Sanità internazionale 20 Marzo 2023 13:33

Infodemia, da New York un esempio di sanità pubblica

INFODEMIC LAB | “Rispondere alla disinformazione è fondamentale. Una risposta solida è essenziale per l’equità sanitaria e per il benessere della comunità”. Sul come contrastare efficacemente disinformazione e infodemia ci arriva una bella storia di sanità pubblica da New York

Infodemia, da New York un esempio di sanità pubblica

In questi anni ci siamo interrogati in tanti su come comunicare meglio e in modo più efficace durante la pandemia. Sul come misurare i risultati delle iniziative comunicative sulla salute. Sul come contrastare efficacemente disinformazione e infodemia. Sul come andare oltre rispetto al post sui social, al comunicato stampa e al video mandato alle tv. Su come raggiungere un vero coinvolgimento e una reale partecipazione dei cittadini.

Infodemia ed esempi virtuosi

Di esempi da studiare ce ne sono tanti. C’è chi in Nigeria ha scelto di usare la radio per fare informazione sulla campagna vaccinale, ottenendo grandi risultati visto che è il mezzo più utilizzato, e chi ha costruito imponenti sistemi di AI per individuare preventivamente i filoni di disinformazione e che si stavano sviluppando sui social network. Ad ogni contesto, e ad ogni sfida comunicativa, i suoi strumenti.

Infodemia e sanità pubblica

Ma una consapevolezza spero sia emersa in modo chiaro e resti ben presente nel tempo: comunicazione del rischio in emergenza, gestione dell’infodemia e contrasto alla disinformazione sono una funzione fondamentale della sanità pubblica.

Lo dico citando il titolo di questa bella storia che arriva da NYC (“Combating Misinformation as a Core Function of Public Health”) che ci fornisce tanti spunti utili e tanti esempi concreti di azioni che si possono mettere in campo:

  • la constatazione che in alcune comunità i tassi di vaccinazione erano ancora troppo bassi;
  • la creazione di una “Misinformation Response Unit” che doveva essere temporanea ed è poi diventata permanente;
  • la collaborazione con centinaia di community leaders per creare messaggi migliori e opuscoli in lingua;
  • la ricerca delle fonti di disinformazione che esce dai media digitali e indaga anche sul campo, sui giornali locali, anche quelli in lingue straniere diffusi nelle varie comunità;
  • la ricerca sul campo che trova manifesti firmati dalla “Nation of Islam” nelle case popolari del Bronx che affermano che i vaccini sono una forma di controllo della popolazione, dichiarazioni in lingua russa a Brooklyn secondo cui i vaccini trasformano le persone in scimmie e falsi bollettini della polizia che screditano l’uso delle mascherine;
  • l’utilizzo di tecniche come “il sandwich della verità”;
  • la risposta alla richiesta di alcune comunità di aumentare la produzione di infografiche e storie personali;
  • la collaborazione dei social network;
  • tante iniziative di formazione specifiche sulla disinformazione e sulle tecniche per arginarla;
  • il coinvolgimento costante dei professionisti sanitari di quei quartieri, dei rappresentanti religiosi, le interviste ai dipendenti del municipio;

 

  • e tanto altro…

Una scelta di equità sanitaria

La morale la lasciamo a loro: “Rispondere alla disinformazione è fondamentale. Una risposta solida è essenziale per l’equità sanitaria e per il benessere della comunità”.

 

INFODEMIC LAB ITALIA

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...