare in modo più adeguato con il pubblico e incoraggiare comportamenti sani.

La narrazione durante un’emergenza

«Le intuizioni infodemiche sono fondamentali per comprendere l’ambiente informativo che guida le narrazioni durante un’emergenza – spiega la dottoressa di Sylvie Briand, direttore della preparazione e prevenzione delle epidemie e delle pandemie presso l’Oms – quando le persone sono confuse o sopraffatte dalle informazioni, può essere difficile sapere a chi rivolgersi per informazioni sanitarie credibili e approfondimenti infodemici in grado di fornire raccomandazioni basate sull’evidenza su come affrontare tali sfide e farlo rapidamente quando il tempo è essenziale».

Cos’è l’infodemia

Per infodemia, così come spiegato in una nota dagli esperti, si intende una sovrabbondanza di informazioni, accurate o meno, nello spazio digitale e fisico che accompagna un evento sanitario acuto come un’epidemia o un’epidemia. Le intuizioni infodemiche sono sviluppate attraverso la compilazione di narrazioni (descrizione di serie di eventi) che vengono generate attraverso varie fonti di dati, che vengono spesso catturate attraverso l’ascolto sociale. Questi approfondimenti sono presentati come rapporti che descrivono le narrazioni, il loro livello di rischio e identificano le azioni raccomandate di accompagnamento nella preparazione alle emergenze e nella prevenzione o risposta.

Le strategie di cambiamento del comportamento sociale

Questi rapporti di approfondimento sono stati utilizzati per informare le campagne di immunizzazione come per la poliomielite, il morbillo-rosolia e il ripristino dell’immunizzazione di routine, le risposte alle epidemie per Covid-19, Ebola, mpox e Marburg e altre emergenze. Forniscono un contesto importante per implementare strategie di cambiamento del comportamento sociale più efficaci, comunicazione e coinvolgimento della comunità colmando i vuoti di informazioni, affrontando la disinformazione, aiutando le persone a discernere meglio fonti credibili da fonti non credibili e promuovendo la fiducia negli operatori sanitari e nell’orientamento sanitario.

Identificare domande e preoccupazioni della comunità

Il manuale infodemic insights fornisce un approccio flessibile basato sulle fonti di dati disponibili. «Sappiamo che non tutti i dati sono online – dice Ephrem T. Lemango, Direttore Associato dell’Unicef per l’Immunizzazione – motivo per cui è utile avere un manuale di approfondimenti che ci aiuti a creare un processo per comprendere conversazioni, narrazioni e disinformazione attraverso il sistema sanitario online e offline e le fonti di dati sociali della comunità. Più ci avviciniamo al livello della comunità e identifichiamo le domande e le preoccupazioni sui vaccini, più su misura sarà la nostra domanda di vaccini e le strategie di cambiamento del comportamento sociale per garantire che tutti, ovunque, siano protetti dalle malattie prevenibili con il vaccino».

Le sei mosse

Il manuale dà quindi indicazioni per ciascuno dei sei passaggi necessari alla creazione di un report di approfondimento, che includono:

  1. Scegliere la domanda a cui gli approfondimento sulla gestione infodemica potrebbero aiutare a rispondere
  2. Identificare e selezionare le fonti di dati e sviluppare un piano di analisi per ciascuna fonte di dati
  3. Condurre un’analisi integrata tra queste fonti di dati
  4. Sviluppo di strategie e raccomandazioni
  5. Sviluppo di un report infodemico
  6. Diffusione del report infodemico e monitoraggio delle azioni intraprese

A chi si rivolge il manuale

Il manuale è progettato per essere utilizzato da persone in funzioni di gestione infodemica all’interno delle agenzie delle Nazioni Unite, istituti di sanità pubblica a livello nazionale, dipartimenti sanitari locali, organizzazioni di verifica dei fatti e organizzazioni basate sulla comunità. Sarà utile, spiegano quindi Oms e Unicef, per le persone con esperienza in analisi digitale, salute digitale, comunicazioni, scienze comportamentali, analisi delle informazioni sanitarie, promozione della salute, risposta alle emergenze e aree correlate nel contesto della salute pubblica. Nel manuale vengono forniti numerosi esempi, modelli e risorse per aiutare nel processo di sviluppo di approfondimenti infodemici, che possono essere applicati a una vasta gamma di argomenti relativi alla salute e allo sviluppo. 8Specifici allegati tematici, che saranno lanciati nei prossimi giorni, offrono poi ulteriori linee guida fornite da esperti per coprire la polio e la dose zero, la sicurezza dei vaccini, l’influenza stagionale e gli eventi di raccolta di massa.

INFODEMIC LAB

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Oltre la rarità: PSORIASI PUSTOLOSA GENERALIZZATA (prima puntata)

La psoriasi pustolosa generalizzata (Generalized Pustular Psoriasis o GPP) è una variante grave e rara della psoriasi. Si manifesta con la comparsa di pustole giallo-brune sterili in varie part...
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...