Sanità internazionale 11 Aprile 2017

Analisi OCSE: la fotografia della sanità in 29 Paesi

L’OCSE, Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico, ha pubblicato il risultato di una ricerca, dal titolo “Health Policy in Your Country”, che riassume in diverse schede la situazione della sanità in 29 Paesi, europei e non. Tra questi l’Italia, il cui sistema sanitario è definito di buona qualità e con buoni risultati, nonostante […]

L’OCSE, Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico, ha pubblicato il risultato di una ricerca, dal titolo “Health Policy in Your Country”, che riassume in diverse schede la situazione della sanità in 29 Paesi, europei e non. Tra questi l’Italia, il cui sistema sanitario è definito di buona qualità e con buoni risultati, nonostante le spese per il settore siano inferiori alla media dei Paesi OCSE ad alto reddito.  L’OCSE sottolinea quindi l’importanza di evitare che la qualità del servizio sia compromessa dagli sforzi per contenere le spese. Viene inoltre sottolineata la necessità di promuovere una maggiore adeguatezza delle cure e, soprattutto, superare differenze e disuguaglianze, definite “inefficienti e inique”, che si registrano a livello regionale.

Particolarmente elogiati i sistemi sanitari dei Paesi del nord Europa: ma nonostante, ad esempio, Danimarca e Norvegia, offrano ai propri cittadini dei servizi di ottima qualità e vantino elevati finanziamenti nel settore, l’invecchiamento della popolazione sta mettendo in difficoltà l’assistenza sanitaria primaria, che nei prossimi anni dovrà essere incrementata.

La stessa valutazione viene fatta analizzando il sistema della Germania, che raggiunge ottimi livelli, ma che nei prossimi anni potrebbe soffrire di una carenza di camici bianchi. La sanità tedesca inoltre deve affrontare il problema della mancanza di medici in alcune zone, specialmente quelle rurali: nonostante ci siano oggi molti medici, questi sono distribuiti in modo non uniforme, facendo nascere preoccupazioni sulla possibilità di assicurare un accesso efficace alle cure mediche in tutto il paese.

Lo stesso problema è condiviso dalla Francia che, pur ottenendo risultati migliori della media OCSE, è affetta dalla scarsità di medici in zone rurali e zone svantaggiate da un punto di vista sociale e economico.

La disuguaglianza nell’accesso alle cure tra le diverse fasce della popolazione riguarda invece il Belgio, in cui le persone con un reddito più basso tendono a non fare esami clinici, non solo a causa dei costi ma anche dei tempi di attesa di visite e operazioni e delle distanze per raggiungere gli ospedali.

L’Olanda registra netti miglioramenti nel sistema sanitario ma il rapporto OCSE sottolinea preoccupazione per la sua sostenibilità finanziaria: dedicando l’11,1 del PIL alla sanità, l’Olanda si staglia al secondo posto nella classifica OCSE, dopo gli Stati Uniti.

Nel Regno Unito, pur vantando un ottimo livello di accesso all’assistenza sanitaria primaria, si dovrebbe migliorare la qualità dei servizi, peggiorata anche a causa dei tagli sostanziali che la sanità ha subito negli ultimi anni.

Allo stesso modo, le conseguenze della crisi economica hanno portato a una riduzione delle spese per la salute pro capite anche in Spagna, contribuendo all’allungamento dei tempi di attesa per esami e interventi, già aumentati dal 2010 al 2014 e molto al di sopra della media. La Spagna dovrebbe inoltre migliorare l’accesso ai servizi, investire di più sui professionisti sanitari e migliorare la qualità delle cure.

Bandiera nera per la Grecia, dove, tra il 2009 e il 2013, la spesa per la sanità è diminuita di 5,2 milioni di euro, ovvero del 32%. Nel 2013 inoltre il Governo ha tagliato le spese di un ulteriore 3%. Nonostante nel sistema greco si registrassero sprechi e cattivi investimenti, questa importante riduzione rappresenta ovviamente un choc difficilmente superabile dal sistema, che ha colpito tutti i settori della sanità del Paese. E’ inoltre registrata una presenza doppia di medici rispetto agli infermieri, dato contrario a tutti gli altri Paesi analizzati.

Infine, lasciando il continente europeo, è degno di nota il Giappone, dove si registra l’aspettativa di vita più alta di tutti i Paesi OCSE, dato forse legato al fatto che i giapponesi si fanno visitare il doppio rispetto alla media OCSE: i dati indicano infatti una media di visite pro capite pari a 12,8, numero che tra l’altro aumenta ulteriormente tra le persone più anziane. Inoltre, mentre negli altri stati analizzati si è registrato un taglio alla spesa destinata al settore, il Giappone ha aumentato la percentuale del PIL dedicata alla sanità, assicurando una qualità degli ospedali molto elevata e un numero di letti pro capite più alto rispetto a tutti i Paesi dell’Organizzazione.

Articoli correlati
Pierpaolo Sileri (M5S): «Allarme infezioni ospedaliere, ecco le proposte per prevenirle e combatterle»
«L’utilizzo adeguato degli antibiotici è il primo passo, la corretta informazione su come e quando assumerli il secondo, il terzo è investire sempre di più nella gestione degli ospedali». La strategia del presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato per contrastare una grave minaccia per la salute globale
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»
Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Giornata del Chimico-Fisico, Orlandi (FNCF): «Ambiente e salute, nostro ruolo decisivo. Politica ne tenga conto»
A Roma celebrata la prima giornata nazionale del Chimico-Fisico, professione ora inserita tra quella sanitarie. «Non mancano nella nostra categoria sfide legate all’intelligenza artificiale, ai big data, all’evoluzione delle apparecchiature e conseguentemente l’impatto sulla salute di queste tecnologie sia in ambito ospedaliero che in ambito industriale e ambientale», sottolinea la presidente dell'Ordine Nausicaa Orlandi
Circolazione extra-corporea, a Salerno il Congresso Europeo. La presidente Mascitelli: «Perfusionista lavoro bellissimo anche se ad alto rischio»
Dal 12 al 14 giugno il congresso che riunisce ricercatori, tecnici della fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare, cardiologi, cardiochirurghi, anestesisti per fare il punto sulle nuove tecnologie. La presidente Maria Erminia Macera Mascitelli: «Per noi aggiornamento professionale è obbligatorio, altrimenti è impossibile stare al passo con l’innovazione tecnologica»
Contenzioso medico-legale, un costo enorme per ospedali e Asl. La spesa più alta nel meridione
Una spesa di 190 milioni di euro nel 2018 per il SSN derivante dalle cause di contenziosi in sanità. Le strutture sanitarie meridionali le più colpite con il 63% delle spese legali complessive. È quanto emerge dall’indagine di Demoskopika sulle performance delle regioni italiane in sanità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...
Politica

Europee, ecco i risultati. Vanno bene i camici bianchi

Entra nel Parlamento europeo Pietro Bartolo, il medico di Lampedusa candidato con il Partito Democratico che conquista nella circoscrizione insulare oltre 135 mila voti, secondo nelle preferenze solo ...