Salute 7 Aprile 2022 09:02

World Health Day. Inquinamento killer, Miani (SIMA): «Ogni anno, uccide 13 mln di persone nel mondo»

I dati OMS: 9 persone su 10 respirano aria inquinata, 3,6 miliardi di individui non dispongono di servizi igienici adeguati, 2 miliardi non hanno acqua potabile. Il presidente della SIMA: «In Italia, le patologie cardiovascolari sono la prima causa di morte per inquinamento»

Ogni 4 secondi e mezzo una persona perde la vita a causa di tumore ai polmoni, malattie cardiache o ictus. Ogni anno, nel mondo, più di 13 milioni di individui muoiono per patologie dovute all’inquinamento atmosferico. A lanciare l’allarme, in occasione del World Health Day, che si celebra ogni anno il 7 aprile, è l’Organizzazione Mondiale della Sanità. “Il nostro pianeta, la nostra salute” è lo slogan scelto per l’edizione 2022.

Come l’inquinamento “entra” nel corpo umano

«L’inquinamento può raggiungere diversi organi del nostro corpo, attraverso la pelle, la nostra prima barriera, o anche il cibo che mangiano, l’acqua che beviamo e l’aria che respiriamo – spiega Alessandro Miani, presidente della Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA) -. Le polveri sottili, in particolare, per la loro dimensione ridotta, sono in grado di raggiungere il circolo sanguigno e, attraverso il sangue, gli organi interni». Nove persone su 10 respirano aria inquinata, 3,6 miliardi di individui non dispongono di servizi igienici adeguati, 2 miliardi non hanno acqua potabile. L’aumento delle temperature e le inondazioni causate dai cambiamenti climatici, poi, metteranno altri 2 miliardi di persone a rischio di infezione da Dengue (dati OMS).

Le patologie da inquinamento

Le patologie dell’apparato cardiovascolare sono la prima causa di morte in Italia per inquinamento: «Nel nostro Paese, 35 mila morti per eventi coronarici e infarto miocardico su 120 mila sono attribuibili ad esposizioni ambientali – precisa Miani -. Su 200 mila casi di ictus cerebrali, 50 mila sono dovuti all’inquinamento». Non meno aggressive e diffuse sono le patologie dell’apparato respiratorio come asma, pneumoconiosi, asbestosi, fibrosi e allergie. Accertata anche la correlazione tra inquinamento e patologie riproduttive: «L’ipofertilità riguarda 2 milioni d’italiani, l’infertilità 250 mila coppie – dice il presidente della SIMA -. Gli agenti inquinanti possono intaccare anche la formazione del feto: i casi di malformazioni congenite in Italia sono 54 mila all’anno, rischio che nelle aree inquinate aumento fino al 9%». Ancora, patologie neurologiche e neurodegenerative: le polveri sottili aumentano del 15% il rischio di Alzheimer e dell’8% l’insorgenza di morbo di Parkinson.

Gli effetti indiretti dell’inquinamento sulla salute

Esistono, poi, degli effetti cosiddetti indiretti, dovuti ad esposizioni croniche o a danno epigenetico. «Nei siti inquinati aumenta l’incidenza di tutti i tumori. Solo per citare alcuni esempi, in questi luoghi, è stato registrato un +29% di tumori polmonari, +36% di tumori testicolari, +50% di linfomi e tumori della mammella, +66% di Leucemie», dice Miani. Possono essere determinate da cause ambientali anche le patologie da ipersensibilità, come le allergie, dermatiti e altre reazioni cutanee, quelle del neurosviluppo, come i disturbi dello spettro autistico, le malattie endocrine (diabete giovanile di Tipo 1) e auto-immunitarie (Tiroidite di Hashimoto).

Come cambiare rotta

I numeri delle vittime da inquinamento, dirette e indirette, senza un repentino cambio di rotta, sono destinate a crescere. Per arginare questa strage continua è necessario un impegno globale che coinvolga sia i cittadini che le Istituzioni. «L’obiettivo numero uno – dice Miani – è ridurre l’inquinamento atmosferico utilizzando energie pulite, elettrificando il riscaldamento degli edifici, frenando gli allevamenti intensivi e il traffico veicolare. Solo in questo modo sarà possibile ridurre in maniera significativa l’emissione di polveri sottili e di ossidi di azoto, responsabili di molte patologie e decessi correlati all’inquinamento atmosferico».

Dalle azioni individuali al cambiamento universale

In attesa che la classe politica faccia la sua parte, ogni individuo può contribuire a questa inversione di tendenza con piccoli gesti quotidiani. «Tutti possiamo prestare maggiore attenzione alla nostra alimentazione -assicura il presidente della SIMA – scegliendo, ad esempio, prodotti che non siano imballati in packaging plastici. Queste plastiche abitualmente utilizzate contengono distruttori endocrini, responsabili di importanti patologie croniche, spesso non curabili, come l’autismo o disturbi del neurosviluppo».

L’acqua è un altro bene primario da salvaguardare: «Oggi, in Italia, l’inquinamento non riguarda più solo il mare, ma anche le acque interne. I corsi d’acqua sono sempre più ricchi di inquinanti emergenti come metaboliti di farmaci e droghe – aggiunge il presidente della SIMA -. Si tratta di oltre 1.300 prodotti, classificati come PFAS (sostanze perfluoroalchiliche, ovvero composti chimici utilizzati in campo industriale per la loro capacità di rendere i prodotti impermeabili all’acqua e ai grassi), che entrando nel ciclo vitale dei pesci e delle piante acquatiche, giungono fino a noi. Così come ci arrivano le nano plastiche utilizzate per farmaci, prodotti cosmetici ed anche per l’abbigliamento».

Accade ogni giorno, di continuo, spesso senza che nemmeno ce ne rendiamo conto. Anche mentre facciamo il bucato: «Con un solo lavaggio in lavatrice di una felpa di pile liberiamo circa un milione di nano plastiche che, inevitabilmente – conclude Miani – finiscono nei corsi d’acqua ed entrano nel ciclo vitale degli ecosistemi, compreso quello degli esseri umani».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Oltre 46 mld di mascherine usate in Italia. SIMA: «Tsunami per l’ambiente»
Da quando è iniziata la pandemia sono state usate in Italia oltre 46 miliardi di mascherine. Dalla SIMA allarme per inquinamento mari
di Redazione
L’allarme dello scienziato: il cambiamento climatico fa ammalare i bambini
Lo scienziato svedese Tobias Alfvén ha parlato chiaro al Festival della Scienza Medicina 2022: le conseguenze dei cambiamenti climatici impatteranno sulle future generazioni rendendole più vulnerabili alle malattie, e lo stanno già facendo
Obesità in Europa al 59% negli adulti. Chianelli (AME): «Non è una questione di volontà, è una malattia e va curata»
Secondo l’ultimo Rapporto europeo sull'obesità regionale dell'OMS 2022 l'obesità ha raggiunto "proporzioni epidemiche" in Europa. L'organizzazione mondiale della sanità, dopo la presentazione del suo ultimo report mostra che la malattia sta causando 200.000 casi di cancro e 1,2 milioni di decessi all'anno
di Stefano Piazza
Molestie olfattive e inquinamento, ecco l’App per segnalare la puzza sul territorio
Il progetto NOSE del CNR insieme ad ARPA Sicilia consente di mappare e identificare i siti a rischio
Inquinamento: l’UE boccia l’Italia e la Corte la condanna
Miani (SIMA): «La prima causa d’inquinamento atmosferico in Italia è la combustione per il riscaldamento degli edifici, al secondo posto ci sono gli allevamenti intensivi, al terzo il traffico veicolare. Necessario un cambio di rotta immediato: se dovessimo incentivare da domani l’acquisto di auto elettriche ci vorranno almeno 10 anni prima che ogni italiano ne abbia una»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 giugno, sono 543.612.507 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.329.069 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali