Sanità internazionale 3 dicembre 2018

Cattolica di Tirana, in Albania nascono tanti medici italiani. Il Rettore Giardina: «Da noi cattolici, ortodossi e musulmani: qua si realizza un vero scambio culturale»

«La selezione a Medicina è paragonabile a quella che si può avere in Italia, anche più severa. Quest’anno si sono iscritti a fare l’esame circa un migliaio di persone e i posti a disposizione erano 50», spiega Giardina. È l’unica università straniera che rilascia titoli congiunti, ossia validi sia in Albania che in Italia, senza seguire ulteriori iter burocratici

C’è uno spicchio d’Italia al di là dell’Adriatico dove tanti studenti, anche di Medicina, decidono di approdare per prendere la laurea. È l’Università Cattolica “Nostra Signora del Buon Consiglio di Tirana, in Albania, l’unica università straniera che rilascia titoli congiunti, ossia validi sia in Albania che in Italia, senza seguire ulteriori iter burocratici.

«Nella nostra università ci sono cattolici, ortodossi e musulmani: si convive in pace e si può attuare un intenso e importante scambio culturale», sottolinea il Rettore Bruno Giardina, biochimico ed ex Direttore del Dipartimento di Diagnostica e Medicina di laboratorio del Policlinico Gemelli di Roma.

Tanti italiani sono attirati dal paese delle Aquile che negli ultimi anni sta vivendo una stagione particolarmente positiva. Per gli studenti di Medicina la Cattolica di Tirana rappresenta una ulteriore possibilità per passare lo sbarramento dei test di accesso, anche se la selezione a Tirana non è affatto scontata: «La selezione – spiega Giardina – è paragonabile a quella che si può avere in Italia, anche più severa. Quest’anno si sono iscritti a fare l’esame circa un migliaio di persone e i posti a disposizione erano 50».

L’ateneo è l’unico straniero dove si insegna in italiano. La Facoltà di Medicina dell’Università Cattolica collabora con l’Università Tor Vergata di Roma con la quale condivide gran parte dei docenti e lo stesso piano di studi.

Rettore, anche in Albania c’è il test di ingresso a Medicina?

«Certo. I numeri ce li dettano anche gli albanesi. Non è che possiamo inserire studenti senza limiti. Per quanto riguarda gli italiani, il numero viene stabilito dal Miur e dall’Università di Tor Vergata».

Sono tanti gli italiani che vengono da voi?

«Tanti italiani vengono qui, è una possibilità in più in aggiunta ai test delle università statali e delle università private. La selezione è paragonabile a quella che si può avere in Italia, anche più severa. Quest’anno si sono iscritti a fare l’esame circa un migliaio di persone e i posti a disposizione erano 50».

Nella sua università ci sono studenti di diverse fedi religiose…

«Sì, ci sono studenti cattolici, ortodossi e musulmano. È una cosa molto bella, è un campus dove si può attuare uno scambio culturale importante da tutti i punti di vista. È bello che non ci sia una palese ostilità di uno verso l’altro.

I docenti sono italiani?

«I docenti a Medicina sono al 95% italiani. È l’unica università straniera insegnata in italiano. È importante perché rappresenta un esempio di italianità che viene preso a modello dagli albanesi che ci amano molto: dovremmo cercare di coltivare questo rapporto».

Articoli correlati
Sciopero medici, la voce degli studenti: «Senza programmazione e finanziamenti il nostro futuro è drammatico»
Blocco del turnover, imbuto formativo e precarietà sono solo alcune delle ragioni che hanno spinto tanti studenti di medicina e specializzandi a supportare lo sciopero di venerdì scorso indetto dalla dirigenza medica e sanitaria: «Per noi studenti diventa sempre più complesso capire se avremo un futuro nell’ambito della sanità»
Numero chiuso, Zauli (Univ. Ferrara) rompe fronte dei rettori: «Non sia quiz a selezionare medici del futuro»
Medico e professore di Anatomia Umana, è in disaccordo con molti dei suoi colleghi. E lancia la sua proposta: una preselezione e un meccanismo per cui passa al secondo anno chi ha conseguito i pieni voti accademici, cioè 27/30 nei 5 esami del primo anno entro il 30 settembre dell’anno successivo. Quattro le proposte di legge in discussione alla Camera
Numero chiuso, procede Ddl. Il no dei rettori: «Con abolizione crisi atenei». La proposta di Miccoli (Anvur): «Semestre formativo aperto a tutti»
Gaudio (Sapienza): «Pronti ad aumentare accessi ma una abolizione sarebbe non sostenibile per gli atenei». E spunta la proposta, a titolo personale, del presidente dell’Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema universitario e della Ricerca: «Test su materie comuni dopo tre mesi e, per chi non lo passa, la possibilità di usare quei CFU in altre facoltà»
Formazione medico, la proposta di riforma di FNOMCeO: percorso unico, specialità per MMG e crediti al liceo
I centosei presidenti degli ordini territoriali dei Medici hanno approvato all’unanimità una Mozione, con l’intento di far fronte alla grave carenza di specialisti e di medici di medicina generale attesa per i prossimi cinque anni per via della cosiddetta ‘gobba pensionistica’, e di portare al completamento del percorso di specializzazione i 15cimila medici ancora intrappolati nell’‘imbuto formativo’
Test Medicina, si avvicina l’abolizione del numero chiuso. In Commissione Cultura alla Camera parte l’iter della legge
Il relatore sarà il deputato e medico Cinque Stelle Manuel Tuzi. Tutte le proposte prevedono l’abolizione della legge 264 del 1999. Tiramani (Lega) e D’Uva (M5S) propongono un meccanismo di selezione dopo il primo anno di studi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...