Sanità internazionale 3 dicembre 2018

Cattolica di Tirana, in Albania nascono tanti medici italiani. Il Rettore Giardina: «Da noi cattolici, ortodossi e musulmani: qua si realizza un vero scambio culturale»

«La selezione a Medicina è paragonabile a quella che si può avere in Italia, anche più severa. Quest’anno si sono iscritti a fare l’esame circa un migliaio di persone e i posti a disposizione erano 50», spiega Giardina. È l’unica università straniera che rilascia titoli congiunti, ossia validi sia in Albania che in Italia, senza seguire ulteriori iter burocratici

C’è uno spicchio d’Italia al di là dell’Adriatico dove tanti studenti, anche di Medicina, decidono di approdare per prendere la laurea. È l’Università Cattolica “Nostra Signora del Buon Consiglio di Tirana, in Albania, l’unica università straniera che rilascia titoli congiunti, ossia validi sia in Albania che in Italia, senza seguire ulteriori iter burocratici.

«Nella nostra università ci sono cattolici, ortodossi e musulmani: si convive in pace e si può attuare un intenso e importante scambio culturale», sottolinea il Rettore Bruno Giardina, biochimico ed ex Direttore del Dipartimento di Diagnostica e Medicina di laboratorio del Policlinico Gemelli di Roma.

Tanti italiani sono attirati dal paese delle Aquile che negli ultimi anni sta vivendo una stagione particolarmente positiva. Per gli studenti di Medicina la Cattolica di Tirana rappresenta una ulteriore possibilità per passare lo sbarramento dei test di accesso, anche se la selezione a Tirana non è affatto scontata: «La selezione – spiega Giardina – è paragonabile a quella che si può avere in Italia, anche più severa. Quest’anno si sono iscritti a fare l’esame circa un migliaio di persone e i posti a disposizione erano 50».

L’ateneo è l’unico straniero dove si insegna in italiano. La Facoltà di Medicina dell’Università Cattolica collabora con l’Università Tor Vergata di Roma con la quale condivide gran parte dei docenti e lo stesso piano di studi.

Rettore, anche in Albania c’è il test di ingresso a Medicina?

«Certo. I numeri ce li dettano anche gli albanesi. Non è che possiamo inserire studenti senza limiti. Per quanto riguarda gli italiani, il numero viene stabilito dal Miur e dall’Università di Tor Vergata».

Sono tanti gli italiani che vengono da voi?

«Tanti italiani vengono qui, è una possibilità in più in aggiunta ai test delle università statali e delle università private. La selezione è paragonabile a quella che si può avere in Italia, anche più severa. Quest’anno si sono iscritti a fare l’esame circa un migliaio di persone e i posti a disposizione erano 50».

Nella sua università ci sono studenti di diverse fedi religiose…

«Sì, ci sono studenti cattolici, ortodossi e musulmano. È una cosa molto bella, è un campus dove si può attuare uno scambio culturale importante da tutti i punti di vista. È bello che non ci sia una palese ostilità di uno verso l’altro.

I docenti sono italiani?

«I docenti a Medicina sono al 95% italiani. È l’unica università straniera insegnata in italiano. È importante perché rappresenta un esempio di italianità che viene preso a modello dagli albanesi che ci amano molto: dovremmo cercare di coltivare questo rapporto».

Articoli correlati
Riforma numero chiuso, Guicciardi (FederSpecializzandi): «Modello francese dà troppa discrezionalità ai professori»
Il presidente dell’associazione si dice contrario all’abolizione dell’accesso programmato alle facoltà di Medicina senza l’aumento delle borse di specializzazione. Guicciardi ha dubbi anche sul sistema utilizzato in Francia, con uno sbarramento alla fine del primo anno: «Sorgerebbe il problema della trasparenza e dell’equità. Anche la Francia lo sta rimettendo in discussione»
Numero chiuso a Medicina, Salvini rilancia l’abolizione. E sposa la proposta del rettore Unife Zauli che vuole sperimentare lo stop ai test
Il vicepremier, sui social, sottolinea: «Via il numero chiuso a Medicina: diritto allo studio e al lavoro per tanti ragazzi, diritto alla salute per tanti Italiani. Sono d'accordo!». Il Magnifico Rettore dell’ateneo di Ferrara propone che dal prossimo anno accademico la soglia di sbarramento non sia più il test d'ingresso, ma finire tutti gli esami del primo semestre del primo anno con una media non inferiore al 27
Abolizione Numero Chiuso, Consulcesi: «Alle parole seguano i fatti»
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Bene le parole del vicepremier Salvini, ma e si cambino le regole fin dal prossimo anno accademico»
Numero chiuso e imbuto formativo, sempre più difficile diventare medico. In 10 anni 10mila medici via dall’Italia
Mestiere “a rischio estinzione” per il network legale Consulcesi. Il Presidente Massimo Tortorella: «Ancora troppa incertezza sul destino degli studenti. Ci saranno più posti a disposizione? Si passerà a un sistema alla francese? Servono risposte certe subito». Atenei in crisi: dal 2008 a oggi i docenti sono scesi da 63.228 a 53.801
Riforma numero chiuso, Fioramonti (Viceministro Miur): «Medicina sia sbocco finale di un percorso integrato»
Il delegato all’Università di Viale Trastevere parla della riforma del test di accesso a Medicina: «La modalità su cui cominciamo a riflettere è quella di un primo anno o di un percorso iniziale integrato tra varie discipline così che la medicina non sia più un percorso isolato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...