Sanità internazionale 3 Dicembre 2018

Cattolica di Tirana, in Albania nascono tanti medici italiani. Il Rettore Giardina: «Da noi cattolici, ortodossi e musulmani: qua si realizza un vero scambio culturale»

«La selezione a Medicina è paragonabile a quella che si può avere in Italia, anche più severa. Quest’anno si sono iscritti a fare l’esame circa un migliaio di persone e i posti a disposizione erano 50», spiega Giardina. È l’unica università straniera che rilascia titoli congiunti, ossia validi sia in Albania che in Italia, senza seguire ulteriori iter burocratici

C’è uno spicchio d’Italia al di là dell’Adriatico dove tanti studenti, anche di Medicina, decidono di approdare per prendere la laurea. È l’Università Cattolica “Nostra Signora del Buon Consiglio di Tirana, in Albania, l’unica università straniera che rilascia titoli congiunti, ossia validi sia in Albania che in Italia, senza seguire ulteriori iter burocratici.

«Nella nostra università ci sono cattolici, ortodossi e musulmani: si convive in pace e si può attuare un intenso e importante scambio culturale», sottolinea il Rettore Bruno Giardina, biochimico ed ex Direttore del Dipartimento di Diagnostica e Medicina di laboratorio del Policlinico Gemelli di Roma.

Tanti italiani sono attirati dal paese delle Aquile che negli ultimi anni sta vivendo una stagione particolarmente positiva. Per gli studenti di Medicina la Cattolica di Tirana rappresenta una ulteriore possibilità per passare lo sbarramento dei test di accesso, anche se la selezione a Tirana non è affatto scontata: «La selezione – spiega Giardina – è paragonabile a quella che si può avere in Italia, anche più severa. Quest’anno si sono iscritti a fare l’esame circa un migliaio di persone e i posti a disposizione erano 50».

L’ateneo è l’unico straniero dove si insegna in italiano. La Facoltà di Medicina dell’Università Cattolica collabora con l’Università Tor Vergata di Roma con la quale condivide gran parte dei docenti e lo stesso piano di studi.

Rettore, anche in Albania c’è il test di ingresso a Medicina?

«Certo. I numeri ce li dettano anche gli albanesi. Non è che possiamo inserire studenti senza limiti. Per quanto riguarda gli italiani, il numero viene stabilito dal Miur e dall’Università di Tor Vergata».

Sono tanti gli italiani che vengono da voi?

«Tanti italiani vengono qui, è una possibilità in più in aggiunta ai test delle università statali e delle università private. La selezione è paragonabile a quella che si può avere in Italia, anche più severa. Quest’anno si sono iscritti a fare l’esame circa un migliaio di persone e i posti a disposizione erano 50».

Nella sua università ci sono studenti di diverse fedi religiose…

«Sì, ci sono studenti cattolici, ortodossi e musulmano. È una cosa molto bella, è un campus dove si può attuare uno scambio culturale importante da tutti i punti di vista. È bello che non ci sia una palese ostilità di uno verso l’altro.

I docenti sono italiani?

«I docenti a Medicina sono al 95% italiani. È l’unica università straniera insegnata in italiano. È importante perché rappresenta un esempio di italianità che viene preso a modello dagli albanesi che ci amano molto: dovremmo cercare di coltivare questo rapporto».

Articoli correlati
Numero chiuso, De Filippo (IV): «Emendamento a legge di Bilancio per far entrare chi ha fatto ricorso»
Tra i provvedimenti allo studio, anche un ulteriore aumento delle borse di specializzazione. Di Maio (IV): «Allargare le possibilità di accesso alla professione medica»
Covid-19, Tortorella (Consulcesi): «Chiamata alle armi per medici ma chiediamo rispetto per ex specializzandi e nuove regole all’Università»
Oggi scadono i termini del bando per arruolare personale da impiegare negli ospedali più in difficoltà. Il presidente di Consulcesi, Massimo Tortorella: «Sosteniamo l’iniziativa del Governo con una campagna senza precedenti per la pandemia con la forza del più grande big data italiano, ma pretendiamo il rispetto degli specialisti non pagati e di chi fa ricorso per entrare a Medicina: subito la soluzione con l’approvazione della nuova Manovra finanziaria»
«Abbiamo bisogno di giovani con zoccoli sanitari, non sneakers colorate». La provocazione social di Consulcesi
Il presidente di Consulcesi, Massimo Tortorella: «Migliaia di ragazzi hanno fatto la fila fuori agli Atenei dopo aver studiato e fatto sacrifici e meritano una selezione meritocratica e intanto il Covid ha messo in evidenza la mancanza di specialisti: Parlamento verso una nuova sanatoria per l’ondata di ricorsi»
«Sono iscritta a Medicina perché ho vinto il ricorso». Storie di studenti che hanno sconfitto il numero chiuso
Marina, Roberta e Rachele stanno per laurearsi, ma non dimenticano l’emozione provata quando sono diventate studentesse di Medicina. E ora consigliano di fare ricorso a tutti coloro che sono stati vittime di irregolarità il giorno del test
Disegno di legge sul numero chiuso a Medicina: «Ammesso con riserva chi ha fatto ricorso»
Massimo Tortorella, presidente Consulcesi: «In Italia mancano 56mila medici. Arriva in Parlamento il Ddl che consentirà l’accesso con riserva a chi ha presentato ricorso al Tar. Gli aspiranti camici bianchi hanno tempo fino all’11 dicembre per presentare ricorso»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 dicembre, sono 63.254.854 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.468.322 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 1 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli