Sanità internazionale 11 Febbraio 2020

Coronavirus, la Cina lancia una App per sapere se si è a rischio contagio

Una applicazione per sapere se si è stati a stretto contatto con chi è risultato contagiato dal coronavirus o rientra tra i casi sospetti. È stata lanciata in Cina, e se la risposta è affermativa, è la tecnologia stessa a consigliare all’utente di rimanere a casa e di informare le autorità sanitarie. Secondo quanto riportato […]

Una applicazione per sapere se si è stati a stretto contatto con chi è risultato contagiato dal coronavirus o rientra tra i casi sospetti. È stata lanciata in Cina, e se la risposta è affermativa, è la tecnologia stessa a consigliare all’utente di rimanere a casa e di informare le autorità sanitarie.

Secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa cinese Xinhua e rilanciato dai principali media internazionali, gli utenti fotografano un QR code presente su applicazioni popolari come WeChat e QQ e inseriscono il proprio nome, numero di telefono e fino a tre documenti di identità per ogni utente. Sarà quindi il sistema ad incrociare i dati forniti dalle autorità sanitarie e dei trasporti per informare l’utente se è a rischio contagio.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, GALLI (SACCO): «IN ITALIA SITUAZIONE SOTTO CONTROLLO, MISURE ASSUNTE STANNO CONTENENDO FENOMENO»

Sviluppata da diverse agenzie governative insieme al Gruppo “China Electronics Technology”, secondo la BBC e la CNBC si tratterebbe «dell’ultimo esempio di come Pechino stia cercando di sfruttare il sistema di sorveglianza sulla popolazione per contenere l’epidemia di coronavirus».

«Si tratta di una App ritenuta particolarmente utile dalle persone – ha commentato alla BBC l’avvocato di Hong Kong Carolyn Bigg -. Dimostra quanto forte possa essere il potere dei dati. E in Asia non c’è la concezione della protezione dei dati personali, che non sono visti come qualcosa da tenere chiuso in un cassetto. Possono e devono essere utilizzati in modo trasparente».

E mentre imperversano le notizie sui dubbi di alcuni scienziati ed esperti in merito ai veri numeri del contagio in Cina, il rapporto specifica cosa si intende per “contatto stretto” ed elenca, quindi, quali sono le persone da cui è più possibile essere contagiati:

  • Persone con cui si lavora, studia o abita;
  • Familiari, operatori sanitari e chiunque sia stato a contatto con pazienti e loro caregiver;
  • I passeggeri ed i membri dell’equipaggio di aerei, treni o altri mezzi di trasporto che abbiano viaggiato insieme ad una persona infetta.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Coronavirus e influenza, la sfida della diagnosi differenziale fra urgenze e necessità di precisione
Cauda (Gemelli): «Secondo uno studio il 25% dei francesi non ha alcuna intenzione di sottoporsi alla vaccinazione contro il coronavirus. Servirà uno sforzo importante da parte di infettivologi e medici di famiglia»
di Tommaso Caldarelli
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 647.674 (31.084 in più rispetto a ieri). 215.085 i […]
Identificato e colpito il tallone di Achille del SARS-CoV-2. Lo studio della Sapienza
I risultati del lavoro, in pubblicazione sulla rivista Pharmacological Research, aprono la strada a strategie innovative per la terapia medica di questo tipo di infezioni virali
Coronavirus, Oms: «Crescita record, 2,2 milioni di nuovi casi in una settimana»
Dal 30 dicembre 2019 all'11 ottobre, inoltre, sono stati segnalati oltre 37 milioni di casi di Covid-19 e 1 milione di decessi in tutto il mondo
«Contro il Covid non siamo stati eroi: impariamo dagli errori per affrontare la seconda ondata». Intervista a Riccardo Iacona
Il noto giornalista è autore del libro “Mai più eroi in corsia. Cosa ha insegnato il coronavirus al Ssn”. E sui negazionisti: «C’è una parte che fa politica su questa emergenza in maniera abbastanza orripilante»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...