Sanità internazionale 11 Giugno 2018 12:25

AAA, cercansi 10mila medici in Arabia Saudita

Prima dell’arrivo del 2020, l’Arabia Saudita avrà bisogno di 10mila medici. E di altri 20mila camici bianchi entro il 2030. Secondo gli esperti di Oxford Economics che hanno condotto lo studio, sono questi i numeri necessari per far fronte all’insufficienza di posti letto e alla crescita della popolazione cui il Paese assisterà nei prossimi anni. […]

AAA, cercansi 10mila medici in Arabia Saudita

Prima dell’arrivo del 2020, l’Arabia Saudita avrà bisogno di 10mila medici. E di altri 20mila camici bianchi entro il 2030. Secondo gli esperti di Oxford Economics che hanno condotto lo studio, sono questi i numeri necessari per far fronte all’insufficienza di posti letto e alla crescita della popolazione cui il Paese assisterà nei prossimi anni.

Sono due le strade che si possono percorrere per affrontare questa carenza: formare più medici ed infermieri locali o attrarre professionisti stranieri, magari rendendo più semplice le procedure per ottenere il visto. «La maggior parte del personale sanitario – ha dichiarato ad Arab News Mansoor Ahmed, direttore del dipartimento sanità e formazione di Colliers International – dopo un paio di anni passati in Arabia Saudita migra in Paesi occidentali dove trova maggiori opportunità formative e di carriera. Per evitare questo fenomeno e incentivare medici e infermieri a rimanere nel Paese, soprattutto ora che il loro contributo è necessario, è fondamentale che il governo istituisca un percorso formativo finalizzato al lavoro, oltre che attrarre risorse qualificate dall’estero».

Per poter agire efficacemente, bisogna considerare, inoltre, la nuova composizione della popolazione: «Tra il 2015 ed il 2050 – continua Mansoor Ahmed – in Arabia Saudita nasceranno 21 milioni di bambini. Sarà quindi necessario un numero molto grande di strutture e personale dedicato a loro: ostetriche, ginecologi e pediatri. Inoltre le aspettative di vita si stanno allungando, e presto serviranno più strutture di assistenza a lungo termine per gli anziani». Per lo stesso motivo serviranno geriatri e oncologi.

Secondo la dottoressa Camille Sirgi del Consiglio d’Amministrazione dell’ospedale Bareen di Abu Dhabi, l’Arabia Saudita dovrebbe seguire l’esempio degli Emirati Arabi Uniti, che lo scorso mese hanno annunciato la possibilità di richiedere visti a lungo termine, fino a 10 anni, per investitori e specialisti, medici inclusi, attraendo così talenti dall’estero e inducendone un trasferimento più permanente. È inoltre convinta del fatto che sia necessario istituire più college e università per formare talenti sauditi, offrendo magari a coloro che decidono di studiare medicina incentivi finanziari e sussidi.

E se nelle aree metropolitane la carenza riguarda soprattutto gli specialisti, nelle zone rurali mancano anche le strutture sanitarie primarie: «Ci dovrebbero essere più programmi per sviluppare la sanità delle piccole città e delle regioni più remote – ha sottolineato un’infermiera australiana che lavora in Arabia Saudita». A questi, si dovrebbe aggiungere anche una maggiore educazione della popolazione su stili di vita salutari e su come prendersi cura di se stessi, in modo da ridurre il numero di malati e rendere la carenza di posti letto meno critica.

LEGGI ANCHE: CARENZA MEDICI, SAITTA (CONF. REGIONI): «SE IL GOVERNO NON SAPRÀ EVITARLA, LE REGIONI ORGANIZZERANNO OFFERTA FORMATIVA PER CONTO PROPRIO» 

Articoli correlati
PharmExpo 2021, a Napoli le nuove frontiere della farmaceutica tra formazione e innovazione
Tre giorni di kermesse con i principali attori del sistema. Protagonisti la farmacia dei servizi e il ruolo centrale del farmacista nel panorama sanitario
Ecm, Foschi (Cic): «Dal Covid grande insegnamento su utilità formazione a distanza»
Tra poco più di un mese scadrà la proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019. Il presidente del Collegio italiano dei chirurghi: «L’invito è tornare ad una vita normale anche professionale. Giusto riprendere verifiche e meccanismi di superamento degli ostacoli»
Aprilia, voragine Medicina Generale: nel Comune nessun medico di famiglia disponibile
Regione e Fimmg Lazio al lavoro per trovare soluzioni. L’OMCeO pontino: «Scontiamo errori atavici di programmazione»
Professioni Sanitarie in Campania, in due atenei mancano i profili nell’organico dei corsi di laurea
L’allarme del presidente Ordine TSRM PSTRP Napoli Avellino Benevento Caserta: «A rischio la validità della formazione nei tirocini professionalizzanti»
Consulta ECM all’ultimo miglio, i provider ci sono
La conferma è arrivata nel webinar promosso dall’Associazione Provider ‘Formazione nella Sanità’. Monaco (FNOMCeO): «Ridiamo centralità all’obbligo formativo anche attraverso provvedimenti e sanzioni». De Pascale (Co.Ge.APS): «In collaborazione con gli Ordini, attivato il controllo del curriculum Ecm di ogni singolo professionista»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 novembre, sono 262.221.568 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.208.466 i decessi. Ad oggi, oltre 7,95 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano