Sanità internazionale 3 agosto 2018

Carenza medici in GB: dopo la Brexit la formazione potrebbe essere più breve

Le regole europee impongono agli aspiranti medici un percorso formativo di almeno cinque anni. Una volta che la Gran Bretagna se ne sarà liberata con la Brexit, potrà decidere di accorciare il periodo di formazione necessario per poter esercitare la professione. Sarebbe questa, secondo quanto riportato dal Telegraph, una delle possibili soluzioni cui il Regno […]

Immagine articolo

Le regole europee impongono agli aspiranti medici un percorso formativo di almeno cinque anni. Una volta che la Gran Bretagna se ne sarà liberata con la Brexit, potrà decidere di accorciare il periodo di formazione necessario per poter esercitare la professione. Sarebbe questa, secondo quanto riportato dal Telegraph, una delle possibili soluzioni cui il Regno starebbe pensando per far fronte alla crescente carenza di medici all’interno del National Health Service.

Attualmente, dopo la laurea (di quattro anni) ai neo-dottori è richiesto di svolgere un altro anno di formazione lavorando come medici junior. In questo modo, raggiungono i cinque anni previsti dalle norme UE. La proposta prevede invece l’eliminazione dell’anno di lavoro e la possibilità quindi di esercitare la professione in quanto medici a tutti gli effetti subito dopo i quattro anni di studi universitari.

In questo modo, oltre a garantire un ricambio generazionale più veloce e massiccio e l’iniezione di nuova linfa nelle corsie degli ospedali di Sua Maestà, si assicurerebbe anche un risparmio di diversi milioni di sterline che potrebbero essere investiti nella formazione di altri studenti.

Un’altra proposta circolata nei corridoi di Westminster e di Downing Street prevede la conversione del percorso formativo di alcune professioni sanitarie, come ad esempio quello dei fisioterapisti, in lauree più brevi delle attuali quinquennali. Oppure, ancora, si pensa a periodi di apprendistato da svolgere in Gran Bretagna da proporre agli studenti di medicina che, non essendo riusciti ad entrare in graduatoria, hanno deciso di studiare all’estero. In questo modo, sarebbero incoraggiati a tornare a casa ed a lavorare nel NHS.

«Ci sono anche effetti positivi che la Brexit può offrirci» ha commentato il membro della Camera dei Lord conservatore Stephen Barclay, nel tentativo di distrarre l’opinione pubblica dall’«isteria» provocata dalle prospettive che vedono, in caso di assenza di accordo, una Gran Bretagna senza farmaci. «C’è la necessità di aumentare il numero di medici e professionisti sanitari e queste potrebbero essere alcune soluzioni per centrare l’obiettivo».

Al contrario, le associazioni di pazienti hanno già iniziato a lanciare l’allarme: «Qualunque modifica al percorso formativo dei medici – ha dichiarato Peter Walsh di Action Against Medical Accident – deve essere sottoposto ad un’attenta analisi, prestando particolare attenzione alle implicazioni che può avere sulla qualità delle cure e sulla sicurezza dei pazienti. C’è un motivo per cui ora sono necessari cinque anni per formare adeguatamente un medico. Abbassare l’asticella e cercare una soluzione semplice e rapida al problema della carenza dei medici possono avere delle pericolose ed inattese conseguenze».

LEGGI ANCHE: CARENZA MEDICI, ANCHE LA FIASO LANCIA L’ALLARME: «NEI PROSSIMI 5 ANNI NE MANCHERANNO QUASI 12MILA, MAGGIOR NUMERO TRA ANESTESISTI»

Articoli correlati
Dissezione su cadavere, l’eccellenza all’università di Bologna: 400 metri quadri al servizio di studenti, chirurghi e ricercatori
L’Italia ferma ad un Regio Decreto del 1933. Ad ottobre 2018, Pierpaolo Sileri (M5S) ha presentato un disegno di legge in tema disposizione del proprio corpo e dei tessuti post mortem a fini di studio, di formazione e di ricerca scientifica
di Isabella Faggiano
Accademia dei pazienti-Eupati Italia, il paziente “esperto” affianca il medico nel percorso terapeutico
Informazione, formazione e competenza: un paziente preparato e consapevole supporta il professionista sanitario con la sua esperienza diretta di malattia, veicola le necessità degli altri ed aiuta ad arginare il fenomeno della disinformazione in salute
San Valentino, le tecniche antistress che salvano l’amore: una vita di coppia sana passa anche dalla regola delle tre “C”
La dottoressa Serena Missori, endocrinologa e nutrizionista: «Consapevolezza, conoscenza e coscienza per stare bene con se stessi e con il partner. Così lo stress da nemico diventa alleato». On line il primo ebook "Antistress: teoria e pratica”
Napoli, medici del Cardarelli a Grillo e De Luca: «Intervenite, il nostro disagio è al limite. Siamo troppo penalizzati»
L'intersindacale: «Medici del Cardarelli subiscono gravi ed impari penalizzazioni professionali ed economiche. Fondi del Trattamento Accessorio attribuiti dalla Regione regolarmente scippati e non utilizzati per riconoscere i risultati e incentivare le migliori professionalità»
Ecco il guanto sensorizzato che insegna ad operare, valuta la funzionalità della mano e traduce la lingua dei segni
Sembra uscito da un film di supereroi, il guanto ‘sensorizzato’ inventato dal professor Giovanni Saggio dell’università Tor Vergata di Roma. A vederlo sembra un guanto comune, ma è l’unico in grado di misurare i movimenti della mano, valutando ogni singola articolazione delle dita. Può pilotare a distanza una mano robotica e controllare oggetti virtuali, può […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...