Sanità internazionale 11 giugno 2018

AAA, cercansi 10mila medici in Arabia Saudita

Prima dell’arrivo del 2020, l’Arabia Saudita avrà bisogno di 10mila medici. E di altri 20mila camici bianchi entro il 2030. Secondo gli esperti di Oxford Economics che hanno condotto lo studio, sono questi i numeri necessari per far fronte all’insufficienza di posti letto e alla crescita della popolazione cui il Paese assisterà nei prossimi anni. […]

Immagine articolo

Prima dell’arrivo del 2020, l’Arabia Saudita avrà bisogno di 10mila medici. E di altri 20mila camici bianchi entro il 2030. Secondo gli esperti di Oxford Economics che hanno condotto lo studio, sono questi i numeri necessari per far fronte all’insufficienza di posti letto e alla crescita della popolazione cui il Paese assisterà nei prossimi anni.

Sono due le strade che si possono percorrere per affrontare questa carenza: formare più medici ed infermieri locali o attrarre professionisti stranieri, magari rendendo più semplice le procedure per ottenere il visto. «La maggior parte del personale sanitario – ha dichiarato ad Arab News Mansoor Ahmed, direttore del dipartimento sanità e formazione di Colliers International – dopo un paio di anni passati in Arabia Saudita migra in Paesi occidentali dove trova maggiori opportunità formative e di carriera. Per evitare questo fenomeno e incentivare medici e infermieri a rimanere nel Paese, soprattutto ora che il loro contributo è necessario, è fondamentale che il governo istituisca un percorso formativo finalizzato al lavoro, oltre che attrarre risorse qualificate dall’estero».

Per poter agire efficacemente, bisogna considerare, inoltre, la nuova composizione della popolazione: «Tra il 2015 ed il 2050 – continua Mansoor Ahmed – in Arabia Saudita nasceranno 21 milioni di bambini. Sarà quindi necessario un numero molto grande di strutture e personale dedicato a loro: ostetriche, ginecologi e pediatri. Inoltre le aspettative di vita si stanno allungando, e presto serviranno più strutture di assistenza a lungo termine per gli anziani». Per lo stesso motivo serviranno geriatri e oncologi.

Secondo la dottoressa Camille Sirgi del Consiglio d’Amministrazione dell’ospedale Bareen di Abu Dhabi, l’Arabia Saudita dovrebbe seguire l’esempio degli Emirati Arabi Uniti, che lo scorso mese hanno annunciato la possibilità di richiedere visti a lungo termine, fino a 10 anni, per investitori e specialisti, medici inclusi, attraendo così talenti dall’estero e inducendone un trasferimento più permanente. È inoltre convinta del fatto che sia necessario istituire più college e università per formare talenti sauditi, offrendo magari a coloro che decidono di studiare medicina incentivi finanziari e sussidi.

E se nelle aree metropolitane la carenza riguarda soprattutto gli specialisti, nelle zone rurali mancano anche le strutture sanitarie primarie: «Ci dovrebbero essere più programmi per sviluppare la sanità delle piccole città e delle regioni più remote – ha sottolineato un’infermiera australiana che lavora in Arabia Saudita». A questi, si dovrebbe aggiungere anche una maggiore educazione della popolazione su stili di vita salutari e su come prendersi cura di se stessi, in modo da ridurre il numero di malati e rendere la carenza di posti letto meno critica.

LEGGI ANCHE: CARENZA MEDICI, SAITTA (CONF. REGIONI): «SE IL GOVERNO NON SAPRÀ EVITARLA, LE REGIONI ORGANIZZERANNO OFFERTA FORMATIVA PER CONTO PROPRIO» 

Articoli correlati
Dissezione su cadavere, l’eccellenza all’università di Bologna: 400 metri quadri al servizio di studenti, chirurghi e ricercatori
L’Italia ferma ad un Regio Decreto del 1933. Ad ottobre 2018, Pierpaolo Sileri (M5S) ha presentato un disegno di legge in tema disposizione del proprio corpo e dei tessuti post mortem a fini di studio, di formazione e di ricerca scientifica
di Isabella Faggiano
Accademia dei pazienti-Eupati Italia, il paziente “esperto” affianca il medico nel percorso terapeutico
Informazione, formazione e competenza: un paziente preparato e consapevole supporta il professionista sanitario con la sua esperienza diretta di malattia, veicola le necessità degli altri ed aiuta ad arginare il fenomeno della disinformazione in salute
San Valentino, le tecniche antistress che salvano l’amore: una vita di coppia sana passa anche dalla regola delle tre “C”
La dottoressa Serena Missori, endocrinologa e nutrizionista: «Consapevolezza, conoscenza e coscienza per stare bene con se stessi e con il partner. Così lo stress da nemico diventa alleato». On line il primo ebook "Antistress: teoria e pratica”
Fondo sanitario, Regioni approvano riparto 2019. Antonio Saitta: «SSN sottofinanziato, in nuovo Patto della Salute risorse certe»
Alla Conferenza delle Regioni suddiviso il Fondo di 111,2 miliardi. Il Presidente Stefano Bonaccini: «Così diamo un contributo importante alle successive azioni del ministero e consentiamo alle Regioni di avviare una programmazione in tempi certi». Sul tema dell’autonomia differenziata posizioni diverse dei governatori. L’Assessore alla Sanità del Piemonte: Su alcune materie, come la formazione, non possiamo stare con le mani in mano. Servino regole certe»
Libera professione, Cimo: « Un affare per le aziende sanitarie. Medici estranei a liste d’attesa»
Una chiara e pubblica smentita delle demagogiche argomentazioni contro i medici e l’esercizio della libera professione. È quanto emerge, secondo il sindacato dei medici CIMO, dalla relazione al Parlamento sulla libera professione del Ministero della Salute, le cui rilevazioni sulle attività ospedaliere in libera professione evidenziano nonostante la diminuzione di queste ultime, il contestuale aumento […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...