Sanità internazionale 3 Dicembre 2018

Cattolica di Tirana, in Albania nascono tanti medici italiani. Il Rettore Giardina: «Da noi cattolici, ortodossi e musulmani: qua si realizza un vero scambio culturale»

«La selezione a Medicina è paragonabile a quella che si può avere in Italia, anche più severa. Quest’anno si sono iscritti a fare l’esame circa un migliaio di persone e i posti a disposizione erano 50», spiega Giardina. È l’unica università straniera che rilascia titoli congiunti, ossia validi sia in Albania che in Italia, senza seguire ulteriori iter burocratici

C’è uno spicchio d’Italia al di là dell’Adriatico dove tanti studenti, anche di Medicina, decidono di approdare per prendere la laurea. È l’Università Cattolica “Nostra Signora del Buon Consiglio di Tirana, in Albania, l’unica università straniera che rilascia titoli congiunti, ossia validi sia in Albania che in Italia, senza seguire ulteriori iter burocratici.

«Nella nostra università ci sono cattolici, ortodossi e musulmani: si convive in pace e si può attuare un intenso e importante scambio culturale», sottolinea il Rettore Bruno Giardina, biochimico ed ex Direttore del Dipartimento di Diagnostica e Medicina di laboratorio del Policlinico Gemelli di Roma.

Tanti italiani sono attirati dal paese delle Aquile che negli ultimi anni sta vivendo una stagione particolarmente positiva. Per gli studenti di Medicina la Cattolica di Tirana rappresenta una ulteriore possibilità per passare lo sbarramento dei test di accesso, anche se la selezione a Tirana non è affatto scontata: «La selezione – spiega Giardina – è paragonabile a quella che si può avere in Italia, anche più severa. Quest’anno si sono iscritti a fare l’esame circa un migliaio di persone e i posti a disposizione erano 50».

L’ateneo è l’unico straniero dove si insegna in italiano. La Facoltà di Medicina dell’Università Cattolica collabora con l’Università Tor Vergata di Roma con la quale condivide gran parte dei docenti e lo stesso piano di studi.

Rettore, anche in Albania c’è il test di ingresso a Medicina?

«Certo. I numeri ce li dettano anche gli albanesi. Non è che possiamo inserire studenti senza limiti. Per quanto riguarda gli italiani, il numero viene stabilito dal Miur e dall’Università di Tor Vergata».

Sono tanti gli italiani che vengono da voi?

«Tanti italiani vengono qui, è una possibilità in più in aggiunta ai test delle università statali e delle università private. La selezione è paragonabile a quella che si può avere in Italia, anche più severa. Quest’anno si sono iscritti a fare l’esame circa un migliaio di persone e i posti a disposizione erano 50».

Nella sua università ci sono studenti di diverse fedi religiose…

«Sì, ci sono studenti cattolici, ortodossi e musulmano. È una cosa molto bella, è un campus dove si può attuare uno scambio culturale importante da tutti i punti di vista. È bello che non ci sia una palese ostilità di uno verso l’altro.

I docenti sono italiani?

«I docenti a Medicina sono al 95% italiani. È l’unica università straniera insegnata in italiano. È importante perché rappresenta un esempio di italianità che viene preso a modello dagli albanesi che ci amano molto: dovremmo cercare di coltivare questo rapporto».

Articoli correlati
Aumento posti Medicina, il Segretariato Italiano Studenti in Medicina: «Preoccupati per qualità formazione»
«Ad oggi, ribadiamo che l’accesso a Medicina deve seguire il modello a numero programmato e l’abilitazione alla professione medica deve integrarsi perfettamente al percorso universitario dello studente». Così Manfredi Greco, presidente SISM
Numero chiuso, 1800 posti in più per Medicina. Ecco tutte le novità e la suddivisione per ateneo
Il Miur ha comunicato i posti disponibili per le immatricolazioni ai corsi di laurea a numero chiuso e la suddivisione per ateneo. Per medicina un incremento del 18%: si passa dai 9.779 dello scorso anno agli 11.568 di quest'anno. Bussetti: «Con l'aumento dei posti promesse mantenute. A questo corrisponda anche un incremento delle borse di specializzazione mediche»
Aumento posti a Medicina, Anelli (FNOMCeO) chiede l’intervento di Conte: «Mancano specialisti. In 5 anni 21mila laureati fermati da imbuto formativo»
Il Presidente della Federazione è amareggiato: «Chi spiegherà a 10.000 medici che le loro speranze sono state infrante da un Ministro della Repubblica che non ha capito cosa bisognava fare? E chi lo farà tra cinque anni, quando, per l’esito di vecchi ricorsi e di nuovi aumenti negli accessi, saranno diventati più di 21.000?»
Blockchain, Liberatore (IQVIA): «Ogni campo della sanità può essere ingegnerizzato»
All’evento “Futuro. Direzione Nord” il colosso mondiale IQVIA ha presentato la sua collaborazione con Consulcesi Tech su survey, ricerca e formazione dei medici. Liberatore: «Ora è possibile verificare se il medico ha svolto il suo aggiornamento»
Formazione ECM, Consulcesi cambia per sempre la FAD. Il presidente Tortorella: «Una best practice che porteremo nel mondo»
La realtà leader nella tutela dei camici bianchi e della formazione innova la Formazione a Distanza usando la Blockchain: «È la tecnologia del futuro con tantissime possibili applicazioni in ambito medico»
di Cesare Buquicchio e Arnaldo Iodice
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...