Sanità internazionale 11 Febbraio 2020

Coronavirus, la Cina lancia una App per sapere se si è a rischio contagio

Una applicazione per sapere se si è stati a stretto contatto con chi è risultato contagiato dal coronavirus o rientra tra i casi sospetti. È stata lanciata in Cina, e se la risposta è affermativa, è la tecnologia stessa a consigliare all’utente di rimanere a casa e di informare le autorità sanitarie. Secondo quanto riportato […]

Una applicazione per sapere se si è stati a stretto contatto con chi è risultato contagiato dal coronavirus o rientra tra i casi sospetti. È stata lanciata in Cina, e se la risposta è affermativa, è la tecnologia stessa a consigliare all’utente di rimanere a casa e di informare le autorità sanitarie.

Secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa cinese Xinhua e rilanciato dai principali media internazionali, gli utenti fotografano un QR code presente su applicazioni popolari come WeChat e QQ e inseriscono il proprio nome, numero di telefono e fino a tre documenti di identità per ogni utente. Sarà quindi il sistema ad incrociare i dati forniti dalle autorità sanitarie e dei trasporti per informare l’utente se è a rischio contagio.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, GALLI (SACCO): «IN ITALIA SITUAZIONE SOTTO CONTROLLO, MISURE ASSUNTE STANNO CONTENENDO FENOMENO»

Sviluppata da diverse agenzie governative insieme al Gruppo “China Electronics Technology”, secondo la BBC e la CNBC si tratterebbe «dell’ultimo esempio di come Pechino stia cercando di sfruttare il sistema di sorveglianza sulla popolazione per contenere l’epidemia di coronavirus».

«Si tratta di una App ritenuta particolarmente utile dalle persone – ha commentato alla BBC l’avvocato di Hong Kong Carolyn Bigg -. Dimostra quanto forte possa essere il potere dei dati. E in Asia non c’è la concezione della protezione dei dati personali, che non sono visti come qualcosa da tenere chiuso in un cassetto. Possono e devono essere utilizzati in modo trasparente».

E mentre imperversano le notizie sui dubbi di alcuni scienziati ed esperti in merito ai veri numeri del contagio in Cina, il rapporto specifica cosa si intende per “contatto stretto” ed elenca, quindi, quali sono le persone da cui è più possibile essere contagiati:

  • Persone con cui si lavora, studia o abita;
  • Familiari, operatori sanitari e chiunque sia stato a contatto con pazienti e loro caregiver;
  • I passeggeri ed i membri dell’equipaggio di aerei, treni o altri mezzi di trasporto che abbiano viaggiato insieme ad una persona infetta.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Coronavirus, allo studio il “certificato di immunità” per tornare gradualmente al lavoro
Il progetto è curato dal team di Sergio Rosati, ordinario di malattie infettive del Dipartimento di scienze veterinarie dell'Università di Torino. Operatori sanitari i primi a poter beneficiare di questa possibilità
Coronavirus, il ministero della Salute: «Al via bando per la ricerca su Covid-19»
«Ciascun progetto selezionato potrà ricevere fino ad un milione di euro, dei 7 milioni complessivamente stanziati» spiega il ministero. Speranza: «Priorità alle proposte in grado di evidenziare, già nella presentazione dei dati preliminari, l’applicabilità dei risultati ai processi di cura»
Covid-19, De Leo (OMCeO Milano): «Attendiamo ok a limitazione responsabilità professionale, ma si valuti indennizzo statale a vittime»
Giuseppe De Leo, consigliere dell'Ordine dei Medici di Milano e medico legale: «Equo indennizzo taglierebbe sul nascere il filone della richiesta risarcitoria e potrebbe essere più conveniente». Poi aggiunge: «Intervento ordinistico per chi non rispetta i doveri della scienza»
di Federica Bosco
Coronavirus, Conte (psicologi): «Numero verde Regione Lazio importante supporto ai cittadini»
«Accogliamo con grande favore la decisione dell’Assessore alla Salute D’Amato di attivare un servizio di assistenza psicologica per i cittadini, disponibile al numero verde 800.118.800». Così in una nota Federico Conte, Presidente dell’Ordine degli Psicologi del Lazio. LEGGI ANCHE: ANSIA, DEPRESSIONE E OSSESSIONI DA CORONAVIRUS. CONTE (ORDINE PSICOLOGI LAZIO): «COSÌ RISPONDIAMO ALLE ESIGENZE DEI CITTADINI» […]
Inquinamento domestico 5 volte maggiore di quello esterno: 10 indicazioni utili per una quarantena più sana
Areare gli ambienti 2-3 volte al giorno, non fumare al chiuso ed evitare accumuli di polvere i consigli degli esperti. Online Il corso FAD “Habitat. Medicina ambientale e patologie correlate”, promosso da Consulcesi Club
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 aprile, sono 1.016.534 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 53.164 i decessi e 211.856 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollett...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...