Sanità internazionale 3 Agosto 2018

Carenza medici in GB: dopo la Brexit la formazione potrebbe essere più breve

Le regole europee impongono agli aspiranti medici un percorso formativo di almeno cinque anni. Una volta che la Gran Bretagna se ne sarà liberata con la Brexit, potrà decidere di accorciare il periodo di formazione necessario per poter esercitare la professione. Sarebbe questa, secondo quanto riportato dal Telegraph, una delle possibili soluzioni cui il Regno […]

Immagine articolo

Le regole europee impongono agli aspiranti medici un percorso formativo di almeno cinque anni. Una volta che la Gran Bretagna se ne sarà liberata con la Brexit, potrà decidere di accorciare il periodo di formazione necessario per poter esercitare la professione. Sarebbe questa, secondo quanto riportato dal Telegraph, una delle possibili soluzioni cui il Regno starebbe pensando per far fronte alla crescente carenza di medici all’interno del National Health Service.

Attualmente, dopo la laurea (di quattro anni) ai neo-dottori è richiesto di svolgere un altro anno di formazione lavorando come medici junior. In questo modo, raggiungono i cinque anni previsti dalle norme UE. La proposta prevede invece l’eliminazione dell’anno di lavoro e la possibilità quindi di esercitare la professione in quanto medici a tutti gli effetti subito dopo i quattro anni di studi universitari.

In questo modo, oltre a garantire un ricambio generazionale più veloce e massiccio e l’iniezione di nuova linfa nelle corsie degli ospedali di Sua Maestà, si assicurerebbe anche un risparmio di diversi milioni di sterline che potrebbero essere investiti nella formazione di altri studenti.

Un’altra proposta circolata nei corridoi di Westminster e di Downing Street prevede la conversione del percorso formativo di alcune professioni sanitarie, come ad esempio quello dei fisioterapisti, in lauree più brevi delle attuali quinquennali. Oppure, ancora, si pensa a periodi di apprendistato da svolgere in Gran Bretagna da proporre agli studenti di medicina che, non essendo riusciti ad entrare in graduatoria, hanno deciso di studiare all’estero. In questo modo, sarebbero incoraggiati a tornare a casa ed a lavorare nel NHS.

«Ci sono anche effetti positivi che la Brexit può offrirci» ha commentato il membro della Camera dei Lord conservatore Stephen Barclay, nel tentativo di distrarre l’opinione pubblica dall’«isteria» provocata dalle prospettive che vedono, in caso di assenza di accordo, una Gran Bretagna senza farmaci. «C’è la necessità di aumentare il numero di medici e professionisti sanitari e queste potrebbero essere alcune soluzioni per centrare l’obiettivo».

Al contrario, le associazioni di pazienti hanno già iniziato a lanciare l’allarme: «Qualunque modifica al percorso formativo dei medici – ha dichiarato Peter Walsh di Action Against Medical Accident – deve essere sottoposto ad un’attenta analisi, prestando particolare attenzione alle implicazioni che può avere sulla qualità delle cure e sulla sicurezza dei pazienti. C’è un motivo per cui ora sono necessari cinque anni per formare adeguatamente un medico. Abbassare l’asticella e cercare una soluzione semplice e rapida al problema della carenza dei medici possono avere delle pericolose ed inattese conseguenze».

LEGGI ANCHE: CARENZA MEDICI, ANCHE LA FIASO LANCIA L’ALLARME: «NEI PROSSIMI 5 ANNI NE MANCHERANNO QUASI 12MILA, MAGGIOR NUMERO TRA ANESTESISTI»

Articoli correlati
Medici e infermieri pronti per seconda ondata: in estate + 30% corsi online su Covid
Consulcesi registra un picco rispetto l’anno precedente e nella top ten dei titoli più scelti 8 sono sulla pandemia: in pole il docufilm “Covid 19 – Il virus della Paura”
Tumori cerebrali età pediatrica, al via il progetto dell’università di Messina
La gestione dei pazienti con conseguenze endocrino-metaboliche a medio e lungo termine causate da tumori cerebrali curati in età pediatrica. Si basa su questo il progetto che sarà presentato venerdì 4 settembre, dalle 10.30 alle 13, nell’Aula magna ‘Filippo De Luca’ del padiglione NI dell’Azienda universitaria Policlinico ‘Gaetano Martino’ di Messina. Il Responsabile scientifico del […]
Operarsi al cuore sotto ipnosi. Nonini (Niguarda): «Tempi rapidi e pazienti soddisfatti»
La dottoressa Sandra Nonini, specialista in anestesia e rianimazione, spiega tutte le potenzialità dell’ipnosi in ambito medico e i campi di applicazione: dal prelievo di sangue passando per gastroscopia, broncoscopia e colonscopia fino ad arrivare a interventi di cardiochirurgia
«La formazione manageriale come nudge per il SSN e per il post Covid»
Tra gli elementi che la pandemia ha sollecitato vi è anche quello della complessità dei Sistema Sanitario. L’implementazione di competenze diffuse e trasversali è stata indispensabile per proporre risposte organizzative e di gestione dei bisogni di salute anche in periodo Covid. Strumenti tecnici e human skills che sono necessarie a governare i processi verso obiettivi […]
di Marinella D’Innocenzo, Direttore Generale ASL Rieti e coordinatrice del Corso di formazione manageriale Direttori di Struttura complessa Istituto “Arturo Carlo Jemolo”
Consumerismo critica decreto Scuola: «L’eccellenza del nostro SSN svilita in Parlamento»
Secondo l'associazione dei consumatori, il bonus di 50 crediti ECM è «un sei politico per tutti che sa di premio alla mediocrità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 settembre, sono 32.234.685 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 983.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...