Sanità internazionale 8 Aprile 2019

Donazione organi, il ddl tedesco per renderla automatica

Il ministro della Salute tedesco Jens Spahn ha presentato una proposta di legge che rende automaticamente tutti i cittadini della Germania donatori di organi. A meno che non esprimano esplicitamente la loro volontà di non donare. Una misura, come riportato dal Deutsche Welle, ritenuta da più parti drastica ma necessaria per far fronte alla carenza di […]

Immagine articolo

Il ministro della Salute tedesco Jens Spahn ha presentato una proposta di legge che rende automaticamente tutti i cittadini della Germania donatori di organi. A meno che non esprimano esplicitamente la loro volontà di non donare.

Una misura, come riportato dal Deutsche Welle, ritenuta da più parti drastica ma necessaria per far fronte alla carenza di organi che ha investito il Paese. Ad ogni modo, il ddl prevede che la famiglia possa revocare il consenso alla donazione dopo la morte del parente e, nel caso sia dichiarata la morte cerebrale, i medici dovranno consultarne i relativi prima della rimozione di qualunque organo.

«Non si tratta di donazione obbligatoria – ha spiegato Spahn, dell’Unione cristiano-democratica (CDU) di Angela Merkel, durante una conferenza stampa -. 20 dei 28 Paesi dell’Unione europea hanno un sistema simile. Tutto quello che abbiamo provato finora non è servito ad aumentare il numero dei donatori».

La proposta è stata appoggiata anche dal partito socialdemocratico (SPD), per il quale non è accettabile che ogni anno migliaia di persone muoiono in attesa di un organo: «Le liste d’attesa sono dieci volte più lunghe dell’elenco delle persone che ricevono un trapianto d’organo», ha specificato Karl Lauterbach, responsabile della sanità del SPD.

I verdi, la destra e i conservatori del CSU stanno invece lavorando ad una controproposta che mantiene il sistema di donazione volontario ma prevede maggiori possibilità di dichiarare l’intenzione di donare i propri organi: al rinnovo della carta d’identità, per esempio, oppure dal medico.

Sarà ora il Bundestag a discutere le due proposte.

LEGGI ANCHE: DONAZIONI, LA STORIA DI MARCO GALBIATI: «HO TROVATO SERENITA’ DOPO AVER CONOSCIUTO LA PERSONA CON IL RENE DI MIO FIGLIO RICCARDO»

Articoli correlati
Storie di camici bianchi reclutati in Italia per lavorare in Germania: posto fisso, stipendi più alti e meritocrazia
Quello di Beatrice è un racconto simile a tanti camici in fuga. Mentre nel Belpaese la carenza dei sanitari resta cronica, le agenzie di reclutamento straniere organizzano incontri per assumere i nostri giovani professionisti (costati allo Stato oltre 120 mila euro)
di Peter D'Angelo
Covid-19 nel mondo. In Germania Rt a 2.88, l’India requisisce gli hotel di lusso per i pazienti
Il focolaio nel mattatoio riporta la Germania indietro di due mesi nell'indice di trasmissione. In Brasile e Bolivia gli ospedali sono pieni, mentre gli indigeni perdono i loro anziani a causa del virus
Coronavirus, medici tedeschi posano nudi: «Mancano dispositivi di protezione»
La singolare protesta dei camici bianchi ha fatto il giro del mondo: «La nudità è un simbolo di quanto siamo vulnerabili senza i Dpi»
Donazione organi, Provenza (M5S): «Tenere riflettori accesi sul tema. Vigileremo su attuazione decreto ministeriale»
Il deputato Cinque Stelle ha partecipato alla presentazione del libro “Cuore segreto” di Luca Vargiu, dedicato al tema dei trapianti. «Troppo tempo è stato perso: è ora che nel nostro Paese si raggiunga questo importante traguardo, anche culturale» sottolinea l’esponente M5S
Trapianti, Rostan (LeU): «Mancano decreti attuativi per donazione organi, interrogazione al ministro Grillo»
La vicepresidente della Commissione Affari Sociali sostiene la petizione di un gruppo di pazienti dell’ospedale Monaldi di Napoli, in lista di attesa per un trapianto di cuore, che hanno lanciato un appello pubblico che ha raccolto ben 70mila adesioni affinchè si proceda con la piena attuazione della legge 1° aprile 1999, n. 91
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare