Salute 5 Novembre 2021 18:06

Vista “bionica”. Nuova retina artificiale impiantata a 70enne non vedente. Rizzo (oculista): «Il paziente già percepisce la luce»

Cominciato il percorso riabilitativo, lo specialista: «Attraverso degli esercizi specifici e la stimolazione degli elettrodi impiantati il paziente “reimparerà” a vedere. Nel tempo, distinguerà la forma degli oggetti e riconoscerà il movimento. Le “nuove” immagini gli appariranno in bianco e nero e pixelate»

di Isabella Faggiano

Piccola come la punta di una matita, 5 millimetri di diametro per 1 di spessore, la nuova retina artificiale NR600 è un vero e proprio gioiello hi-tech. «Posizionato sopra la superficie della retina di un paziente non vedente, prende il posto dei fotorecettori (quelle cellule specializzate che ci permettono di vedere) e, attraverso degli elettrodi tridimensionali, invia impulsi alle cellule ganglionari, che trasmettono l’informazione al cervello, lungo le vie ottiche. Proprio come farebbe una vera retina». A spiegare il funzionamento di questo promettente impianto di ultima generazione è Stanislao Rizzo, direttore della UOC Oculistica della fondazione policlinico universitario Agostino Gemelli IRCCS e ordinario di Clinica Oculistica all’università Cattolica campus di Roma.

Lo studio multicentrico

Il professor Rizzo, già pioniere negli impianti di retina artificiale (nel 2011 per primo impiegò  l’Argus, la prima protesi retinica utilizzata in un paziente non vedente) è stato il primo in Italia ad impiantare questo tipo di retina artificiale ad un settantenne non vedente, affetto da una grave forma di retinite pigmentosa che aveva causato la perdita della vista. La nuova retina artificiale (NR600) è stata messa a punto dalla start up Nano Retina, che ha il suo quartier generale a Herzliya, la “Silicon Valley” israeliana, nei pressi di Tel Aviv. In Europa viene sperimentato all’interno di uno studio clinico multicentrico, che coinvolgerà una ventina di pazienti, mirato a ottenere l’approvazione CE di questa innovativa protesi retinica. «Abbiamo già calendarizzato il prossimo intervento al Policlinico Gemelli di Roma – assicura il professor Rizzo -. È in programma per la prossima settimana».

Gli esiti dell’operazione chirurgica

«Dopo l’intervento, durato circa due ore – racconta lo specialista – l’uomo era già in grado di percepire la luce. I micro-elettrodi 3D,  posizionati sulla retina artificiale, sono attivati da speciali occhiali indossati dal paziente che inviano al device un raggio infrarosso, alimentato da un minuscolo impianto fotovoltaico (due cellule fotovoltaiche) di cui è dotato». A circa una settimana dall’intervento il paziente è in ottime condizioni di salute generale e il team del professor Rizzo attende buoni risultati: «Questa nuova retina artificiale è dotata di oltre 400 elettrodi, molti di più dell’Argus (la tipologia impiantata finora) che ne possedeva 60», sottolinea l’oculista.

Come si vede con la vista bionica

Il 70enne, ora, dovrà seguire un programma di riabilitazione per diversi mesi. La riabilitazione, cominciata ieri, prevede una serie di esercizi, attraverso i quali il paziente “reimpara” a vedere attraverso questa sorta di occhio bionico, e la stimolazione degli elettrodi, il cosiddetto fine-tuning. «Al termine di questo speciale training, ci si aspetta che il paziente possa distinguere la forma degli oggetti e riconoscere il movimento. Con il tempo imparerà ad interpretare queste nuove immagini che gli appariranno in bianco e nero e pixelate». In questo modo il paziente potrà migliorare la sua interazione sociale e riconquistare parte della sua autonomia quotidiana.

Pazienti eleggibili

Restituire anche solo una parvenza di vista a persone che vivono da anni al buio, è il sogno di qualunque medico. «Ma questa retina artificiale – sottolinea Rizzo – per ora è indicata solo per pazienti affetti da retinite pigmentosa (patologia che colpisce circa 150 mila italiani) negli stadi più avanzati di malattia, cioè persone che hanno perso completamente la vista da entrambi gli occhi, una condizione che interessa circa 1.000-1.500 italiani». I criteri di selezione per entrare in questo trial sperimentale sono severi e restrittivi. «I candidati sono selezionati a seguito di colloqui psicologici, utili a valutare sia le potenzialità del paziente di proseguire lungo un percorso riabilitativo che lo impegnerà a lungo, sia le sue aspettative. Chi si sottopone a questo intervento – conclude il professore Rizzo – deve essere preparato al fatto che questo impianto non gli restituirà una visione normale, ma artificiale, “bionica”».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Milano, Ospedale San Paolo: intervento di retina artificiale e dimissione in 24h
La retinite pigmentosa è una malattia degenerativa su base genetica, estremamente invalidante e che porta generalmente alla cecità. La maggior parte dei pazienti raggiunge il grado di cecità legale attorno all’età di 40 anni. A due anni dal primo intervento effettuato per curare una grave forma di retinite pigmentosa, all’Ospedale San Paolo (ASST Santi Paolo e […]
SIFI apre nuova filiale in Francia e partecipa al Congresso SFO
SIFI, azienda italiana leader nello sviluppo di soluzioni per le patologie oculari, è lieta di comunicare l’apertura di SIFI France SAS, nuova filiale francese, situata a Rueil Malmaison (Parigi). Annuncia inoltre che per la prima volta parteciperà ad un Congresso di Oftalmologia francese, SFO 2018, che si svolge dal 5 all’8 maggio, al Palais des […]
Gli oculisti territoriali hanno fatto GOAL a Milano
Concluso il congresso nazionale GOAL (Gruppo Oculisti Ambulatoriali Liberi), svoltosi a Milano, dal titolo “L’oculista territoriale, il presente e il futuro", che è stato occasione di approfondire i main topic della professione con un “occhio” al digitale
Congresso Nazionale Goal: l’oculista territoriale tra presente e futuro
Primo appuntamento con l’innovazione per la società scientifica Goal (Gruppo Oculisti Ambulatoriali Liberi) che organizza a Milano il 29 ed il 30 settembre, presso lo Starhotels Rosa Grand, il congresso nazionale dal titolo “L’oculista territoriale, il presente e il futuro”. Il Gruppo Oculisti Ambulatoriali Liberi nasce per valorizzare il ruolo dell’oculista territoriale nel sistema sanitario nazionale e […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali