Sanità internazionale 8 Febbraio 2018 12:29

‘Effetto Robin Williams’: in Usa +10% di suicidi dopo la morte dell’attore

Nei 5 mesi successivi alla morte di Robin Williams, avvenuta nel 2014, i ricercatori della Mailman School of Public Health della Columbia University hanno documentato un aumento del 10% dei suicidi negli Stati Uniti. E questo in particolare fra gli uomini di età compresa tra 30 e 44 anni. Fra gli eventi registrati, c’è stato […]

Nei 5 mesi successivi alla morte di Robin Williams, avvenuta nel 2014, i ricercatori della Mailman School of Public Health della Columbia University hanno documentato un aumento del 10% dei suicidi negli Stati Uniti. E questo in particolare fra gli uomini di età compresa tra 30 e 44 anni. Fra gli eventi registrati, c’è stato un aumento del 32% nei suicidi da soffocamento, lo stesso metodo utilizzato dal protagonista di ‘Mrs. Doubtfire’ e ‘L’attimo fuggente’ per togliersi la vita. I risultati sono riportati online sulla rivista Plos One.

«La nostra ricerca ha dimostrato che il numero di suicidi aumenta dopo che una celebrità di alto profilo come Williams sorprende l’opinione pubblica con un gesto estremo. Questo è il primo studio, a nostra conoscenza, che ha esaminato questo effetto», precisa l’epidemiologo David Fink. Secondo i ricercatori, fra agosto e dicembre 2014 erano attesi (sulla base delle statistiche standard precedenti) 16.449 suicidi, rispetto ai 18.690 riportati nel corso di questi mesi, successivi alla morte di Williams.

«Anche se non possiamo determinare con certezza che questi decessi siano attribuibili alla morte dell’amato attore, abbiamo riscontrato sia un rapido aumento dei suicidi nell’agosto 2014, che specificamente una progressione di suicidi per asfissia», ha osservato Fink. L’esperto evidenzia infine l’importanza dei social media come un nuovo ed emergente fattore di rischio, a causa del modo e della quantità di dettagli con cui le informazioni vengono diffuse dopo la morte di una celebrità. Ad esempio, nel caso del suicidio di Kurt Cobain nel 1994, ci fu un minimo cambiamento nei tassi di suicidio. «La morte di Williams potrebbe aver fornito lo stimolo necessario ai segmenti ad alto rischio della popolazione americana, in particolare gli uomini di mezza età, per passare dall’ideazione suicidaria al tentativo concreto» ha spiegato.

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK

Articoli correlati
Giornata mondiale prevenzione suicidio, Telefono Amico Italia: «Richieste di aiuto raddoppiate a causa del Covid»
La presidente dell'Associazione: «500 volontari ogni giorno per rispondere alle richieste di auto. Importante trovare l’interlocutore giusto». De Leo, psicoterapeuta ideatore della giornata: «Incubo povertà dietro l’angolo. Per vincere la depressione importante restare uniti»
di Federica Bosco
Infermiera suicida al San Gerardo di Monza. Fnopi: «COVID-19 colpisce anche così»
La Federazione degli infermieri piange la scomparsa di una giovane collega: «L’episodio terribile, purtroppo, non è il primo dall’inizio dell’emergenza. È sotto gli occhi di tutti la condizione e lo stress a cui i nostri professionisti sono sottoposti. Ne riparleremo quando l’emergenza sarà passata»
Salute mentale, fatti e cifre contro lo stigma. Nel 2017 oltre 851mila persone in cura
“Non c’è salute senza salute mentale” afferma l’Organizzazione mondiale della sanità. La salute mentale è infatti parte integrante della salute e del benessere e ad essa è dedicata la Giornata mondiale che si celebra ogni anno il 10 ottobre. L’obiettivo è sensibilizzare la popolazione sull’importanza della diagnosi precoce e favorire l’accesso alle cure, aiutando a […]
Nel mondo un suicidio ogni 40 secondi. I dati OMS
«Nonostante i progressi compiuti in questi anni, ogni 40 secondi una persona si suicida». Alla vigilia della Giornata mondiale per la prevenzione del suicidio, il direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus lancia l’allarme. Sono solo 38 infatti i Paesi al mondo che hanno dato vita a delle strategie di prevenzione. «Di più […]
Pazienti a rischio suicidio, come prevenire e superare shock. Innamorati (psicoterapeuta): «Occorre formazione per tutti reparti»
«Non bisogna pensare che solo i pazienti ricoverati in psichiatria possono compiere gesti estremi, per questo tutti i medici e gli operatori – di qualsiasi settore - devono essere preparati» ai microfoni di Sanità Informazione Marco Innamorati, psicologo e psicoterapeuta
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 aprile, sono 138.278.420 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.973.058 i decessi. Ad oggi, oltre 825,09 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...