Sanità internazionale 2 Luglio 2019

In Giappone 2mila specializzandi e ricercatori lavorano in ospedale gratis

Oltre 2mila medici giapponesi, soprattutto specializzandi e ricercatori, lavorano senza stipendio, contratto e assicurazione. È quanto emerge dai risultati di un sondaggio condotto in 50 ospedali universitari. Numeri che potrebbero crescere ulteriormente, considerato che all’appello mancano ancora i risultati del sondaggio di oltre 1300 medici. Gli esperti dicono che quella emersa è solo «la punta […]

Immagine articolo

Oltre 2mila medici giapponesi, soprattutto specializzandi e ricercatori, lavorano senza stipendio, contratto e assicurazione. È quanto emerge dai risultati di un sondaggio condotto in 50 ospedali universitari. Numeri che potrebbero crescere ulteriormente, considerato che all’appello mancano ancora i risultati del sondaggio di oltre 1300 medici. Gli esperti dicono che quella emersa è solo «la punta dell’iceberg», è solo una piccola parte di un fenomeno in realtà molto più ampio.

Sul tema è intervenuto il ministro dell’Istruzione Masahiko Shibayama che, come riportato da The Japan Times, ha commentato: «È una notizia spiacevole – ha detto – e adesso dobbiamo correggere la pratica di non remunerare i medici che dovrebbero essere pagati».

Una volta ricevuto il via libera dal Ministro, le università dovrebbero pagare i medici che non ricevono lo stipendio e rimborsare le ore non retribuite degli ultimi due anni, firmando inoltre i loro contratti di lavoro.

Non ricevendo uno stipendio, per potersi mantenere la maggior parte di questi professionisti è costretta a svolgere anche altri lavori part-time, arrivando quindi esausti a fine giornata, e addormentandosi spesso durante i turni in ospedale.

«Gli ospedali universitari hanno approfittato del nostro senso del dovere e ci hanno sfruttati», ha detto un medico trentenne di Tokyo che lavorava in ospedale a tempo pieno sei giorni a settimana, nonostante il suo contratto prevedesse solo 10 ore al mese. Per affrontare le spese, quindi, ha iniziato anche a lavorare di notte per 15 giorni al mese: «Ero costantemente stanco e assonnato. Un giorno, durante un intervento, stavo quasi per addormentarmi. È la vita dei pazienti, ad essere in pericolo, se la nostra stanchezza interferisce con il nostro lavoro».

LEGGI ANCHE: EX SPECIALIZZANDI, A ROMA L’APPELLO DA’ RAGIONE AI CAMICI BIANCHI. L’AVVOCATO MARCO TORTORELLA: «300MILA MEDICI ABBANDONATI DALLO STATO, ORA GIUSTIZIA»

Articoli correlati
Giappone, Abe vara l’aumento dell’IVA per pagare pensioni e sanità
L’invecchiamento della popolazione ha fatto aumentare i costi della previdenza sociale, per questo l’imposta sul valore aggiunto aumenterà dall’8 al 10%. Per l’erario 5,7 miliardi di Yen in più di gettito
Carenza medici, intersindacale boccia documento Regioni: «Unica soluzione è aprire concorsi a specializzandi»
Una nota dei sindacati della dirigenza medica e veterinaria contesta molte delle proposte emerse in Conferenza delle Regioni: «Un’ammucchiata, alcune sono palesemente indecenti, prive di una gerarchia di priorità»
Lombardia, da novembre oltre 1500 specializzandi in corsia. Gallera (Ass. Welfare): «Non faranno da tappabuchi ma saranno autonomi»
«Non sostituiranno i medici strutturati dal punto di vista dell’accreditamento, ma potranno lavorare nelle corsie, negli ambulatori, in sala operatoria sempre sotto il controllo di un tutor», sottolinea l’assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera
di Federica Bosco
Scuole di specializzazione, in tante senza accreditamento. Mazzacane (Cisl Medici Lombardia): «Urgono scelte oculate»
Il dato emerge dallo studio dell’Osservatorio Nazionale della Formazione Medica Specialistica e coinvolge atenei da nord a sud d’Italia. «Questo genera una fuga di camici bianchi verso l'estero. Opportuno rivedere tutto il sistema con una nuova sinergia tra Sistema Sanitario e Università» sostiene Danilo Mazzacane, segretario generale Cisl Medici Lombardia
di Federica Bosco
Specializzandi in corsia, Rossi (OMCeO Milano): «Bene i 2mila della Lombardia, ma si punti alla formazione non a usarli come tappabuchi…»
In Lombardia ben 2mila specializzandi in corsia per arginare la carenza di camici bianchi a partire dal prossimo mese di ottobre. Quella che, da un lato, potrebbe sembrare una buona notizia, dall’altra sembra aver generato qualche preoccupazione nella categoria già scossa dal “caso Veneto”
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Salute

Super batterio New Delhi, nuova vittima in Toscana. Rezza (ISS): «Colonizza l’intestino, fondamentale rispettare prassi igienico-ospedaliere»

L’epidemia si sta allargando nella Regione. «Tra novembre 2018 e agosto 2019 è stato isolato nel sangue di 75 pazienti. Letale nel 40% dei pazienti con sepsi» specifica l’Ars Toscana. Rezza (Is...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...