Sanità internazionale 8 febbraio 2018

‘Effetto Robin Williams’: in Usa +10% di suicidi dopo la morte dell’attore

Nei 5 mesi successivi alla morte di Robin Williams, avvenuta nel 2014, i ricercatori della Mailman School of Public Health della Columbia University hanno documentato un aumento del 10% dei suicidi negli Stati Uniti. E questo in particolare fra gli uomini di età compresa tra 30 e 44 anni. Fra gli eventi registrati, c’è stato […]

Nei 5 mesi successivi alla morte di Robin Williams, avvenuta nel 2014, i ricercatori della Mailman School of Public Health della Columbia University hanno documentato un aumento del 10% dei suicidi negli Stati Uniti. E questo in particolare fra gli uomini di età compresa tra 30 e 44 anni. Fra gli eventi registrati, c’è stato un aumento del 32% nei suicidi da soffocamento, lo stesso metodo utilizzato dal protagonista di ‘Mrs. Doubtfire’ e ‘L’attimo fuggente’ per togliersi la vita. I risultati sono riportati online sulla rivista Plos One.

«La nostra ricerca ha dimostrato che il numero di suicidi aumenta dopo che una celebrità di alto profilo come Williams sorprende l’opinione pubblica con un gesto estremo. Questo è il primo studio, a nostra conoscenza, che ha esaminato questo effetto», precisa l’epidemiologo David Fink. Secondo i ricercatori, fra agosto e dicembre 2014 erano attesi (sulla base delle statistiche standard precedenti) 16.449 suicidi, rispetto ai 18.690 riportati nel corso di questi mesi, successivi alla morte di Williams.

«Anche se non possiamo determinare con certezza che questi decessi siano attribuibili alla morte dell’amato attore, abbiamo riscontrato sia un rapido aumento dei suicidi nell’agosto 2014, che specificamente una progressione di suicidi per asfissia», ha osservato Fink. L’esperto evidenzia infine l’importanza dei social media come un nuovo ed emergente fattore di rischio, a causa del modo e della quantità di dettagli con cui le informazioni vengono diffuse dopo la morte di una celebrità. Ad esempio, nel caso del suicidio di Kurt Cobain nel 1994, ci fu un minimo cambiamento nei tassi di suicidio. «La morte di Williams potrebbe aver fornito lo stimolo necessario ai segmenti ad alto rischio della popolazione americana, in particolare gli uomini di mezza età, per passare dall’ideazione suicidaria al tentativo concreto» ha spiegato.

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK

Articoli correlati
Pazienti a rischio suicidio, come prevenire e superare shock. Innamorati (psicoterapeuta): «Occorre formazione per tutti reparti»
«Non bisogna pensare che solo i pazienti ricoverati in psichiatria possono compiere gesti estremi, per questo tutti i medici e gli operatori – di qualsiasi settore - devono essere preparati» ai microfoni di Sanità Informazione Marco Innamorati, psicologo e psicoterapeuta
Suicidio, in Italia 4200 casi l’anno. Appello degli psichiatri al Ministro Grillo: più attenzione alla prevenzione
In corso a Roma il convegno internazionale di suicidologia e salute pubblica. Pompili (Sapienza): «Attenzione a chi parla di suicidio, soffre di abitudini alterate del sonno o si cimenta in sport ad alto rischio». Rihmer (Università Semmelweis di Budapest): «Il suicidio si può prevenire come il trattamento dell’ipertensione previene l’ictus»
Sanità internazionale
Quanto costa un medico stressato?
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila